Voci dal Circolo – T.C. Gallese

di - 14 Dicembre 2010

(Articolo Pubbli-Redazionale)

La puntata odierna di “Voci dal Circolo” è dedicata al T.C. Gallese. Abbiamo intervistato il direttore tecnico Cesare Veneziani, che ci ha raccontato le caratteristiche del circolo romano (Zona Cassia, Ospedale San Pietro). Il settore agonistico è curato nei minimi particolari, per una scuola di qualità

La Storia: “Il T.C. Gallese è nato più di venti anni fa, con l’intento di affittare i campi e poco più. Pian piano, con l’ottima gestione di Alberto Silvestri e l’avvento di maestri sempre più preparati e con a cuore le sorti del circolo, si è passati a dare grande importanza ai giovani e al settore agonistico, ma anche ovviamente ai soci.”

La Struttura: “Io lavoro al T.C. Gallese da 5 anni. Il progetto è molto interessante e l’obiettivo è quello di costruire buoni giocatori di tennis e se possibile qualcosa di più. In questo 2010 abbiamo raggiunto una completezza tecnica e organizzativa. Abbiamo a disposizione tre campi in terra battuta, tutti illuminati, oltre alla possibilità di poterci appoggiare ad un campo coperto, in sintetico, per gli allenamenti sul veloce e ovviamente per quando piove qui a Roma. Collaboriamo con lo studio fisioterapico F2 di Alessandro Falcioni per quanto concerne il recupero dagli infortuni e per il lavoro in palestra. I miei collaboratori sono Francesca Amidei, Jacopo Corbari e Maurizio Filesi. I primi due sono stati miei giocatori, conoscono il mio metodo e sanno qual è il mio pensiero sull’allenamento agonistico.”


(Il direttore tecnico Cesare Veneziani)

Il Direttore Tecnico: “Io sono Cesare Veneziani e vivo nel tennis da quando ho 8 anni. Ho iniziato seguendo le gesta di mio fratello e ho iniziato a fare sul serio a 12-13 anni con Michele Tellini e successivamente anche insieme a Fabrizio Falciani nell’Accademia di Sutri. Michele è stato un punto di riferimento molto importante, così come lo è Marco Tavelli, ex coach di Francesca Schiavone. La mia classifica migliore, raggiunto da giovanissimo, è stata di 3.1, ma ho smesso piuttosto presto per vari motivi personali e scelte di vita. Le esperienze che ho vissuto all’estero hanno arricchito il mio bagaglio personale. Sono stato tre volte all’Accademia di Sanchez in Spagna, anche come giocatore. In Italia ero considerato un fighter, ma una volta arrivato lì sono rimasto molto colpito dai ragazzi che andavano in giro con taniche d’acqua da 5 litri! Tra me e me ho pensato: Ma questi so scemi! Dopo i primi allenamenti ho capito… Ho appreso molto indirettamente da questa ed altre esperienze, come quella vissuta a Miami da Pablo Arraya, nel periodo in cui ho avuto la straordinaria possibilità di fare da sparring partner a Gianluca Pozzi.”

L’Organizzazione: “Qui al T.C. Gallese si fa assolutamente tutto: dalla lezione privata, al gruppo adulti, sino ovviamente ai giovani agonisti, anche di livello non eccelso. Abbiamo ad esempio alcuni ragazzi di 13 anni che giocano solamente da 3 anni, ma da noi vengono seguiti con la stessa passione e professionalità dei più forti. I volumi di allenamento cambiano molto, a seconda della qualità del giocatore e dalla sua voglia. Si va dalle 8-9 ore a settimana, che sono una sorta di pre-agonismo, sino alle 15-16 ore nell’arco di 7 giorni. Il programma atletico è stilato a Michele Sicolo e messo in pratica da Jacopo Corbari, spesso e volentieri in pista di atletica. Abbiamo anche una sorta di transportation, poiché prendiamo e riportiamo i ragazzi per quanto riguarda tennis e atletica.”

Perché il T.C. Gallese: “Uno degli elementi che ci differenzia dagli altri è che seguiamo molto spesso i ragazzi ai tornei. Qui si è seguiti sempre in profondità. Facciamo assolutamente tutto, compresa la video-analisi. E’ ovvio che chiediamo indietro un grande impegno, che a volte può essere pressante ma che noi riteniamo essenziale; oltre ovviamente all’impegno economico. Al T.C. Gallese si è seguiti anche mentalmente. Ritengo che il saper motivare i ragazzi sia una delle mie più grandi doti. Credo che valga la pensa provare, perché da noi vi è un approccio serio, anche severo, ma completo e soprattutto familiare. Alberto Silvestri, il gestore del circolo, è una persona davvero appassionato e che ci tiene… se un ragazzo rompe le corde e deve giocare il giorno dopo, Alberto si precipita al circolo per incordarla. Il nostro segreto è che ci teniamo…”

T.C. GALLESE

VIA CASTELLIRI 37, ROMA

TELEFONO: 0633261863

Qui potete ascoltare la rubrica Voci dal Circolo, dedicata al T.C. Gallese, andata in onda durante l’ultima puntata di Spazio Tennis:

© riproduzione riservata

17 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *