Serie A1 Femminile: La Presentazione

di - 17 Ottobre 2016

La leggenda della pallacanestro Michael Jordan affermava “Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati”.

Siamo giunti all’inizio del campionato di serie A1 femminile dove le otto squadre per poter vincere lo scudetto dovranno tenere ben a mente la frase dell’ex stella NBA. Infatti, quando si tratta di campionato a squadre il tennis diventa uno sport in cui l’unione e la strategia giocano un ruolo essenziale per ottenere la vittoria.

Il Circolo Tennis Prato, campione italiano in carica rimane la squadra favorita del secondo girone e p

er lo scudetto, potendo godere di un’incredibile forma fisica di Martina Trevisan, che é vivaio insieme a Lucrezia Stefanini.

Prato può affidarsi a giocatrici d’ esperienza e di spessore come Corinna Dentoni e Maria Elena Camerin(ex 41 WTA e tecnico della federazione) ed a nuove leve come Lucrezia Stefanini e Lisa Piccinetti, campionessa italiana under 16 in carica che saranno a disposizione del capitano.

Nello stesso girone di Prato vi è opposta la finalista dell’anno scorso Genova, che può approfittare di una Alice Balducci in grande spolvero, oltre che di Alberta Brianti(ex numero 55 WTA) e della giocatrice russa con cittadinanza italiana Ludmilla Samsonova, classe 98’, tra le prime 100 giocatrici al mondo juniores

Nel primo girone la squadra favorita é Cagliari, la quale può contare su un vivaio forte ed esperto come Anna Floris, insieme a Claudia Giovine ed alla carica delle due ragazze del 95’ Cristiana Ferrando e Alice Matteucci.

Da segnalare il fatto che Cagliari potrà approfittare lungo il campionato di un doppio molto forte, dato che sia Alice Matteucci che Claudia Giovine sono delle ottime giocatrici in quella specialità ( entrambe hanno vinto vari 25000$ in doppio e occupano all’incirca la posizione 150 nel ranking )

Il rivale di Cagliari nel girone è indubbiamente il Parioli di Roma, che dispone anch’esso di una squadra compatta e abbastanza omogena composta da Martina Caregaro, Martina Di Giuseppe, Nastassja Burnett(vivaio), Marina Shamaiko e Beatrice Lombardo.

L’outsider del campionato potrebbe essere la neopromossa Beinasco, grazie alla presenza in squadra della straniera Yani,224 del ranking WTA e di Anastasia Grimalska che negli ultimi mesi si sta riavvicinando al suo best ranking e si trova a ridosso della posizione 280.

L’altra neopromossa La Stampa di Torino può beneficiare di una buona forma di Camilla Rosatello, reduce di una finale in un 50000$ e sulla solidità della giocatrice greca Despina Papamichail, che è una “veterana” delle competizioni a squadre, nonostante la giovane età Despina ha rappresentato più volte la sua nazione in competizioni internazionali.

Infine, la Stampa può sempre tirare fuori dal cilindro giocatrici scomode come Stefania Chieppa e Giulia Casoni, che l’anno scorso hanno contribuito fortemente alla promozione.

Ceriano rimane una grossa incognita nel campionato, in quanto la presenza della giocatrice Anne Schaefer è a dir poco determinante e fondamentale per la permanenza in serie A1; il circolo lombardo avrà sicuramente un vantaggio quando giocherà in casa sui suoi campi in superficie veloce indoor.

Così come Ceriano, il Circolo Tennis Castellazzo di Parma deve sfruttare il fattore campo quando gioca in casa su moquette indoor e si deve affidare alle due straniere Lechemia e Marcinkevica(300-400 WTA) per poter raggiungere l’obiettivo salvezza.

In sintesi, fare delle previsioni è estremamente difficile siccome il livello é davvero equilibrato e tantissimi sono i fattori e gli imprevisti che possono influenzare l’esito delle partite.

Non resta che aspettare dicembre per assistere agli atti conclusivi del campionato e scoprire quale sarà la squadra vincitrice e quali saranno le due squadre che dovranno abbandonare la massima competizione nel panorama del tennis femminile italiano.

.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *