Serie A: Il Resoconto di Anzio-Capri 3-3

di - 13 Ottobre 2008


(Filippo Volandri – Foto Grigo)

di addicted2tennis

Subito un impegno durissimo per l’esordio in serie A1 della Polisportiva Anzio, gli avversari sono infatti i campioni in carica del Capri Sport Academy. Girando per il circolo la mattina presto prima dell’inizio dei match si capisce subito che sarà durissima per la neopromossa…basta guardare alcune facce: Volandri, Starace, Galimberti, Sanguinetti, Petrazzuolo, praticamente una nazionale di Davis. Anzio può contare invece sui fratelli Piccari, lo spagnolo Carlos Poch-Gradin e su Alessandro Da Col, nuovo acquisto. I primi ad entrare sono Lallo Piccari contro Galimberti e Da Col contro Petrazzuolo.

A.Piccari (A) b. Galimberti (C) 76 64

Gran match di Lallo che supera l’ex davisman in due combattutissimi set, aiutato anche da un pubblico caloroso e numerosissimo. L’incontro si è giocato su pochissimi punti e alcuni errori non forzati del Gali, tra cui diversi doppi falli, hanno fatto la differenza, oltre al bellissimo rovescio a una mano di Lallo.

Da Col (A) b. Petrazzuolo (C) 64 76

Non ho visto il match, ma anche qui credo che il pubblico sia stato un valore aggiunto per i colori di Anzio. Comunque un Da Col in grande spolvero.

Starace (C) b. F. Piccari (A) 75 61

Primo set giocato ad altissimi livelli da Francesco, con un Potito più falloso del solito. Decisivo il break sul 5 pari al primo set, da lì un parziale di 7 giochi a 1 per il tennista di Cervinara.

Volandri (C) b. Poch-Gradin (A) 76 75

Vittoria di Filo, contrassegnata da diverse interruzioni per trattamenti medici richiesti da entrambi i giocatori, ma soprattutto dall’incredibile scelta di Volandri di servire dal basso!
Non riuscendo a servire in maniera efficace, l’ex numero 1 d’Italia decide di imitare le gesta di Michelino Chang cercando di sorprendere l’avversario battendo da sotto. Riesce addirittura a commettere un doppio fallo (forse ne avrà fatti altri, ma non ho visto tutto l’incontro) battendo in questo modo. Per il resto il solito rovescio da top-10 supportato da una maggiore esperienza rispetto al giovane avversario, gli hanno permesso di portare a casa l’incontro in 2 set lunghi e combattutissimi.

Sanguinetti/Petrazzuolo (C) b. Poch/A.Piccari (A) 63 64

F.Piccari/Da Col (A) b. Starace/Galimberti (C) 36 63 10-6

La vera impresa della giornata. Piccari e Da Col riescono ad avere la meglio sulla coppia di Capri, fortissima in doppio (Galimberti ha formato con Bracciali una coppia capace di battere Nadal/Lopez in Davis, mentre Starace è fresco vincitore del doppio nell’ATP di Mosca in coppia con Stakhovsky).
Ma si sa, giocare nella “bombonera” di Anzio è un’altra storia, probabilmente non c’e’ pubblico in Italia più caldo e appassionato alle gesta della propria squadra, sebbene in alcune occasioni si sono verificati comportamenti non proprio ortodossi.
Da segnalare una chiamata out dal pubblico su un dritto di Capri sulla base (riga piena), risposta di Anzio e Galimberti a rete sbaglia la volee distratto dalla chiamata precedente.
Nel match tie break la coppia di Anzio appare più determinata e riesce a portare a casa l’importantissimo punto del 3 pari, mandando in delirio gli spettatori presenti.
Piccola annotazione sulla formula del doppio: la Federazione fa veramente di tutto per non adeguarsi alle regole internazionali, quest’anno ha introdotto il Match Tie Break nel terzo set, ma inspiegabilmente ha mantenuto i primi due set con vantaggi, senza adottare il punteggio “no-ad”, ovvero il killer point sul 40 pari. Mistero…

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *