Koellerer radiato a vita

di - 1 Giugno 2011

di Alessandro Nizegorodcew

Finalmente! L’austriaco Daniel Koellerer è stato squalificato a vita e multato di 100.000$ per aver violato 3 norme del regolamento anti-corruzione dell’Atp.

1) Tentare di “falsare” una partita

2) Cercare di convincere un giocatore a “falsare” una partita

3) Cercare di corrompere altri giocatori, tramite denaro, per “falsare” una partita

Koellerer è stato dunque radiato a vita dal circuito professionistico ma, ci sentiamo di dire, con colpevole ritardo. I comportamenti, fuori e dentro il campo, del giocatore austriaco, sono da sempre stati assolutamente inaccettabili e contro qualsiasi definizione di cultura sportiva. Insulti in campo ad avversari e raccattapalle, scenate da pazzo, tentativi di influenzare gli arbitri, tabelloni segnapunti in frantumi, oltre ad altre numerose scene ridicole, hanno contraddistinto la carriera di questo personaggio.

Koellerer si è comportato, per anni, in campo, nel peggiore dei modi. Ma la squalifica è arrivata per il tentativo di falsare alcuni match. In molti, nel corso di queste stagioni, hanno scritto lettere all’Atp, hanno tentato di farlo radiare, senza successo. Per farvi capire il personaggio… Dopo una lite in campo con il compianto Federico Luzzi, Koellerer ricevette un “destro” dal toscano (su una panchina, fuori dal campo).. Anche Luzzi venne squalificato per alcune settimane, ma l’allontanamento dai campi di Koellerer fu molto più lungo. Federico, con la sua solita ironia, aveva spiegato con poche parole il personaggio Koellerer: “Gli ho menato io, ma hanno squalificato lui.. pensate un po’..”

Tutto il circuito Atp e Challenger esulta a questa notizia (un po’ meno alcuni tifosi, molti anche in Italia, che andavano a vedere i tornei solo per assistere alle scenate dell’austriaco), non possiamo che accodarci, ricordando però, come in apertura, che questa decisione (per i suddetti motivi) andava presa molti anni fa. Quindi, ripetiamo: FINALMENTE!

© riproduzione riservata

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *