Andrei Enache: “Stiamo lavorando per rendere più aggressivo il tennis delle Mayr”

di - 23 Gennaio 2010

Andrei Enache con le sorelle Mayr

Evelyn e Julia Mayr sono pronte per la nuova stagione. Evelyn, classe 1989 e numero 380 Wta, ha avuto qualche infortunio di troppo nel 2009, non riuscendo a scalare la classifica come avrebbe potuto. Bellissimo invece il 2009 di Julia, classe ’91 e numero 338 Wta, che ha messo insieme alcuni risultati di un certo rilievo. Le due sorelle Mayr sono seguite dallo scorso anno da Andrei Enache, giovane allenatore romeno, che ci ha rilasciato una breve intervista.

di Alessandro Nizegorodcew

Allora Andrei, come è andata la preparazione?
Abbiamo lavorato tanto e molto bene, sia in palestra, cercando il potenziamento muscolare, sia in campo ovviamente. L’obiettivo tecnico e tattico è sempre lo stesso: riuscire a dare maggiore peso alla palla e creare un gioco molto più offensivo ed aggressivo. Piano piano le cose stanno andando sempre meglio.

Quali sono i miglioramenti più evidenti che hai notato durante il lavoro invernale?
Credo che sia Evelyn che Julia abbiamo lavorato molto bene e con grande intensità. Probabilmente le migliorie più evidenti sono sul servizio di Julia. Tecnicamente è cresciuto molto in questo fondamentale; se acquisisce la giusta fiducia, può diventare un ottimo colpo.

La classifica di entrambe è più o meno la stessa e quindi immagino che la programmazione sarà simile. Quali sono gli obiettivi che vi siete posti per il 2010?
L’obiettivo è quello di poter partecipare, per entrambe le ragazze, alle qualificazioni dei tornei dello Slam. L’importante però è non avere fretta e lavorare cercando di crescere giorno dopo giorno, step by step. La speranza è ovviamente quella di riuscire a vivere una stagione intera con il minor numero possibile di infortuni.

In conclusione, quali saranno i primi tornei per Evelyn e Julia?
Domani partiremo per il classico raduno di inizio anno a Tirrenia. Passeremo lì 3 giorni. A fine mese si va in Inghilterra, per il 25.000$ di Sutton; successivamente dovremmo giocare degli Itf in Spagna oppure in Portogallo.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *