Alessandro Bega: “Che emozione la prima vittoria”

di - 24 Settembre 2012


(Alessandro Bega premiato in Kuwait)

di Alessandro Nizegorodcew

Primo titolo in carriera per Alessandro Bega. Il giovane azzurro, classe 1991 e numero 548 Atp, ha centrato la vittoria alla prima occasione. “E’ stata una bellissima emozione” – ha raccontato l’allievo di Laura Golarsa a Spazio Tennis – “anche perché non avevo mai raggiunto una finale futures e sono riuscito a conquistare anche il torneo. A fine match non vedevo l’ora di avvisare amici e parenti a casa…”

Una vittoria molto lontano da casa, arrivata a Meshref (Kuwait). “Sono arrivato in Kuwait il sabato sera tardi alle 23 e c’erano già 38°. Durante il giorno si moriva di caldo e le temperature erano sempre sopra i 40°. Nei primi due giorni ho giocato piuttosto male, poiché non riuscivo ancora ad abituarmi al caldo. Poi piano piano le cose sono andate meglio e nei quarti ho giocato una partita lottatissima contro il francese Romain Sichez, vinta 67 64 61. In semifinale con Ghareeb c’è stata invece grande lotta nel primo parziale (7-5), poi lui si è ritirato nel secondo per una vescica al piede. Il giorno della finale ero molto teso, ma allo stesso tempo determinato. Il mio avversario era il giovane americano Sean Berman, classe 1993. La finale è stata disputata su un altro campo rispetto a quelli degli altri giorni, perché doveva andare in diretta televisiva. Era un centralino con una superficie più veloce rispetto agli altri campi. E’ stato un incontro molto lottato, all’inizio cercavo di scambiare il più possibile perché ero emozionato e così col tempo mi sono sciolto. Sono andato avanti 5-3 nel primo set con 6 palle set a disposizione, ma mi sono fatto raggiungere sul 5-5. Qui però ho ripreso in mano le redini del gioco chiudendo 7-5. Nel secondo sono partito subito bene, salendo 2-0, ma anche in quella circostanza ho perso il break di vantaggio. Sul 5-4 per me ho tolto il servizio al mio avversario, conquistando break e vittoria finale!”

 

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *