11 commenti

  1. bogar67

    Purtroppo a mia figlia non riesco a dare regole come chiede questo maestro e per le poche in cui riesco a far valere la mia potestà di padre faccio una fatica immensa, sono un genitore di tennista perdente in partenza.

  2. nunziovobis

    ma quali sarebbero queste regole? ma non abbiamo anche detto che se il ragazzo fa il robottino dopo un po si stufa? e federer che da junior rompeva le racchette, aveva regole?
    Mia figlia è senza regole, genio e incazzatura continua, ci sono speranze?

  3. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Ragazzi ma secondo me (interpretazione personale del pensiero di Coppo, forse sbagliata) Giampaolo non si riferiva a bambine e bambini di 5-8 anni quando ha usato la parola “regole”. Credo che questo discorso si possa fare un po’ più avanti..

  4. nunziovobis

    se uno nasce toro non può morire pecora, se uno ha la testa dura a 5 anni, difficilmente a 10 anni sarà meno dura

  5. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @nunziovobis
    Però dipende da cosa si intende per regole.. è un discorso complesso, magari lo approfondiremo proprio con Coppo..

  6. io c'ero,ci sono e ci sarò

    Educazione dentro e fuori del campo.E la si può dare a 5,10,15 e 20 anni.Se non ci riesce il genitore spetta al maestro,nell’ambito del tennis e chi non accetta le “regole” può sempre cambiare sport.

  7. Mauro g&f

    I bambini accettano le regole, sono i primi a darsele quando iniziano un gioco con altri bimbi, il problema è che devono capirle e sapere a cosa servono. Noi genitori, ma anche la maggior parte degli educatori non spieghiamo mai a cosa servono le regole, confondiamo spesso il fine con il mezzo, la regola è solo il mezzo per raggiungere qualcosa. Quel qualcosa va spiegato con pazienza estrema pazienza e costanza; invece è spesso molto più facile dire devi fare così perchè lo dicono le regole, come se appunto fossero il fine invece che spiegare, spiegare e spiegare.
    Quando un bimbo capisce il fine, come nei giochi fra coetanei, le regole se le da da sole ma soprattutto le rispetta.

  8. bogar67

    Aspettiamo l’approfondimento con il maestro, io a mia figlia non riesco a dare regole ne fuori dal campo da tennis dove surroga mia moglie ne dentro e per questo dopo un tentativo di improvvisarmi genitore-coach questa estate ho mollato del tutto delegando al maestro che invece ci riesce benissimo. Nel mio caso specifico per regole intendo seguire gli esercizi tecnici da effettuare per migliorarsi che non è la stessa cosa di obbligarla a giocare a tennis, gioco che invece apprezza tantissimo ed affronta con sorriso ma anche con grinta impressionante.

  9. nunziovobis

    invece con me è il contrario, mia figlia in mia presenza rispetta le regole perche parlo parlo parlo, invece in sat dove ogni 5 minuti ce una pausa non si capisce niente, comunque la questione delle regole credo che vada affrontata più in la, verso i 12 anni dove veramente se non si seguono le regole diventa una lotta costante

  10. nicoxia

    Bogar e Nunzio tre anni fa questo discorso è stato molto approfondito tra me e Stefano lui la pensava come voi che non si poteva fare nulla ma che gli stava bene cosi perchè per lui quello che contava era il Killer instict,io la pensavo e la penso come Coppo con me era daccordo anche Max.

  11. Jack

    FINCHE’ CI SARANNO INCOMPETENTI SIMILI IL TENNIS MASCHILE NON DECOLLERA’ MAI. NADAL E’ CRECIUTO SULLA TERRA ED E’ IL NUMERO UNO. LA SCHIAVONE ANCHE ED E’ LA NUMERO 4. I GIOCATORI DA VELOCE (TIPO MONFILS AD ES. ) FANNO PUNTI GIUSTO PERCHE’ CI SONO TORNEI NOIOSISSIMI ULTRA VELOCI COME MARSIGLIA…MA SANNO GIOCARE MEGLIO GLI SPAGNOLI O I FRANCESI ? LA PENNETTA NON DECOLLA PERCHE’ NESSUNO GLI HA SPIEGATO CHE NON SI PUO’ COMPETERE CON UN GIOCO D’ATTACCO CON DELLE MAGRA NORDICHE CRESCIUTE SUI CAMPI AL COPERTO QUANDO SI HA UN CORPO ( BONO) SUPER MUSCOLOSO E UN BRACCIO CHE SI STANCA PRESTO. BARAZZUTTI PALLETTARO D’ORIGINE CONTROLLATA E MAGRO MAGRO DIVEMNE 7 AL MONDO ! VIA QUESTA SANGUISUGA !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *