Impressioni dal Foro (IV Puntata): La giornata di Bolelli

di - 7 Maggio 2008

[youtube LPwGSWRpNUA]

di Alessandro Nizegorodcew

Simone Bolelli: Oggi è certamente la giornata di Simone Bolelli; il tennista italiano si è qualificato oggi per il terzo turno del Master Series di Roma. 64 64 il punteggio con cui Simone ha battuto Gilles Simon. Bole ha cominciato un po’ contratto, con numerosi errori gratuiti con il diritto; nonostante questo ha portato a casa il primo set. “Si non ho iniziato benissimo” – ha dichiarato Bolelli a fine match – “all’inizio ho commesso troppi errori. Poi piano piano ho cominciato a giocare meglio e mi sono sciolto. Avrei dovuto giocare qualche palla corta in più, visto che Simon giocava molto lontano dalla linea di fondo.” Le palle corte, insieme ad un gioco molto più fluido (strepitosi alcuni lungolinea di rovescio) sono giunti nel momento del bisogno, nel secondo set, con Simon avanti 2-0 30-0. Da quel momento Simone ha giocato una serie di vincenti impressionanti portandosi 4-2 e chiudendo virtualmente l’incontro. Nel repertorio di Bolelli, analizzando l’ottimo servizio, dovrebbe entrare a far parte però anche il serve and volley: “Con giocatori che rispondono molto indietro come Simon in effetti può essere una soluzione in più e certamente cercherò di introdurre sempre più spesso il serve and volley nel mio gioco.” Domani per Simone ci sarà Andy Roddick: “La chiave ovviamente sarà riuscire a rispondere bene. E’ un match che posso vincere.

cimg8499.JPG

Gonzalez – Korolev 63 62: Gonzalez non ha risentito della grande battaglia di ieri con Tisparevic, nè tantomeno delle fatiche di Monaco di Baviera. Korolev ha giocato a tratti al ritmo di Gonzo, ma la partita non è mai stata in discussione. Quando parte il diritto incrociato di Gonzalez la pallina non si vede più…

Horna: A tratti ricordi l’Horna di qualche tempo fa; è molto carico e oggi ha chiuso l’incontro con un rovescio lungolinea impressionante.. Carichissimo!

Steapnek, Mahut e i campi 5 e 6: Giocare sui campetti del Foro Italico è quasi come disputare un altro torneo; se il campo centrale e campo numero 1 infatti sono lentissimi, i campi 5 e 6 sono praticamente campi in cemento. Non è un caso infatti che un giocatore come Mahut, che sulla terra non aveva mai vinto partite rilevanti in carriera, sia riuscito a mettere in seria difficoltà Robredo, dopo aver battuto un buon Thomas Fabbiano. Lo stesso Stepanek è riuscitoa sorprendere Ferrer anche se in questo caso grazie ad una “furbata” del ceco. Stepanek non ha fatto bagnare il campo dopo il primo set vinto dallo spagnolo. Ferrer infatti continuava ad urlare “è durissimo”.. assurdo che Stepanek abbia potuto “comandarsela” in questo modo.. Comunque sia in campo Stepanek ha giocato ad un ottimo livello sui campetti di cemento del Foro Italico..

Fernando Verdasco

Verdasco: Giocatore che, quando è in forma (e lo è) può dare fastidio veramente a tutti. Nel terzo set contro Lapentti oggi il servizio è stato perfetto; il diritto potentissimo lungolinea e molto lavorato nel diagonale; un rovescio incrociato stretto ha fatto impazzire il pubblico del campo 6, letteralmente impazito per lo spagnolo. Giocatore purtroppo molto imprevedibile, che difficilmente vince le partite molto equilibrate; potrebbe comunque essere la sorpresa della parte bassa del tabellone.

Campo 1

Almagro-Nalbandian: Almagro è il vero outsider di questo torneo; oggi, in una partita non molto spettacolare, non ha permesso a Nalbandian di fare il proprio gioco; ha servito benissimo sia prima che seconda, giocando in maniera sontuosa lo strettone di rovescio ad una mano. Nalba ha giocato piuttosto male e, nonostante 7 match point annullati, ha capitolato contro un avversario certamente più in forma e più determinato.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *