Caroline in forma, Lisicki mostruosa

di - 28 Agosto 2011

di Sergio Pastena

Ordinaria amministrazione, almeno quando non si parla di Slam. Caroline Wozniacki si porta a casa il torneo di New Haven, che pure vedeva quattro Top Ten ai nastri di partenza, senza perdere un set. A dire il vero la danese di Top Ten ne ha dovuta affrontare una soltanto, la nostra Francesca Schiavone, visto che Na Li ha mancato l’appuntamento con la finale cedendo a sorpresa alla Cetkovska. La ceca in finale ha fatto quel che ha potuto, ma la differenza di spessore tra le due è emersa. E dire che la Cetkovska aveva fatto fuori, in sequenza, Radwanska e Bartoli prima della cinese.

Per il resto brutti segnali dalla Kuznetsova, che perde subito per mano della McHale, mentre la nostra leonessa è da rivedere all’opera a Flushing Meadows, visto che ai quarti ci è arrivata battendo Dulgheru e Niculescu, non proprio scogli insuperabili, e approfittando del walkover della Medina Garrigues. Contro la numero uno al mondo ha retto un set, si è anche trovata a servire sul 5-3 ma poi, dopo aver perso al tie-break, ha ceduto. Poca gloria per le altre azzurre: Roberta Vinci si è fermata al secondo turno contro la Pavlyuchenkova mentre Errani e Pennetta sono uscite subito per mano rispettivamente della Kirilenko e della Zakopalova.

L’altro appuntamento della settimana era quello di Dallas, dove Sabine Lisicki ha stravinto giocando un torneo semplicemente mostruoso. Già… perché solo con questa parola si può descrivere la performance di chi perde 13 games in 5 partite, spazzando via le avversarie dal campo. Ne ha fatto le spese anche la nostra Alberta Brianti, che ha raccolto tre games come Mirza, Bondarenko e Rezai, in finale. Peggio ancora ne è uscita la Begu, che ha conquistato solo un gioco. Debacle per le altre teste di serie: Goerges e Cibulkova si sono fermate al secondo turno e non sono riuscite ad approfittare del ritiro della Wickmayer.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *