Una Giornata al CT Eur

di - 3 Aprile 2011


(Marco Speronello – Foto Nizegorodcew)

di Roberto Commentucci

Giornata meravigliosa al CT Eur, con alcuni match molto buoni.
Qualche news in ordine sparso.
Valenti ha sempre un bel tennis, ma dopo il primo set ha finito la benzina. Per lui sta iniziando una carriera da coach.

La miglior partita della giornata è stata quella vinta da Marco Speronello su Erik Crepaldi.

Spero ha un gran talento, e un ottimo fisico, resta un ragazzaccio viziato, però lentamente sembra stia maturando. Oggi dopo aver perso un primo set lottato contro un ottimo Crepaldi (tutto anticipi e risposte fulminanti) Marco ha finito per far valere la sua maggiore pesantezza di palla (Erik è reattivissimo, fa i miracoli come anticipo e timing, e ha due fondamentali fluidi e puliti, ma per la terra è decisamente troppo leggero).

Speronello però è stato bravo, perché nel secondo set dopo essersi incartato dissipando un break di vantaggio ha sofferto in alcuni altri turni di battuta e si è rifugiato nel tie break, dove sotto 0-2 ha indovinato un parziale di 5 vincenti di fila. Nel terzo il veneto è salito ulteriormente di livello e non c’è stato più match.

Speronello serve bene, ha un bellissimo rovescio bimane e si muove molto bene per la sua statura. Ha un diritto un pò ballerino, ma soprattutto si vede che per 3-4 anni il suo impegno nel tennis è stato relativo: fisicamente è ancora tutto da formare come potenziamento.

Un gran peccato. Spero, che è del ’91, resterà l’ennesimo incompiuto di talento del nostro tennis.


(Viktor Galovic – Foto Nizegorodcew)

E’ piaciuto molto invece Viktor Galovic, italiano nato in Italia da genitori slavi e allenato a Bra da Max Puci nel team che comprende anche Golubev ed Eremin. Galovic ha battuto con un netto 63 63 il serve and volleyer d’Abruzzo, Enrico Iannuzzi.

Galovic è un atleta eccezionale: 1,92, potente, esplosivo e anche piuttosto rapido. Ha un servizio molto efficace (anche se varia ancora poco direzione ed effetti, troppe botte piatte), un bel rovescio bimane naturale, che gioca con ottimo controllo e fluidità su ogni traiettoria, e un diritto potente ma un pò meno sicuro. Ha una discreta manualità: è apparso sicuro nel gioco al volo e ha fatto vedere alcune risposte vincenti bloccandole conm il back, che hanno nettamente sorpreso Iannuzzi.

Domani Galovic, classe ’90, avrà il piemontese Colella, che è venuto a capo dopo una sfibrante battaglia del pugliese Micolani in un sentitissimo derby targato Tirrenia.


(Alex Colella – Foto Nizegorodcew)

I due azzurri sono apparsi molto ben preparati sul piano fisico, dando vita a scambi interminabili. C’erano anche al Circolo Gaio e Giannessi, accompagnati da Infantino.

Tutti sono apparsi fisicamente molto potenziati, specie Gaio e Micolani. La palla di Gaio, visto in allenamento dominare l’argentino Migani, fa un rumore impressionante.

Gaio è piaciuto moltissimo oggi in training, speriamo bene.

© riproduzione riservata

10 commenti

  1. Guido

    Bravo Roberto, stavo proprio aspettando i tuoi resoconti dal ct eur. Pero mi sa che sei sempre troppo attento a Gaio, mi illudi sempre un po’. Mi dici qualcosa di piu’ su Colella che secondo me, nella quasi indifferenza degli addetti ai lavori, potrebbe salire molto quest’anno. L’anno scorso lo avevi trovato molto migliorato al servizio e sul rovescio. Quest’anno ha aggiunto qualcosa tecnicamente o solo sul piano fisico (che comunque era gia’ buono)?
    Grazie
    Ciao

  2. Pingback: CT Eur: Diario di Bordo « SPAZIO TENNIS

  3. Alessandro Nizegorodcew

    Molto interessante Galovic.. so che era avanti 5-2 con Colella nel primo set, ma purtroppo non so altro..

  4. massimo

    IO vidi giocare anni fa Federico Gaio,ottimo servizio e dritto …ma purtroppo carente da parte del rovescio,sperando che negli anni sia migliorato.Un saluto a tutti

  5. Alessandro Nizegorodcew

    Galovic ha vinto 62 75.. si si Pietro concordo.. considerando che questo è solamente il nono future della carriera

  6. Stefano Grazia

    Certo che, Roberto, visto in quella foto Speronello non sembra poi sta mezza sega che debba imputare al mancato potenziamento fisico il mancato successo nel tennis che conta…le foto ingannano (lo so io che in foto,specie quelle di windsurf, talora sembravo un gigante) ma Spennacchiotto Petr Korda che doveva allora dire?

  7. Roberto Commentucci

    Guido, Colella sta cercando di diventare più aggressivo e di avanzare la sua posizione in campo. Ci vorrà tempo, ha sempre corso e difeso…

    Stefano, ti asscuro che Speronello è molto più magro di quel che pare dalla foto. Un altro che andrebbe preso a pedate, talento fisico e tecnico da vendere, ma interesse reale per il tennis così e così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *