ITF: Vincono Vagnozzi e Brizzi

di - 21 Agosto 2012


(Simone Vagnozzi – Foto Nizegorodcew)

di Giacomo Bertolini

BRIZZI CONCEDE IL BIS, RISCATTO VAGNOZZI AD APPIANO

Izmir (10.000$ Turchia): Non perde decisamente tempo il nostro Alberto Brizzi, a caccia di punti “facili” nel circuito Future per risalire rapidamente una classifica bugiarda che attualmente lo vede fuori dai primi 350 Atp.
Arriva infatti uno splendido bis targato Izmir per il 28enne tennista di Breno che, dopo essere tornato al successo sette giorni fa, conferma il buon momento di forma nel torneo turco su terra andandosi a prendere il secondo sigillo consecutivo.
Ben poco da dire sulla perfetta settimana dell’italiano che, una volta caduto il suo diretto avversario Safwat(1), non ha di fatto avuto più nessuno in grado di impensierirlo ed ha potuto così in scioltezza arrivare al secondo titolo stagionale.
Per la testa di serie uno due del tebellone cadetto finale lottata solo nel primo set con il bulgaro Dimitar Kuzmanov ko 76 61.
Per Alberto, che come best ranking ha il 230esimo posto raggiunto nel 2010, si tratta del quinto acuto della carriera.
Gli altri azzurri impegnati in Turchia: Sussulto di Riccardo Sinicropi(3), promosso con la sua semifinale dopo diversi risultati incolori. Ok Bega(4) e Basso out ai quarti; Picco, Prezioso e Torroni(5) eliminati agli ottavi. Fuori subito Petrone, Di Ianni, Fortuna e Patracchini.

Appiano (15.000$ Italia): Appiano si tinge d’azzurro e torna a sorridere a Simone Vagnozzi, a digiuno da tre anni nel circuito e Future e reduce da un 2012 sino ad ora poco soddisfacente.
Vola il tennista di Ascoli Piceno nel 15k italiano su terra rossa, appuntamento dove il 29enne marchigiano si era presentato come favorito numero uno del main draw. Ben poche le sviste di Vagnozzi che ad occhi chiusi aveva raggiunto la semifinale dove, nel match clou della settimana, ha rimontato a fatica il serbo Ciric(4) arresosi solo 16 76 64 prima di completare l’opera più agevolemente in finale con il cileno Jorge Aguilar(5), fermato in due set 64 76.
Torna dunque al successo Simone che, a secco da Il Cairo 2009, porta a cinque il conto dei trofei Future conquistati in carriera.
Per il numero 260 al mondo primo sigillo del 2012.
E se Vagnozzi firma il colpaccio lo stesso non si può dire della restante pattuglia azzurra al via, complessivamente deludente: Prader, Galoppini, Rondoni, Giorgini, Di Nicola, Mastrelia si arrendono al secondo turno, bocciature immediata invece per Pecoraro, Campo, Arnaboldi, Dellagiacoma, Volante, Iannuzzi, Apostolico, Nicolussi, Wolf, Di Maro.

Novi Sad (10.000$ Serbia): Piacevoli sorprese in casa Spagna con l’esplosione inattesa di un nuovo promettente giovane tennista. Si inserisce di diritto tra le grandi rivelazioni della settimana il 22enne iberico Carlos Gomez-Herrera che, ancora a quota zero nel conto dei titoli vinti, va a prendersi con autorità la coppa del Novi Sad Open sorprendendo tutti sia in singolo che in doppio. Settimana di grande livello per Herrera(6) che senza lasciare per strada neanche un parziale si fa beffa di tutti gli avversari arrivando all’atteso scontro della finale da favorito d’obbligo. Nessuna scossa inaspettata nell’epilogo finale con lo scatenato spagnolo che in due rapidi set prende le misure anche al serbo Miljan Zekic(3) e con un eloquente doppio 62 festeggia il primo centro stagionale e in carriera.
Per Gomez-Herrera irruzione scontata nei primi 500 giocatori del mondo.
Non delude Roberto Marcora sulla terra serba di Novi Sad: per l’azzurro, in serie positiva da diversi tornei, ancora una bella semifinale messa a segno. Stop all’esordio invece per Papasidero.

Buenos Aires (10.000$ Argentina): Rapida incursione sudamericana adesso con il 10k argentino di Buenos Aires che ha registrato la nuova impresa del tennista di casa Diego Sebastian Schwartzman, classe 1992, giunto al quarto colpo stagionale sulla terra amica di Baires.
Successo telefonato quello di Schwartzman che da prima testa di serie ha letterelmante schiantato tutti gli altri pretendenti al titolo arrivando al successo senza mai soffrire nenache in un solo parziale.
Senza storie anche la sfida della finale con l’argentino numero 294 Atp superiore allo statunitense Andrea Collarini(3) per 76 63.
A Schwartzman va così il sesto titolo della carriera.
Sul fronte azzurro termina ai quarti di finale la corsa di Federico Gaio(8), unico iscritto.

Karlsruhe (10.000$ Germania): E da un profeta in patria ad un altro con la bella affermazione casalinga del tedesco Bastian Knittel, 29enne veterano del circuito al terzo colpo del 2012.
Tutto liscio e senza intoppi il cammino di Knittel(2) che, complice anche il flop al primo turno di Olivetti(1), non ha avuto nessun problema a raggiungere la finale dove, in un derby tirato sino all’ultimo 15, ha avuto la meglio sul connazionale Jeremy Jahn 36 61 76.
Nono sigillo per l’attuale numero 323 del ranking, iridato anche nel torneo di doppio proprio con Albano Olivetti.
Promosso l’unico azzurro ai nastri di partenza, Giorgio Portaluri(q). Per il 21enne italiano semaforo rosso agli ottavi con l’ostico neozelandese Statham(3).

Bogotà (15.000$ Colombia): Di nuovo in Sudamerica adesso per celebrare l’ennesimo torneo future portato a casa dall’intramontabile atleta di Santo Domingo Victor Estrella, arrivato al successo numero 20 nel circuito cadetto all’età di 32 anni.
Da lode il percorso del domenicano che, da favorito numero uno del seeding, non ha mai sbagliato andando a rovinare la festa in finale al giocatore di casa NIcolas Barrientos(5), regolato 75 64.
Secondo titolo stagionale dopo Mexico City per Estrella, arrivato incredibilmente a ridosso del suo miglior piazzamento di sempre al numero 183 Atp (best alla piazza 163).
Italiani assenti sulla terra rossa del 15k colombiano.

Bydgoszcz (15.000$ Polonia): Ancora una manifestazione con montepremi 15.000 dollari e ancora un vincitore largamente annunciato. Vola infatti nel torneo polacco di Bydgoszcz (terra rossa) il favorito per eccellenza Dusan Lojda, giocatore ceco classe ’88 al primo urrà stagionale.
Pochi gli ostacoli incontrati dal mancino di Ivancice che, dopo un percorso decisamente tranquillo è dovuto ricorrere al terzo set nella sua sfida di finale con l’esperto tennista di Glogow Michal Przysiezny(2) ko solo 62 36 75.
Vittoria importante per Lojda, da poco rientrato nei 300 dopo un netto crollo in classifica. Per lui si tratta già dell’unidicesimo trofeo in bacheca della sua carriera.
Niente da fare per il qualificato azzurro Alessio Giannuzzi, unico rappresentante italiano nel torneo polacco. Per Giannuzzi sorteggio tiranno con Gawron(3) che vince facile al primo round 62 64.

Mississauga (15.000$ Canada): Dalla Polonia al Canada con l'”Orc Future” di Mississauga, torneo canadese su cemento preda del veterano thailandese Danai Udomchoke, 31enne di Bangkok ex 77 al mondo.
Vola in doppia cifra Udomchoke che fa 10 grazie al successo di Mississauga dove l’attuale numero 151 Atp è riuscito in finale a non farsi sorprendere dall’atleta di casa Peter Polansky(2), rispettando così i favori del pronostico. Score complessivo: 75 76.
Per Danai, vincitore in questo ottimo 2012 anche del Challenger di Burnie, secondo centro Future stagionale.
Molto bene l’unica nostra freccia Matteo Donati (classe 1995) che si qualifica e cede con onore agli ottavi al ben più quotato Heliovaara(3) 64 46 63.

Cakovec (10.000$ Croazia): E da un esperto trionfo ad una giovane impresa con il successo nel 10k di Cakovec, terra, dell’interessante tedesco Peter Heller, tennista di Furth Im Wald classe 1992.
Successo numero due dell’anno e della carriera per Heller che da quarta testa di serie si è liberato con incredibile facilità di tutta la concorrenza al via, arrivando a centrare il risultato sperato senza perdere neanche un parziale in cinque incontri.
Per il promettente tedesco, numero 561, finale proforma con lo sloveno Blaz Rola(3), demolito senza troppi complimenti 64 60.
Per gli azzurri Napolitano(wc) e Borgo esordio amaro nel torneo croato: subito a casa.

Mosca (15.000 Russia): Si risale adesso di importanza con il classico torneo della capitale russa Mosca dove al terzo tentativo (aveva già piazzato finale e semi) riesce finalmente a gioire nel torneo moscovita il tennista di casa Nikoloz Basilashvili, in assoluto uno dei migliori russi dell’anno a livello Future.
Vittoria-liberazione per il 20enne fresco di best ranking alla piazza 415 del mondo, fortunato nello sfruttare due ritiri nei primi turni, ma anche bravo a non steccate il derby in finale con Alexander Lobkov(5), fermato 63 76 al termine di un tie break dominato sette punti a zero.
Secondo titolo dell’anno per Basilashvili, già vincitore a Kazan, terzo in totale.
Gli azzurri sulla terra di Mosca: 1°turno, Lobkov(5) batte Eremin 63 46 64.

Altri tornei della settimana: Tutti in piedi per Ofner e Lizariturry

Si chiude la lunga rassegna dei tornei Future per la settimana 14-20 agosto e come di consueto ecco arrivare il momento delle grandi meterore della settimana, ovvero i colpacci più clamorosi messi a segno dagli outsiders in giro per il mondo.
Si comincia con il torneo 10k su terra di innsbruck dove a far gridare al miracolo tennistico è stata la wild card locale Patrick Ofner, sconosciuto 19enne numero 1329 (!) della classifica, autentica mina vagante del tabellone cadetto.
Torneo strepitoso per Ofner che, alla prima finale, lascia subito la sua impronta vincente andando a prendersi il primo titolo al termine di un torneo gestito perfettamente sin dalle battute iniziali. In finale l’unico set lasciato per strada dal “Carneade” Ofner con il tennista di Klagenfurt che rimonta e mette alle corde il tedesco Robin Kern(8) 36 64 64.
Capitolo Italia: Oradini e Marrai(2) infiammano Innsbruck arrivando sino alle semifinali, ottavi per Bortolotti. Male il primo favorito Crugnola fuori al primo turno, eliminati subito anche i qualificati Virgili e Zennaro.

E dal capolavoro del campiocino austriaco Ofner alla straordinaria favola firmata ancora una volta dalla Spagna, protagonista di alto livello di questa settimana estiva a livello Future.
Si supera infatti nel torneo finalndese di Kokta il tennista iberico Juan Lizariturry, ex top 600 e adesso sprofondato alla posizione 1156, autore di una settimana da incorniciare sulla terra rossa del torneo scandinavo.
Impresa incredibile per Lizariturry, classe 1991, bravo a venir fuori sempre vincente da match complicati e giocati contro il favore del pronostico e a stravolgere i sogni di gloria dell’estone Vladimir Ivanov(4), in aria di bis in terra di Finlandia dopo il successo una settimana fa a Vierumaki. Per Lizariturry, alla prima gioia in carriera, finale vinta 61 76.
Stessa sorte per Rovetta e Marfia(LL), i due rappresentanti italiani a Kokta: per il duo azzurro eliminazione al secondo turno per mano di Penaud(5) e Lizariturry.

Se ti piace il tennis, allora non perdere la possibilita’ di vincere qualcosina scommettendo sugli eventi sportivi che preferisci, vai
subito su bwin, scommetti e vinci ora!

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *