Che sfortuna, ragazze!

di - 6 Marzo 2013

di Sergio Pastena

Ci saranno tutte? Beh, non proprio, ma quasi.

Nel torneo WTA di Indian Wells, infatti, mancheranno due protagoniste importanti. La prima, a dire il vero, è assente dal 2001 e non prende mai parte al torneo dopo una feroce polemica col pubblico accusato di razzismo: è Serena Williams. La seconda è Na Li, più banalmente infortunata.

Per il resto, però, ai nastri di partenza ci saranno sedici delle prime diciotto tenniste al mondo. Andiamo ad osservare il tabellone prendendo come riferimento i possibili incroci nei quarti di finale.

Si sta già leccando i baffi…

Azarenka (1) – Wozniacki (8): un tabellone di Indian Wells non è mai facile. Detto ciò, Vika Azarenka non può assolutamente lamentarsi per il sorteggio, che le poteva riservare avversarie ben più pericolose: già perché tra beccare Bartoli e Kvitova e prendere Stephens e l’attuale Wozniacki c’è una bella differenza. Per certi versi potrebbe essere persino più insidioso l’esordio contro la Hantuchova, anche se la giovane americana è bene non sottovalutarla. Occhi puntati anche su Nadia Petrova, decima testa di serie, e sulla meritatissima wild card Kimiko Date-Krumm.

Kerber (4) – Stosur (7): non ci sarà la Sharapova, non ci sarà la Radwanska, ma di certo il quarto di finale teorico di questa parte del tabellone è tra i più incerti, a patto che Sam Stosur abbia ripreso un po’ quota dopo una pessima partenza di 2013. Un lato allietato dalla presenza di Ana Ivanovic e che un pizzo d’Italia comunque ce l’ha grazie a Romina Oprandi. Detto ciò, la sfida di primo turno più interessante sembra essere quella tra le due giovani americane Keys e Oudin. Curiosità anche per l’urlatrice portoghese Larcher de Brito, brava a qualificarsi.

Kvitova (5) – Radwanska (3): inutile girarci intorno, l’obiettivo delle prime quattro era evitare la Kvitova nei quarti e dalla roulette russa è uscita sconfitta la racchetta della polacca, che per arrivare alla ceca dovrà però prima superare un tabellone insidioso fin dall’inizio, con un possibile primo turno contro una Puchkova in grande spolvero. Possibili outsider la Kirilenko e la Cibulkova, che tenteranno di contrastare le rispettive avversarie. A proposito della Kvitova, anche i primi turni l’hanno agevolata parecchio: in teoria avrebbe Minella e Shvedova, non proprio il peggio che le potesse capitare.

Brutto sorteggio anche per loro

Errani (6) – Sharapova (2): maledette urne! Il sorteggio ha sbattuto tutte le italiane nell’ultiomo quarto del tabellone assieme a gente come la Bartoli (peggior ottavo teorico possibile, capitato a Sarita) e soprattutto alla Sharapova, che agli ottavi avrebbe la Vinci e al secondo turno la vincente di uno scontro che mai avremmo voluto vedere in un primo turno di un torneo così importante, quello tra Pennetta e Schiavone. Sarita potrebbe trovare la Pavlyuchenkova sulla sua strada prima della Bartoli, Robertina Vinci potrebbe avere l’occasione per vendicarsi della Fed Cup contro la Lepchenko.

 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *