Diario da Rio: Haider-Maurer show

di - 19 Febbraio 2015

panoramica rio

da Rio de JaneiroFabio Possenti

Dopo l’abbuffata di ieri, programma molto più scarno quello di oggi al Rio Open 2015. In programma gli incontri di secondo turno della parte bassa del tabellone maschile, il completamento del primo turno e 4 secondi turni femminili. Nessun italiano in campo, eccezion fatta per Lorenzi impegnato in doppio. Arrivo al Jockey Club intorno alle 13 e, dopo un salto al media center, mi dirigo verso il centrale dove sono già in campo Haider-Maurer e Robredo. Sulla strada per il centrale incrocio Paolo Lorenzi, che sta per iniziare la sua sessione col fido Galoppini, mentre sul campo 6 c’è la consueta folla straripante a seguire l’allenamento di Nadal. Entro sul centrale e, a sorpresa, vedo che l’austriaco è in vantaggio 5-2. In effetti avrei immaginato una partita con poca storia, ma con l’austriaco in veste di vittima e non di carnefice. Robredo non è in giornata e, pur cercando di rimanere in partita in tutti i modi, finisce per soccombere per 6-3 6-2.

stretta mano robredo

La temperatura supera i 30 gradi e l’umidità rende l’aria pesante, si suda per il solo fatto di stare all’aria aperta. Per questo, in attesa del secondo match sul centrale, faccio un giro per il circolo, dotato veramente di ogni comfort e le cui facilities sembrano essere molto apprezzate dai giocatori. Lo stesso Nadal ieri in conferenza stampa ha elogiato la sede del Jockey Club, spiegando come per un giocatore partecipare ad un torneo che si svolge all’interno di un circolo è molto più piacevole.

Mentre faccio ritorno verso il centrale, incontro Haider-Maurer, che si sta mettendo in posa a favore di un fotografo mostrando il suo braccio tatuato, ne approfitto per scattare anch’io una foto simpatica.

Faccio ingresso di nuovo sul centrale, dove Monaco sta avendo vita facile su Nieminen (4-1). Il match va via rapido fino al 6-1 5-1 per l’argentino, che, però, si blocca proprio sul più bello, mentre il finlandese lascia ormai andare il braccio e in men che non si dica ci ritroviamo sul 5-5. Si va al tie-break, nel quale “Pico” riprende in mano il gioco e chiude la partita giusto in tempo per permettermi di trasferirmi sul campo 3, dove è in corso il doppio Lorenzi/Schwartzman contro Del Bonis/Carreno Busta. La coppia italo-argentina è avanti 6-3 3-2 e chiude senza difficoltà con un doppio 6-3 sotto gli occhi del sempre presente Corrado Barazzutti.

unnamed (1)

Sono solo le 17, in campo ci sono solo incontri di doppio e bisognerà aspettare almeno le 19 perché entrino in campo sul centrale Rola e Souza. Decido che per oggi può bastare così e faccio ritorno verso casa.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *