Tennis Europe under 14 Messina: Federica Sacco vola in finale

di - 11 Giugno 2016

Federico Sacco

Terminate le semifinali della XXVIII edizione del “Trofeo Carlo Stagno d’Alcontres” che, da ieri sino alla finalissima di domani, mette a disposizione la diretta streaming sul canale youtube del Circolo del Tennis e della Vela.

Termina tra gli applausi di un “Caffè Barbera”, come sempre in questa settimana tutto esaurito, la cavalcata del tennista di casa Fausto Tabacco. Il peloritano si arrende al talentuoso Holger Vitus Nodskov Rune (che ha compiuto 13 anni solamente da un paio di mesi ma è già stabilmente tra i primi 25 del ranking under 14) per 2-6 6-3 6-3. Bella comunque la reazione di Tabacco, ritrovatosi sotto per 5-0 nella terza frazione ma il suo tentativo di rimonta si infrange nel nono gioco. Sconfitta in tre set anche per l’altro azzurro giunto in semifinale, Luca Nardi. Il secondo finalista è il danese Rune, che si impone per 6-4 2-6 6-4.

Tra le ragazze brilla ancora Federica Sacco. Nonostante la pazzesca rimonta di ieri e la successiva partita in doppio per un totale di oltre quattro ore passate in campo, la napoletana non ha alcuna intenzione di fermarsi. Eliminata quindi anche la testa di serie numero 2 Avelina Sayfetdinova per 7-5 6-2: dopo un primo set tirato, Federica è salita in cattedra dominando da fondo a suon di vincenti. Per l’azzurrina si tratta della terza finale stagionale negli eventi under 14 dopo quella raggiunta a Milovice (Repubblica Ceca) e il torneo vinto a Bucarest. Ultimo ostacolo verso il trionfo la numero 6 del draw Nao Krznaric: la croata ha sconfitto la russa Alina Shcherbinina con il punteggio di 6-4 6-1.

Conclusi anche i due tornei di doppio: nel maschile affermazione per la coppia numero 1 del seeding formata da Lorens e Snitari superando i due russi Artjom e Kapuskin al super tiebreak: 6-2 6-7(4) 10-6 lo score finale. Tra le ragazze vincono senza giocare Carol Plakk e Avelina Sayfetdinova, approfittando del forfait della Giubina, che sarebbe dovuta scendere in campo con la Shcherbinina.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *