Saketh Myneni e la crescita del tennis indiano

di - 5 Novembre 2014

Sketh Myneni

di Daniele Sforza

Saketh Myneni, classe 1987, ha conquistato un paio di settimane fa il suo primo titolo nel challenger di Indore. Molti appassionati si sono stupiti della sua vittoria soprattutto per il fatto che Saketh è entrato (senza esperienza junior) nel circuito Atp a 24 anni. Motivazione? Saketh ha studiato ed ottenuto un diploma nell’università di Tuscaloosa, in Alabama, ma ha continuato con la sua passione per il tennis.

Quando hai iniziato a giocare a tennis?
Ho iniziato a giocare a tennis, solo per fare attività fisica, all’età di 11 anni.

Ti sei spostato in America ottenendo un diploma in un università dell’Alabama. Come mai hai deciso di lasciare l’India? Quanto è stata importante questa esperienza?
Nel 2006 sono andato all’università di Tuscaloosa in Alabama. Ho scelto di andare in quest’università in modo da ottenere una laurea e allo stesso tempo migliorare il mio tennis. Il tutto è stato abbastanza difficile in quanto era la mia prima esperienza all’estero, fuori dall’India. È stata una delle migliori esperienze della mia vita ed è stata importante sia per il mio tennis sia per ottenere un diploma. Consiglio assolutamente un’esperienza simile a tutte quelle persone che vogliono mantenere un buon livello di tennis e poi passare in futuro al professionismo, tuttavia hanno anche la possibilità di  ottenere un diploma.

Hai iniziato a giocare da professionista soltanto nel 2011 quando avevi 24 anni, qualcosa che di certo non succede spesso…
So benissimo come 24 anni sia un’età abbastanza alta per un tennista che vuole iniziare a giocare da Pro. Il mio desiderio era quello di continuare con il college, finirlo e prendere un diploma e iniziare a giocare. Penso sia stata una buona scelta per me, ho avuto una buona educazione e ora continuo a fare quello che mi piace.

Quest’anno è successo qualcosa nei giocatori indiani. Ci sono tantissimi buoni giocatori come Jeevan, Ramanathan, Singh e tanti altri. C’è una motivazione particolare?
Si sta succedendo qualcosa di veramente grandioso, ci sono tantissimi giocatori che stanno scalando il ranking, ognuno cerca di impegnarsi al massimo per migliorarsi. La crescita dello sport è stata importante negli ultimi due anni e questa è sicuramente una cosa che fa bene anche a noi.

Saketh MyneniQuest’anno è stato pazzesco anche per te. Hai giocato la Coppa Davis con una leggenda come Bopanna. Quanto è importante la Coppa Davis per un giocatore?
Quest’anno, hai detto bene, è stato pazzesco per me. Ho fatto il mio debutto nell’Atp 250 di Chennai, in Coppa Davis,  ho giocato i miei primi Giochi Asiatici e ho vinto il mio primo Atp Challenger, un paio di settimane fa. È stata una buona stagione. Crescendo ho sempre pensato che la Coppa Davis fosse una cosa troppo grande per me, da quando ero piccolo ho sempre desiderato di rappresentare la mia nazione. I Giochi Asiatici sono stati qualcosa di importante quest’anno e anche la Coppa Davis è stata davvero un’ottima esperienza. Giocare con una leggenda come Bopanna, fare il mio debutto con lui che è come un fratello più grande, mi ha permesso di entrare più facilmente in campo, gestendo la pressione più facilmente.

Saketh Myneni e Sania MirzaHai vinto la medaglia d’oro ai Giochi Asiatici nel doppio misto con Sania Mirza. Cosa pensi di lei? Come mai hai scelto di giocare questa competizione? Come ti sei trovato a giocare il doppio misto?
Partendo dal fatto che ho saputo solo due giorni prima di giocare con lei, Sania Mirza è come una superstar nel tennis. Porta un sacco di esperienza sul campo, è molto divertente giocare con lei e siamo molto amici anche fuori dal campo. È stato abbastanza diverso giocare il doppio misto. Era la mia prima volta per me in una competizione ufficiale, abbiamo provato a fare bene, abbiamo comunicato bene e giocato bene. Scegliere di giocare questa competizione è stato abbastanza semplice poiché i giochi Asiatici sono un obiettivo per ogni giocatore indiano e lo erano anche per me.

Qualcosa di fantastico è successo nelle scorse settimane. Hai battuto due volte Nedovyesov (top 100), vinto contro il giovane Coppejans e vinto il titolo a Indore, nella tua nazione. Cosa è cambiato durante queste settimane? Cosa provi a vincere in India, supportato dai tuoi tifosi?
Le due settimane nei challenger di Indore e Pune sono state due settimane molto importanti per il mio tennis. Ho giocato molto bene, battuto giocatori molto forti, ho preso molta fiducia e vincere davanti al mio pubblico è sempre una sensazione fantastica. Tutto questo inoltre è una motivazione grande per fare bene nei prossimi tornei!

Puoi descrivere il tuo modo di giocare per quelli che ancora non hanno avuto la possibilità di vederti all’opera?
Il mio modo di giocare si rivela aggressivo in campo e il mio colpo migliore potrebbe essere il servizio.

Dove ti alleni? Chi è il tuo allenatore? Cosa stai migliorando con lui?
Mi alleno in Connecticut con Jaymon Crabb, un’australiano che ha giocato anche la Coppa Davis. Negli ultimi mesi ho cercato di essere più fisico sul campo.

Qual è il tuo programma per il resto della stagione? Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro?
Giocherò la Champions Tennis League in India da metà novembre a dicembre. Il mio obiettivo per il prossimo anno è quello di entrare nei top 200 in modo da giocare le qualificazioni negli Slam.

Qualcosa riguardo te, come ti descrivi fuori dal campo? Cosa ti piace fare nel tempo libero?
Quando non sono in campo mi piace guardare film, sentire musica, guardare la tv, passare del tempo con gli amici e con la famiglia. Se dovessi descrivermi fuori dal campo non saprei cosa dirti, dovresti chiederlo ai miei amici!

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *