Diario di Bordo da Madrid (4)

di - 3 Maggio 2011

di Alessandro Nizegorodcew (da Madrid)

Un diario di bordo un po’ atipico quello di oggi, dopo la strepitosa vittoria di Flavio Cipolla, sul campo centrale di Madrid. Vittima l’ex numero 1 del mondo Andy Roddick. Un diario di bordo incentrato sull’impresa di Cipo…

Flavio nel pomeriggio mi avverte che mi ha tenuto un biglietto per il suo box sul centrale. E’ nelle mani di Quirino, che incontro per il biglietto e andiamo a vedere il primo set di Potito Starace (perso malamente purtroppo).

Tutta la giornata è incentrata sull’attesa del match, che alle 19 e pochi minuti è pronto ad iniziare. Nel box di Flavio siamo in 5: oltre a me e Quirino c’è Corrado Barazzutti, Stefano Baraldo e un suo amico.

Sin dai primi punti il tifo è alle stelle e dopo ogni 15 vinto con un numero ci si alza tutti ad incitare Flavietto. Mi iniziano ad arrivare sms su sms: io e Quirino, in prima fila, siamo inquadrati ogni scambio, tanto che l’amico e collega Luca Brancher mi scrive: “In quest’ultimo gioco inquadrato più te di Cipolla”.

La partita è tesissima e ogni punto è una sofferenza inaudita. Flavio salva subito una palla break pericolosissima, giocando ottimo colpi e Barazza sentenza: “Ve lo dico, questa partita è apertissima”

Volete sapere come era arrivata la palla break? Grazie ad un clamoroso quanto inconsueto errore di Layani, che non vede il secondo rimbalzo di una palla corta di Flavio… Clamoroso!

In effetti il match è equilibratissimo. Flavio gioca molto bene e, dopo i primi game di assestamento, risponde con continuità all’americano. Quattro ace di Roddick nei primissimi giochi, uno (!!!) in tutto il resto del match.

Continuano ad arrivare sms da tutta Italia, che incitano sia me che Flavio. Quirino comincia ad essere molto teso. Barazza continua ad incitare Flavio, parlandoci di alcune massime di Belardinelli (“Il belarda ci raccontava sempre di un match a Parigi tra Rosewall e Sirola. Sirola tirava dei servizi fortissimi, angolatissimi, che mandavano Rosewall a rispondere dalle tribune… non sai che servizi!!?? E Rosewall? chiedevamo noi… Rosewall, non sai che risposte dalle tribune!) E Cipolla oggi sta facendo il Rosewall, tirando su di tutto col back sia di diritto che di rovescio. Arriva il primo set, vinto 6-4 (e Quirino firma autografi…, ma ad inizio secondo Roddick fa il break, caricandosi molto con un bel “C’mon!”

Flavio non molla e controbreakka, rifugiandosi al tie-break, grazie a passanti in controbalzo, palla corta perfette e ancora numeri su numeri. “Roddick prenditi un aulin, che ti passa il mal di testa!” – esclama l’amico di Baraldo. “E senza acqua, che ti fa effetto prima” – ribadisce Barazzutti. Si scherza per stemperare un po’ la tensione.

Flavio spreca un matchpoint sul 7-6 nel tie-break e Quirino si schianta letteralmente contro il piccolo muro del box. Occasione clamorosa e il set scappa via. Ad inizio terzo Flavio annulla una palla break importantissima ed il match diventa ancor più teso e, a tratti, molto spettacolare. Flavio sale 4-1 e ad ogni punto (come durante quasi tutto il match) si gira verso il suo/nostro angolo per mostrare il pugnetto.

Intanto il pubblico è tutto per Flavio, che sta incantando la Caja Magica e il suo centrale con giocate da fuoriclasse. Sul 4-2 Roddick recupera il break nel terzo set, ma nel gioco successivo commette tre errori clamorosi che danno a Flavio la possibilità di servire per il match. Cipo recupera da 0-30 e chiude tirando addosso all’americano!!

Ci alziamo tutti e 5 e ci stringiamo la mano, quasi a farci i complimenti per una buona prestazione di supporto. “Adesso ci vuole proprio una birra” esclamano praticamente tutti in coro.

Il pubblico acclama Flavio, che si alza in piedi braccia al cielo. Cipo va a sedersi per riposarsi un secondo e prendere la borsa quando viene attaccato dalla televisione inglese, che gli mette cuffie e microfono e iniziano a fargli domande su domande in un “british” incomprensibile. Flavio ha risposto in maniera molto lunga e dettagliata, spiegandomi a durante la cena “Non ho capito nemmeno una domanda, ho risposto a caso”

Una giornata unica, una serata fantastica, una vittoria indimenticabile…

© riproduzione riservata

18 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *