L’Intervista Doppia Mad Max-Stefano Grazia

di - 22 Novembre 2011

di Alessandro Nizegorodcew

Dopo anni di “Tennis Genitori & Figli” è venuto il momento. Dopo anni di discussioni, litigi, commenti, post illeggibili via Ipad. Dopo miriadi di abbandoni e di ritorni, è oggi scoccata l’ora dell’intervista doppia a Mad Max (Massimiliano D’Auria) e Stefano Grazia. Il bianco e il nero. Gli opposti. Due personalità completamente diverse che hanno però ricercato uno stesso obiettivo per anni. Lo si nota anche dal modo in cui hanno risposto: uno sintetico, deciso, schietto, l’altro filosofico, indeciso (ma quanti film e canzoni ha messo?), vitale. Andiamo a leggere… ma vi avverto: Valgono sono commenti divertenti e poco seri!

Nome
M: Massimiliano D’Auria
S: Lacombe Lucien !…no scherzo, era un vecchio film di Louis Malle, credo: Stefano Grazia

Età
M: 45
S: 56 compiuti il 30 giugno, ma a volte quando gioco mi sembra di essere un vecchio di 50 anni …

Professione (attuali e passate)?
M: Sono stato per anni un allenatore di cavalli da corsa essendo figlio d’arte.. Poi prima di abbandonare la professione (un po’ per questioni famigliari, un po’ per il mio carattere ribelle che non accetta ne imposizioni ne compromessi da nessuno), feci una scommessa con me stesso e presi un ragazzino (jockey) di 17 anni portandolo a diventare il miglior fantino d’Italia e ad essere uno tra i migliori del mondo : Mirco Demuro. Lasciata definitivamente l’ippica da protagonista nel 1998, fino a tre anni fa rimasi nell’ambiente come Broker sulle scommesse ippiche, prima in Italia e poi in Inghilterra. Ora mi occupo a tempo pieno di mia figlia (a gratis e con contratto annuale ma per ora mi ha sempre riconfermato 🙂 ) e questo è il terzo anno che lavoriamo insieme.
S: Sono il Responsabile dei Servizi Medici di una importante Oil Company Italiana in un paese ai confine dell’Impero… Ho sempre e solo lavorato all’estero (iraq,jamaica, saudi arabia, nigeria, congo, libia, nigeria, angola e di nuovo nigeria…in nigeria,probabilmente perche’ non ci vuol venir nessuno, ci sono stato ormai, sia pure in tre diverse occasioni, per un totale ormai di quasi 15anni, sempre a Lagos (da cui il soprannome di mio figlio, La Canaglia di Lagos,perche’ e’ qui che, a parte I due anni a Bradenton, ha passato quasi tutta la sua vita, qui e a Luanda , ma La Canaglia di Luanda suonava male…)…


(Stefano Grazia e Mad Max)

Qual era il tuo sogno da bambino?
M: Onestamente non ne avevo uno in particolare o forse non ricordo, ma la mia infanzia è stata molto bella per cui i miei sogni li vivevo giornalmente.
S: Come ho già ricordato in decine di posts e articoli:
1)Vincere un olimpiade in un qualunque sport e salire sul gradino più alto del podio, la mano sul cuore e commuovermi al suono dell’inno nazionale di una qualsiasi nazione, non necessariamente quella italiana: gli inni più belli in effetti sono quello sudafricano, jamaicano,neozelandese… non era male quello della Germania dell’Est ,se ricordo bene
2)Girare il Mondo in Barca a Vela
3)Scrivere un Best Seller
Dal che si può giudicare se io sia mai stato un Uomo di Successo, vedete un po’ voi …punto uno:il mio sport da ragazzo (miglior giovane in Emilia nel 74,una convocazione per un Raduno di una Settimana in Nazionale Under 21:nazionale jamaicano con winning try contro le Caymans Island,sic!…) e’ stato il Rugby che allora non era nemmeno Olimpico!; punto due: a 27-28 anni ho affiancato al rugby il windsurf …e al windsurf fra le onde sono rimasto senza mai passare alla vela, nemmeno all’Hobie Cat!; punto tre: …altro che Best seller, scrivo commenti e al Massimo,quando mi voglio rovinare, articoli per un blog di tennis!

Qual è il tuo sogno oggi?
M: Che la mia famiglia un giorno possa vivere i suoi sogni.
S: Il mio sogno oggi sarebbe stato quello di aver potuto ballare l’Haka con la maglia nera degli All Blacks all’Eden Park davanti a 50.000 spettatori …Ma piu’ che un sogno, mi accorgo ora, e’ un rimpianto, come quello di non aver fatto l’Autore (Disegno e Testi) di Fumetti …O di non essere davvero andato a finire i miei giorni in Jamaica, once a windsurfer , vagabondo della schiuma forever …magari avrei finalmente fatto la circumnavigazione dell’isola,un sogno dei miei trent’anni, e vivrei al Silver Sands, un piccolo resort in stile anni 50, a meta’ strada fra O Chee e Mo Bay, e al mattino mi sveglierei guardando il mare dalla terrazza … Ma oggi,oggi … il mio sogno oggi sarebbe quello di poter allenare ancora mio figlio…non per farlo diventare un campione ma per poter condividere un progetto con lui…Quindi in un certo senso, in questo posso dire di invidiare Mad Max ma mi sento anche in dovere di allertarlo: l’adolescenza e’ un buco nero e I nostri figli danzano pericolosamente sul ciglio, attratti dal Lato Oscuro della Forza …Anche I piu’ insospettabili … per ora mi accontento che ci facciamo 30′ di corsa insieme al mattino prima di andare a scuola lui, in ufficio io …

Come ti sei avvicinato e perché al mondo del tennis?
M: Quando deicsi di lasciare l’ippica mia moglie che all’epoca era incinta di Alessia ci rimase molto male perchè sosteneva che ero un pazzo a lasciare tutto e allora per consolarla le dissi che avrei fatto lo stesso con nostra figlia nel tennis.. Perchè nel tennis?? Boh non lo so precisamente, mi è sempre piaciuto, lo guardavo spesso e mi sembrava uno sport dove fosse facile raggiungere l’alto livello… Tra poco scopriremo se a ragione o meno!! 🙂
S:Dopo il rugby e il windsurf ( e lo sci d’inverno) e dopo aver dovuto abbandonare la Jamaica ed essere arrivato in Nigeria dove c’era il mare ma non c’era il vento, o almeno il vento di cui avevo bisogno io (nel windsurf piu’ diventi bravo, meno ci vai perche’ hai sempre bisogno di piu’ vento e onde per divertirti e in Nigeria c’e’ un vento superiore ai 16 nodi solo 3-4 volte all’anno! E magari non nel week end!) avevo bisogno di qualcosa di ‘socializzante’ visto che avevo scelto un lavoro che mi portava all’estero in citta’ ai lontani confini dell’impero ma di solito con la caratteristica di un
circolo in stile inglese di tennis …il mio ragionamento era: se arrivi in un paese straniero e non conosci nessuno ma magari sai giocare un po’ a tennis, ti iscrivi a un club e magari ti fai delle amicizie…adesso anche all’estero va piu’ di moda il golf, ma allora era ancora il tennis e poi a me, allora trentenne, il golf sembrava, e sembra tuttora nonostante ormai lo pratichi ignomignosamente da 30 anni, una via di mezzo fra il biliardo e l’andar per funghi…quindi, in soldoni, io volevo solo arrivare a un livello per cui avrei potuto giocare, senza vergognarmi, con tutti…non sapevo ancora che il tennis e’ la dimostrazione quasi scientifica che dio non esiste…

Qual è il giocatore di tennis che più ammiri o hai ammirato?
M: Quando ero giovane impazzivo per Borg prima e poi per Lendl, oggi guardo il tennis solo se gioca Federer… O se lo fanno le donne ma per ovvi motivi..
S: Devo senz’altro dire Andre Agassi che ho tifato dall’inizio alla fine soffrendo quasi sempre perché’ in rapporto al suo potenziale e al suo talento secondo me ha raccolto meno di quanto avrebbe dovuto…e proprio perché’ personalità’ troppo piu’ complessa per fronteggiare la ‘spectacular dullness’ di Sampras …Agassi l’ho tifato soprattutto all’inizio e contro tutti, perche’, come scrisse Bud Collins, un giorno si dira’ che e’ esistito un Tennis Before e After AA.L’ho imparato a conoscere e ad apprezzare leggendo le interviste e il ritratto chiaramente infamante descritto da Jon Feinstein in Hard Courts, un libro sull’annata del 1990, quella in cui lui perse le sue prime due finali in un Grande Slam e in tutte e due era il favorito…insomma, qui in Italia gli tifavano tutti contro,dicevano che era un tamarro e un borazzo,e fin qui magari…, ma anche uno stupido arrogante e invece qui sbagliavano di grosso… se uno si fosse preso la briga di leggersi le post matches conferences avrebbe potuto capire subito che fra lui eSampras, per esempio,c’era la stessa differenza di un tramonto o un alba nella savana e una giornata di nebbia in val padana…il mio grande problema e’ che soffrivo troppo quando perdeva e in piu’ gli portavo sfiga per cui decisi di vedermi i suoi match solo registrati e solo se infatti li aveva vinti…ricordo che ero a Maui quando vinse a Wimbledon e con mia moglie ci vedemmo il match, lei ignara della vittoria e credendo che lo fossi anch’io…io invece gia’ sapevo,era registrato e avevo letto lo score nei sottotitoli di un telegiornale della CNN se no mica avrei potuto, soffrivo troppo…ogni tanto mi rivedo la versione italiana, quella con Clerici e Tommasi, con Rino che a un certo punto dice a Gianni mentre le telecamere inquadrano Andreino piangere senza ritegno dopo la vittoria: Guarda Agassi … poveraccio!
Ma ho sempre anche ammirato, per motivi diversi, Marcelino Rios, Leyton Hewitt edanche il Federer prima della trasformazione iperfighetta. Pur tifandogli sempre contro ammiro Nadal ma gli preferisco sia Djokovic che Murray.The Djoker mi e’ sempre piaciuto, Murray pure ma l’ho scelto davvero dopo che e’ scoppiato a piangere
alla premiazione della finale persa all’Aussie Open con Federer e se ne usci’ in diretta con “I can cry like Roger: it’s a shame I cannot play like him!” Una frase che per la spontaneità’ con cui gli e’ venuta in mente tra l’altro in un momento difficile e di imbarazzo per lui, secondo me sta alla pari con la “Quote of the Century”di Gerulaitis dopo aver finalmente battuto Connors dopo 16 sconfitte: Nessuno mi può battere 17 volte di seguito!) A parte il tipo di gioco,fatto di geometrie intelligenti, sono stato il primo su UbiTennis a paragonarlo a Mecir, mi piace quindi anche come persona e quindi, visto che ai piu’ sta sulle palle, ci deve davvero essere qualcosa che mi separa dal resto dei comuni mortali …Dimmi per chi tifi e ti diro’ chi sei …
Dunque, After Agassi Djoko e Andy, con lo scozzese mio prediletto perche’ voglio
che vinca uno slam…lo voglio per Mamma Judith! Invece Before Agassi, c’era Connors ( da leggere Jimmy Connors saved my life, libro bellissimo di Joey Druckel) e come non sono mai riuscito a tifare per Nadal lo stesso mi e’ capitato con Borg…nel 76 ho tifato Panatta … a posteriori ho amato molto Johnny Mac, forse piu’ adesso che allora e ancora mi brucia il cuore la sconfitta al RG con Lendl…
Pero’,a pensarci bene, il giocatore che ho piu’ tifato e’ stato un giocatore femmina: Justine Henin che per me incarnava il perfetto connubio fra talento, tecnica e cuore con l’epos e il pathos che solo il tennis femminile puo’ procurare e poi il riproporsi della favola di David versus Goliath nel momento in cui la Big Babe Brigade (Davenport, Williams, Sharapova, etc) sembrava aver preso il sopravvento … insomma, sempre e comunque: allez Ju !

Quale la giocatrice che più ammiri o hai ammirato?
M: Da giovane Steffi Graf, negli anni scorsi mi ha dato forti emozioni Maria Sharapova, mentre ora la giocatrice che preferisco è la Kvitova.. In realtà forti emozioni le ho avute anche guardando Francesca Schiavone al Roland Garros dell’anno scorso, però devo dire che nonostante oggi il livello medio delle giocatrici si è alzato notevolmente, nessuna di loro mi appaga fino in fondo a livello tecnico.
S: Justine Henin, appunto…. I motivi li ho elencati sopra. Prima ho amato per un po’ la Sabatini quando con Kirmayr aveva mutato il suo tennis in un gioco aggressivo e di discese a rete… poi non so bene perche’ m’innamorai della Graf, forse perche’ aveva cominciato a perdere dalla Seles (ho sempre una simpatia per il Beautiful Loser) che a quei tempi era antipatica e smorfiosa come una merda a letto….Adesso magari delle tre e’ con Monica che preferirei fare 4 chiacchere e invitarla a cena… Mi sembra quella con la storia piu’ interessante alle spalle da raccontare e con un percorso verso la maturita’ felicemente completato …

Il tuo libro preferito?
M: Onestamente a me non piace leggere molto, forse perchè da giovane ho dovuto mangiare tonnellate di libri riguardo al mio lavoro (tecniche di allenamento dei cavalli da corsa, Preparazione atletica in generale, medicina sportiva e quant’altro), però ricordo sempre con grande piacere il Primo Tragico Fantozzi, in quanto faticavo a terminarlo non riuscendo a smettere di piangere dal ridere.. 🙂
S: La versione di Barney di Mordechai Rilcher a pari merito con Il Candido Miliardario di Stephen Vizinczey, un capolavoro misconosciuto in Italia.Ma anche The 25th hour di David Benioff … e Il Grande Gatsby e Tenera e’ la notte di Fitzgerald, I primi libri di Philip Roth (Lamento di Portnoy, Professore di Desiderio, Lo scrittore Fantasma) e chissà’ quanti altri … Bellissimo Caos Calmo, di Veronesi (il libro, non il film) … Ma e’ impossibile scegliere e bisognerebbe dividere per generi, o almeno fra libri da spiaggia e non… Per esempio io cito sempre 4 libri di avventura: L’Atlantide di Pierre Benoit (quello con la Regina Antinea), Orizzonte Perduto (quello di Shangri La), Il Paese delle Ombre Corte (dello stesso autore del Paese delle Ombre Lunghe ma stavolta ambientato nel deserto, una rivisitazione in chiave avventurosa dei 7 Pilastri della saggezza di Lawrence d’arabia) e …L’Azteco e poi I libri di James Clavell (Il Re, Tai Pan, Shogun, La Nobile Casa….)… E poi i cosiddetti polizieschi… Mi piacciono,per dire, anche Scott Turow,Carofiglio, Michael Connelly … Leggetevi Non avevo capito niente di Diego De Silva…. Me ne verranno in mente decine d’altri appena spedisco la risposta ad Ale e mi piange il cuore nel leggere che il peraltro ottimo Messi non ha mai letto un libro …Fra le biografie sportive, ovviamente Open di Agassi ma anche il gia’ citato Jimmy Connors saved my life di Druckel e Uncover di Pat Cash….E fra i fumetti ovviamente La Ballata del Mare Salato e Corte Sconta detta Arcana e alcuni dei racconti tipo La laguna dei bei sogni dorati ( chi e’ lei, un pirata?, chiede l’inglese perdutosi nella palude, all’apparire del bel marinaio con l’orecchino forato … E Corto Maltese:”noi preferiamo definirci gentiluomini di fortuna…), e poi il complesso Strangers in Paradise, il blasfemo The Preacher, l’appassionante Y:Last Man On Earth il cui finale ancora mi commuove e fa star male e naturalmente tutto Giardino ( Max Pezzo, Fridman e Jonas Fink)….

Il tuo film preferito?
M: Sono un appassionato di film in generale, da bambino però preferivo i film d’azione e avventura, per cui tutti i Rocky, i Rambo e Indiana Jones.. Ancora prima tutta la serie di 007..
S: Ancora peggio…impossibile scegliere… Poi adesso preferisco quasi le serie Tv fra cui citerei senza ombra di dubbio The Wire e Deadwood ( Season One)… fra i film citerei,se voglio fare lo snob e l’originale, The Valley of Elah di Haggis, La 25esima ora di Spike Lee,Gone baby gone di Affleck, Manhatthan di Woody Allen, Beautiful Girls di Ted Demme, Sliding Doors, finding Forrester e Searching for Bobby Fischer ….E ovviamente Blade Runner, che non si puo’ lasciar fuori da nessuna Top Ten … Se voglio fare il Nazional-Popolare invece Last of Mohicans di Michel Mann, Avatar e la Trilogia di Jason Bourne e Miami Vice ancora di Michael Mann, per motivi del tutto personali difficili da spiegare ( il vento caldo dei tropici? la colonna sonora? L’idea dell’undercover e dell’attrazione per il Lato Oscuro della Forza?)Ma per esempio mentre scrivo mi vengono in mente film come AmericanXHystory,quello con Ed Norton, o un piccolo gioellino come Codice d’onore con la sceneggiatura di Aaron Sorkin, il premio Oscar per The social network,con Tom Cruise e Jack Nicholson che urla ‘ do you wanna the truth? you cannot handle the truth!!! ‘, che secondo me e’ la frase che si dovrebbe urlare ai Genitori che dopo aver avviato I figli al tennis cominciano a fare domande e a pretendere risposte … e poi un film magari considerato minore come The Kingdom, che a me e’ piaciuto moltissimo ( “chi ci sara’ oltre quella porta? Dio o Allah?” “We are about to know…)”, o anche Black Hawk Down di Ridley Scott oppure Mystic River ma anche per rimanere a Clint Eastwood, l’attore che secondo Sergio Leone aveva due espressioni: con cappello e senza cappello, One million dollar baby, che ho rivisto di recente… e poi Qualcosa di Travolgente, di Jonathan Demme, Young Frankenstein e soprattutto Io ed Annie di Woody allen… E Gallipoli?puoi lasciar fuori un film come Gallipoli, meglio conosciuto come Gli anni spezzati? E The Big Wednesday? E Midnight Express? E Momenti di Gloria ? ma anche Seabiscuit e se cominciamo coi film sportivi non smettiamo piu’., da Remember the Titans a Coach Carter.. invece in italia? Ecce Bombo di Moretti, Come te nessuno mai di Miccino, Marrakesh Express di Salvatores, Regalo di Natale di Pupi Avati e Il Sorpasso di Risi
…Pero’ 30 anni fa avrei citato i capolavori del cinema americano degli anni 70, quello pre Spielberg e Lucas…Il Laureato con Dustin Hoffman, Mean Streets di Scorsese con Harvey Keitel e Robert De Niro e soprattutto Cinque Pezzi Facili, con Jack Nicholson.. Vogliamo passare ai Westerns? The Searchers, Pat Garrett e Billy The Kid, Open Range…. Fantascienza?be’, gia’ detto di Blade Runner e Avatar, due films all’opposto ma entrambi capolavori, citerei Serenity perche’ c’e’ nel personaggio di Captain Mal Reynolds interpretato da Nathan Fillon, la reincarnazione del Han Solo di Harrison Ford …E tutti da ragazzi volevamo essere come Han Solo!

Quali sono le 3 persone del mondo del tennis italiano che stimi di più (e perché se volete metterlo)?
M: Giovanni Catizone, Riccardo Piatti e Fabio Della VIda..Beh Giovanni è un altro pianeta in tutti sensi, come professionista ma soprattutto come uomo.. Un’onestà di altri tempi.. E oggi è una qualità molto più che rara…Riccardo a livello di passione non ha eguali, oltre al fatto che parla con chiunque come se fosse un suo pari.. Due sono i ricordi che mi legano a lui e che mi hanno portato a rispettarlo molto: il primo quando ad un suo stage a pranzo per non perdere tempo e lavorare il più possibile con i ragazzi ha mangiato un panino in campo per poi unirsi con tutti noi a cena… Il secondo quando a Roma mentre era lì con Lijubicic e Gasquet si è fermato a guardare Alessia e poi quando era già in campo con loro vedendomi ha fermato un momento l’allenamento per venirmi a chiedere com’era finito il match e per farmi i complimenti per il lavoro svolto.. Sensibilità e signorilità introvabili..Con Fabio invece il punto è che siamo uguali e diciamo sempre quello che ci passa per la testa fregandocene di quello che pensa il mondo intero, per cui l’onesta è garantita… Cosa per me fondamentale..
S: Non conosco molto il tennis italiano avendo quasi sempre vissuto all’estero, non so nemmeno se ne ho conosciute tre di persone … Ovviamente cito il Prof Buzzelli per far rabbia a Mad Max ma devo sfatare una credenza popolare del Blog e cioe’ che io e il Prof si sia anime gemelle… assolutamente no e non e’ nemmeno detto che avremmo potuto coesistere…siam diventati pero’ abbastanza amici ed e’un piacere incontrarci magari di sfuggita al Centro Commerciale di Casalecchio e fermarci a mangiare un boccone insieme e a parlare di tennis, ma il nostro sodalizio non ha nulla a che vedere con quello fra Catizzone Ardente e il suo Profeta … io ancora mantengo una capacita’ critica e riesco a distinguere fra mito e realta’…Sono perfettamente conscio che il Prof mi abbia affettuosamente sfruttato per divulgare la sua creatura, ma non mi pare di aver mai scritto che Buzzelli e’ Uno e come lui non c’e’ nessuno…Certo, quando viene attaccato (lui o qualunque altro) solo per spirito di contraddizione, scendo in campo ma il fatto che si sia piu’ o meno amici e’ del tutto secondario…atti ci conosce entrambi e magari potrebbe dire la sua … ma e’ indubbio che il Prof col suo Dvd 20 anni fa e col suo SensoBuzz ora ha dimostrato checche’ ne dicano I detrattori, di essere e essere stato sempre all’avanguardia…. Come Uomo di Campo invece lo conosco poco … Ho conosciuto Sartori, Nicky ha fatto un paio di giornate a Caldaro, e l’ho trovato eccezionale….Non ho invece mai conosciuto Castellani e anzi ho sempre trovati noiosi, retorici, poco umili e autocelebrativi in maniera fastidiosa, e insomma in parole povere illeggibili, i suoi articoli su Tennis Italiano ma ho conosciuto un coach che aveva lavorato con lui e che nel parlare di lui si commuoveva e poi ho letto nel 92 il suo mitico libro nero Tennis Training ( e non Treining come dice ‘ansi’ Ivano) e ragazzi, quella era la Bibbia in un periodo in cui in Italia c’erano solo le cassette del Maestro Ricci con l’impugnatura continental mentre all’estero potevi comprare gia’ i libri di Bollettieri, Brody, Allen Fox,Donald Chu,Woodward, Kurt Kreise … Quindi, nonostante una certa fastidiosa tendenza ad autocelebrarsi nelle vesti di paladino della giustizia tennistica proletaria, direi che…avrei voluto conoscerlo e magari anch’io adesso parlando di lui, mi commuoverei… Non ho conosciuto nemmeno Silvano Papi ma di lui mi hanno parlato benissimo sia mia moglie che mio figlio…peccato che La Canaglia abbia smesso ma magari quest’estate glielo mando due mesi a Genazzano ( mentre io e mia moglie andiamo di nuovo al Grand Canyon e poi magari nel New England) e ricomincia … Se invece citiamo anche gli stranieri, devo citare Lance Luciani e Margie Zesinger per aver insegnato a Nicholas ( e a me) quello che in pochi in Italia sono mai arrivati a immaginare: l’arte del footwork, e poi Ali’ Bennaji, un coach della Bollettieri, ora ex, per motivi non prettamente tecnici ma umani, l’unico che ha cercato di salvare Nicholas dall’autodistruzione e quello che ha condiviso le nostre critiche al sistema dell’Academy…Ma alla fine voglio fare anche qui l’originale e quindi cito Clerici & Tommasi ( per avermi fatto innamorare del tennis con le loro telecronache), Scanzi & Ferrero ( per avermi fatto spisciare dal ridere con alcuni loro rari articoli, quello su Pietrangeli di Ferrero e quello di qualche anno fa sugli Aussie Open di Scanzi in cui imitava il giorno prima della finale lo stile e I commenti di una decina di noti giornalisti, e infine…. Nizegoredczec & Commentucci per avermi ospitato su SpazioTennis!!!

Qual è la tua canzone preferita?
M: Anche qui non ho una canzone preferita, mi piace la buona musica in generale anche se poi molte delle canzoni che preferisco appartengono agli anni ’70/’80. Oggi mi piace molto Michael Buble..
S: Tseh,impossibile scegliere nemmeno le prime 100….Like a Rolling Stone, Knockin on Heaven’s Doors,Stairway to heaven, Hotel California,Child in Time, Losing my Religion, One,Clock dei Coldplay e soprattutto Wish you were here dei Pink Floyd …Citero’ David Gray, Moby, Coldplay,Macy Gray fra quelli che compro oggi a scatola chiusa … ma ci sono decine di nomi che magari sono meno noti, dai Cranberries agli Eurythmics, da Enya a Heather Nova, da Old Medicine Crow ailla Dave Matthews Band…per anni ho comprato tutto e di tutto….Dai Creedence Clearwater ai New Order…Se voglio dare un’altra risposta originale e rivelante potrei dire: Forever Young ( 3 canzoni diverse con lo stesso titolo: una di Bob Dylan possibilmente nella versione con The Band, quella che sembra suonata ad una scalcinata festa di paese, una di Rod Stewart, e quella degli Alphaville, che conobbe una versione anche di Laura Branigan e ora di Jay Z, e che ascoltata all’improvviso, nella versione Alphaville, una notte in un locale di Kingston, isolato e inaspettato sound di chiara matrice europea, mi porto’ vicino alle lacrime) . Fra le canzoni italiote direi invece Vita Spericolata di Vasco Rossi che per il resto non mi e’ mai piaciuto a parte Albachiara e al quale di gran lunga ho sempre preferito De Andre’, De Gregori, Guccini, Vecchioni etc ma anche Battisti, Fossati( Goodbye Indiana…) Battiato….Dai mettiamoci anche Ninna Nanna della Luridona ( Berte’), Il mio cuore fa ciok di Carboni e soprattutto Monetine di Daniele Silvestri, autore che ho scoperto tardi ma che apprezzo molto…E Sally di De Andre’, perche’ in fondo sarebbe banale citare Fiume Sand Creek ( ma diciamo che adesso vengo folgorato sulla via di Damasco da tutte quelle canzoni sull’adolescenza e sul pericolo di essere attratti dal lato oscuro, della forza o meno…E allora ecco che ‘mia madre mi disse non devi giocare con gli zingari nel bosco…ma il bosco era scuro l’erba gia’ verde, li’ venne Sally col suo tamburello… ‘ diventa come dire, quasi paradigmatica …

Qual è il miglior pregio dell’altro?
M: Pregio?? Non saprei.. ah ah. Bah sai per poter conoscere i pregi di una persona è necessario conoscerlo bene e frequentarlo per un po’ e la cosa non è mai accaduta.. Sicuramente a suo modo e secondo la sua visione della vita sta facendo il meglio per lui e la sua famiglia e questo cmq la si pensi è un pregio..
S: L’incrollabile fiducia in se stesso che spesso suona come necessario e indomito persistente bisogno di convincere gli altri per poter continuare a convincere se stessi

Quale il maggior difetto dell’altro intervistato?
M: La pensa diversamente da me!! 🙂 🙂
S: L’incapacita’ di accettare il contradditorio senza scadere in toni da bar o, peggio, in sprezzanti duetti ai danni del malcapitato di turno con l’Addetto ai Lavori che, ahime’ ahilui,in quel momento si e’ trovato ad essere d’accordo con lui… A pari merito con l’incapacita’ di fare autocritica che lo porta a volte credere di essere il Protagonista di un film in cui invece ha solo un ruolo da comparsa… insomma, anche lui si prende troppo sul serio…

Quanto ti ha aiutato il blog TGF (da Ubi sino ad oggi)?
M: Sicuramente grazie a TGF ho avuto modo di conoscere i migliori professionisti del settore (ricordiamo che il primo contatto con Piatti e Sartori è avvenuto grazie al nostro Monet), ma anche il conoscere e incontrare tutti gli altri ha aiutato perchè cmq sulle varie loro posizioni mi sono posto delle domande e mi sono documentato,, Poi spesso sono rimasto della mia idea ma in altre ho anche cambiato opinione e perciò è stato sicuramente un arricchimento..
S: Immagino che Mad Max dira’ che non l’ha aiutato punto e che semmai e’ stato lui ad aiutare gli altri … io credo che sia servito molto soprattutto a chi e’ stato in grado di distinguere fra guru e puffaroli … la fase dell’aneddotica e’ stata catartica, poi c’e’ stato un vero momento, purtroppo brevissimo, di sharing, di condivisione, poi e’ iniziata la polemica e il tifo per bande da ultras e la cosa, anche se mi ha spesso divertito, mi ha anche talora nauseato ma soprattutto…e’ diventata meno utile…ora mi sembra che grazie ad Ivano, Pulsatilla, Moziek e qualche altro ci sia un ritorno alle origini ma bisogna sempre sapersi districare dalle sabbie mobili del mad max contro tutti, io e due o tre contro mad max ( anche quando gli diamo ragione…!) … Pero’ stiamo anche scivolando verso un pericoloso eccesso di analisi metafisica e quantistica e si corre il rischio di dimenticare che la tecnica la se aprende, los cojones se tengan, come disse l’oscuro coach delle Canarie riportato da ClaudioTn….

Qual è il primo consiglio che dareste ad un genitore neofita?
M: Assolutamente quello di cominciare a documentarsi il più possibile e di chiedere in giro, cercando di ragionare sempre come lo si farebbe nel proprio lavoro… E per chiedere in giro intendo rivolgersi solo a coach professionisti di provato spessore tecnico ma soprattutto umano..
S: Scartare a priori il Coach che non si rende conto che nella fascia dai 3 ai 12 anni un Genitore Illuminato fara’ sicuramente meglio di un qualsiasi Maestro Scoglionato e di molti Maestri anche volonterosi…. Tante altre cose, e anche di non mandare il figlio in un Academy prima dei 14 anni! Noi non avevamo molta scelta (e ci ando’ con la madre) ma col senno di poi direi che avremmo dovuto aspettare altri due anni e mandarlo in Florida ora… Quindi , in soldoni, consiglierei di non avere fretta…
Al tempo stesso pero’ bisogna essere consapevoli che tutto quello che hai da imparare nel tennis lo devi imparare prima dei 12-14 anni e quindi…studiare, viaggiare, leggere, ascoltare,incontrare diversi coach, andare a vedere come lavorano nelle grandi Academies all’estero e specialmente in Florida che con tutti i loro difetti e’ sempre un po’ comevandare su Marte rispetto a certe realta’ italiote… anche se e’ vero che rispetto a solo 10 anni fa le cose sono un po’ cambiate…

Con quale giocatrice vorresti uscire a cena?
M: Onestamente il mio target è piuttosto alto e se uno trovasse le migliori tenniste del mondo in discoteca senza conoscerle probabilmente non le guarderebbe nemmeno soprattutto oggi che sono nel momento clou della loro carriera e che quindi per forza di cose i loro fisici sono molto “pompati”.. Voglio dire, a me piacciono le gambe lunghe e afffusolate, per cui.. 🙂 Però un po’ prima di provarci veramente o a fine carriera di ragazze carine ce ne sono parecchie… Le prime che mi vengono in mente sono la Taback (almeno dalla foto), ma anche la penultima ragazza che ha fatto “Circolando”.. Ma ripeto in giro ne ho viste parecchie di cui non conosco o non ricordo il nome ma che forse appunto per questo difficilmente sfonderanno..
S: Ora come ora credo che la giocatrice piu’ interessante con cui uscire se fossi il fascinoso 25-30enne di un tempo sarebbe la Pektovic…Tempo fa, quando ancora potevo pensare di uscirci a cena, a Claudia Schiffer avrei sempre preferito Steffi Graf il cui sguardo melanconico e le gambe perfette mi hanno sempre impressionato… Gabriela Sabatini era sicuramente la piu’ bella ma avevo letto da qualche parte che era completamente ‘sciapa’… tutto sommato la piu’ interessante con cui uscire a cena rimane Martina Navratilova…Di recente, per le stesse ragioni forse la Hingis… Io uscirei perfino con Ju Ju Henin perche’ sul campo trasfigurata dal suo talento mi appariva bellissima…Ma e’ ovvio che, messo alle strette, se volessi uscire con qualcuna e fare colpo con gli amici del Bar Sport ,forse finirei per scegliere la Sharapova che ha comunque,oltre alla bellezza, anche la personalita’… per fare il diverso, potrei pero’ scegliere la Dementieva per via dell’informazione, se vera, che era l’unica tennista sempre con un libro nella borsa da tennis…Voglio dire che se dovessi scegliere un attrice sceglierei Cameron Diaz perche’ mi sembra non solo bella ma anche e soprattutto simpatica…Per questo, con la maturita’ che mi da sicurezza,rimango sulla Pektovic rispetto alla Sharapova…

Chi è il più bello tra voi due?
M: Assolutamente io, il problema è che non si vede più!! ah ah
S: Ovviamente io, anche adesso, figuriamoci 20 anni fa quando avevo piu’ o meno la sua eta’ ( vedi foto allegate)

Chi il più intelligente?
M: Sicuramente lui, non abbiamo detto che per sfondare nel tennis essere stupidi aiuta?? 🙂
S: Sicuramente lui, io sono solo più colto

Chi il più furbo?
M: Anche qui sicuramente lui, perchè se fossi stato furbo ora sarei in ben altra posizione.. In compenso ho sempre fatto solo ciò che mi piaceva.. E per me questo non ha prezzo..
S: Sicuramente lui, io sono solo più saggio

Destra o Sinistra?
M: Guarda a me della politica non importa nulla e soprattutto mi fanno schifo i politici.. Sono assolutamnte per il Partito della Topa.. Il fatto è che per come ragionano a sinistra sembra che io sia di destra ed una leggera simpatia per il Berlusca c’è proprio perchè tutto è tranne che un politico.. Ed io preferisco un rapinatore di banche ad un politico perchè almeno rischia di suo..
S: Fate un po’ voi: sono agnostico, sono per la libera scelta delle donne nell’aborto, per la liberalizzazione delle droghe ( ma con severe pene a chi le usa al lavoro o in condizioni di pericolo per altri, tipo al volante), sono antirazzista per principio sono anche contro ogni discriminazione basata sul pregiudizio per sesso, razza, religion ma contro il politically correct per cui vorrei poter vivere in una societa’ in cui sia possibile poter dire a un nero che e’ un idiota,magari sbagliando, senza essere creduti razzisti:sono liberal ma sono anche per un National Health System che funzioni e sono un meritocratico a scuola e in ufficio: chi e’ bravo va avanti, chi no dovra’ fare alter cose: sono per il ripristino delle case chiuse alla faccia di Livia Turco (per i seguenti motivi: 1,tiri via il degrado dalle strade,2 introduci I controlli medici,3 si fan pagare le tasse) e credevo,ben prima che uscisse quell’articolo sul giornale, che Mose’ prima di ricevere le Tavole della Legge avesse assunto sostanze stupefacenti… Eppero’ in tanti si son fatti di allucinogeni ma solo Mose’ ha ricevuto Le Tavole della Legge… Sono per la liberta’ di culto ma contro ogni fanatismo, credo che I Crociati fossero I cattivi al tempo delle Crociate ma credo che ora le leggi islamiche siano retrograde nei confronti della donna e mi trovo quindi d’accordo con diverse delle cose dette da Oriana Fallaci che pure molto simpatico non mi e’ mai stata…Infine, per quanto molte delle cose dette mi farebbero passare per uomo di sinistra, faccio fatica a identificarmi con una sinistra che ha idolatrato paesi come l’Unione Sovietica, la Cina o Cuba dove certe elementary liberta’ non erano o non sono riconosciute… Insomma, in parole povere fra la Russia e la Morte avrei scelto l’America … , questa volta avrei votato Obama o anche Hillary ma altre volte avrei votato Repubblicano … E mentre un tempo sarei forse sempre stato all;opposizione, da molti anni mi sento di sostenere maggiormente il Governo, di qualunque colore esso sia, purche’ democraticamente eletto e a termine…Perche’ governare e’ molto piu’ difficile che stare sempre all’opposizione …

Sport preferito (dopo il tennis)?
M: Calcio
S: Prima del tennis, Il Rugby! … ma avendo giocato in una squadra mediocre ogni tanto avrei voluto fare uno sport individuale come il tennis anche se ho sempre avuto le caratteristiche del giocatore di squadra ( quello che quasi preferisce farti il passaggio smarcante piuttosto che segnare una meta o un goal o un canestro) e anzi.immodestamente parlando, del leader, del capitano…quello che ti caccia un urlo se fai una cazzata, tipo non passare la palla per puro egoismo, ma ti incoraggia se sbagli o se sei in giornata negative ma stringi I denti e vai… ma a rugby mi sarebbe piaciuto, magari con un altro fisico, poterci giocare adesso…mi sarei trasferito nell’emisfero sud, avrei provato in new zealand, australia, sud africa…cioe’ avrei fatto quell che ho fatto con la medicina, l’espatriato… per questo mi ispirano comunque simpatia quei pochi italiani che vanno a giocare o ad allenare all’estero, meno quelli che dopo appena un anno ritornano perche’ magari non sanno stare senza Gazzetta e Tagliatelle…Windsurf e sci sono stati gli altri miei sport, lo sci a livello non agonistico nel senso che sciavo da dio (vabbe’, su…) ma non facevo gare, e il windsurf uguale: nell’86 facevo manovre che si vedevano solo sulle riviste…poi l’anno dopo sulle riviste facevano i loops, i giri della morte, e io continuavo a fare duck jibe e aerial jibe, ma insomma, avevo 30 anni e passa e lo sport si era trasformato in uno sport per 15enni, agili e fuori di testa come quelli che vanno in skate e mpx…Ma si puo’ dire che cominciai a lavorare all’estero solo per poter un giorno avere i soldi e il tempo per andarmene a cavalcare le onde alle Hawaii ( missione compiuta nel 92, a Maui)
… Ma al rugby sono rimasto famoso perche’ alle mie finte ci cascava anche la mia ombra…. E se devo ricordare uno dei giorni piu’ felici della mia vita, a volte mi viene da citare quella volta che in Jamaica al Rumours, un pub in Uptown Kingston, dopo che si festeggiava la vittoria , la prima in 20 anni, della Jamaica contro le Cayman Islands grazie all’unica meta segnata dal vostro poco umile narratore, un australiano ex giocatore mi disse che io ero il giocatore con cui lui avrebbe voluto giocare al fianco… era completamente ubriaco, ma insomma, la cosa mi fece molto piacere anche perche’ la argomento’ con contenuti tecnici e con il commento che mi aveva visto giocare al centro con partner diversi e sempre riuscire ad eccellere… Mai avuto nessuno che volesse cosi’ ardentemente giocare con me il doppio, nemmeno mia moglie (con cui comunque gioco spesso e perfino coi segnali …

In che città ti piacerebbe vivere?
M: Guarda ho sempre pensato di vivere al mare lontano dall’Italia, ne ho avuto mille occasioni ma sono ancora qui, perciò non so che dirti… Cmq prima o poi mi troverò in una situazione del genere..
S: Perth … ma anche Swakopmund in Namibia e Bondi ( Sydney) e Port Douglas in Australia …Anche Cape Town non e’ male ma troppo pericolosa, come tutto il Sud Africa, se sei senza una Oil Company alle spalle… L’Australia no, sembra ancora un’isola felice … In America ci sono decine di posti ma bisogna tener conto di una cosa: l’impatto che hai in un posto nuovo e’ diverso a 60 anni da quello che potresti avere a trenta e corri il rischio di sprofondare nella solitudine … bisogna anche considerare l’Assistenza Sanitaria . Diciamo invece che in Italia io e mia moglie siamo ancora alla ricerca del posto ideale che ruota intorno a una vista sul mare, anchge d’inverno … Sarebbe forse la Sardegna se non fosse cosi’ isolate ma or ache il figlio ci abbandona, chissa’ … Un tempo avrei risposto senza ombra di dubbio la Jamaica ma…Kingston e’ la citta’ dove vivere ma non ha una zona residenziale sul mare… Ci vogliono in pratica 45’ per arrivare ad Hellshire, la spiaggia dove andavo in windsurf e dove si mangiava, con le mani, il miglior pesce del mondo, appena pescato e cucinato li’, al volo nelle baracche-bar del villaggio dei pescatori…manco da 10 anni ormai e temo non sia piu’ lo stesso posto….ma insomma, c’era questo conflitto: la casa l’avrei comprata al Silver Sands, ma il Silver Sands era un piccolo resort a tre ore da Kingston, fra Ocho Rios e Montego Bay… E che ci stavamo a fare li’ tutto l’anno? Due maroni pazzeschi a meno che tu non sia Jan Fleming che ci stave tre mesi, non li’ ma ad Oracabessa,e al mattivo faceva snorkeling e al pomeriggio scriveva un libro di James Bond …

Cosa invidi all’altro?
M: L’invidia non fa parte di me in generale, cmq per quello che conosco di lui assolutamente nulla..
S: La mancanza di pudore

Servizio Vincente o Risposta Vincente?
M: Tutti e due
S: Dipende dal turno di battuta.. Ma in generale preferisco la Risposta Vincente ….

Come ti immagini da qui a 10 anni?
M: Non lo so, però un immagine ricorrente che mi passa davanti agli occhi è quella di essere seduto sul Centrale di Wimbledon con le mani che mi coprono il volto lacrimante, mentre gli altri sono tutti in piedi ad applaudire Alessia dopo il match point sfruttato in finale…
S: Uno splendido sessantaseienne, sempre più fascinoso di mad max

Qual è il tuo motto?
M: Chi fa da se fa per tre 🙂
S: Ce ne sono tanti: da “non importa vincere, non importa perdere, quello che conta e’ l’aver ben combattuto” a “Chi vive sperando muore cagando….” Passando per “ci sono Genitori e Genitori e Coaches e Coaches…”Ma il mio vero motto, da me coniato e di cui detengo il copyright e’ sempre stato: “Se la vita e’ un film, allora io sono il mio attore preferito!” Con molta autoironia,eh!

Quale personaggio del mondo del tennis detestate?
M: Quando una persona mi è poco simpatica la rimuovo e per me non esiste più, per cui alla fine non detesto nessuno, c’è chi frequento e chi no..
S: A parte Mad Max quando fa il TorqueMad(max)a? I bloggers che scrivono per mesi e anni le stesse cose sul Goat, su Nadal che e’ finito,su federer che e’ finito, su djokovic che finira’ e su murray che non ha mai cominciato, che Fognini e’ uno spoiled brat (lo e’,come mio figlio, ma a te chettefreca? Perche’ devi andarlo a scrivere su un blog? Non tifarlo e basta …)

Chi è per te l’altro?
M: Il genitore di un bambino che gioca o giocava a tennis..
S: Una volta ho scritto ad Alessandro: “si, pero’ smettila di blandire max: e’ una colossale testa di cazzo psicopatica! no, scherzo, capisco che faccia cassetta e bisogna farlo continuare a scrivere ma non si puo’ pretendere che solo lui possa trattare con disprezzo gli altri e questi non possano rispondere…baraldo, buzzelli, ivano hanno tutti smesso perche’? perche’ presi a palate di merda da uno che in fondo in fondo ha la figlia nelle top 8 d’italia under12 …se pero’ lo facciamo passare come un guru, alla fine ci ha creduto anche lui, sembra quasi che piatti lo chiami a colazione per chiedergli consigli su come far crescere Rocco…”
In altre mails private e in posts pubblici ho cercatio di spiegare che io non ho (quasi) mai messo in discussione la genialita’ o meglio le intuizioni geniali del mio excompagno di merende, precursore qui sul blog di concetti come la PA Precoce (vabbe’, il Prof ne parlava gia’ 30 anni fa ma non essendo JCh non conta), la videoanalisi e la biomeccanica)ma ho sempre rimarcato il sempre piu’ crescente fastidio nel riscontrare la sua incapacita’ di non mettersi sul piedistallo a giudicare con sprezzante insolenza chiunque abbia un’idea diversa dalla sua o anche , a volte, chi dice le sue stesse cose ma per motivi tribali non gli piace, vedi quando invase la Polonia per una questione di virgole sullo stretching… E’ sicuramente una personalita’ schizoide non tanto nel senso del Dr Jeckyll & Mr Hyde ma piu’ del tipo L’Incredibile Hulk … in un recentissimo post mi sono avventurato in una goliardica diagnosi che spiega questo accostamento…cito, non a memoria, il post del 9 novembre 2011 alle 19:49 in cui lo paragonavo all’Old Faithful, il Geyser piu’ famoso dello Yellowstone, il Parco di Yoghi e Bubu: “… si chiama sindrome maniacale ciclica ossessivo-compulsiva: ma per mad max io ho coniato un nuovo termine, Sindrome dell’Old Faithful ….c’e’ la deflagrazione, poi la calma che segue la tempesta, comportamento normale e anzi esemplare quanto a sobrieta’ tanto che chi ti sta intorno crede che tu sia cambiato, poi dopo un po’ cominciano a riapparire segnali qua e la’, poi sempre di piu’, quasi prendesse coraggio e al contempo perdesse i freni inibitori, fino al delirio megalomane puro e all’esploaione finale quasi liberatoria…poi un periodo di silenzio piu’ o meno lungo, poi la ricomparsa con post sobri e a volte perfino moderatori… fino di nuovo all’escalation finale che mi ricorda l’Old Faithful, il geyser dello Yellowstone, cosi’ chiamato perche’ regolarmente compare col suo getto ogni due,tre ore circa …prima qualche zampillo, poi un zampillo sempre piu’ grande, infine uno scoreggione fragoroso e scoppiettante … Non tradisce mai …” Ma in altri posts non ho mai mancato di manifestare il mio appoggio… Il Principe Buzzurro ci accusa spesso di malafede ma la malafede e’ dare sempre torto a qualcuno a prescindere e secondo me questo e’ invece proprio quello che fa Mad Max con tutti I Preparatori da quando nel deserto gli apparve uun catizzone ardente e senti’ una voce profonda sussurrargli: “io sono il Preparatore Dio Tuo: non avrai altro Preparatore all’infuori di me…non nominare il nome di dio ad ivano!” Ma alla fine il giudizio finale che non mutera’ sia nel caso sua figlia a 17 anni vinca a Wimbledon oppure scappi con un pizzaiolo a Denver e’ questo: Un lucido ma folle (ma anche un trucido ma folle) che ha piu’ di tutti noi la chance di riuscire a portare la figlia nei pro ma anche, piu’ di tutti noi, di finire male come il 99% di quelli che adottano la sua strada , i Pierce e i Dokic e i Rezai … Pero’ se devo credere a quello che dice, e non e’ che ci devo credere per forza, piu’ che la sua bravura di allenatore gli invidierei la sua bravura di genitore perche’ Alessia sembra proprio, oltre che una bellissima bambina, il sogno di ogni allenatore … Ma attenzione, l’adolescenza e’ sempre in agguato! Potrebbe sempre innamorarsi della Canaglia, di Lagos o di Palazzolo!

Quanto siete diversi rispetto a ciò lasciate apparire nel blog?
M: Sono identico, diciamo forse che il blog tira fuori maggiormente quello che ero da giovane e cioè una persona senza mezze misure o bianco o nero.. Ora sono un po’ diverso ma chissà magari sono solo in letargo.. ah ah
S: Max e’ molto meglio dal vivo,affabile, cordiale, simpatico, basta non contraddirlo sulla preparazione atletica, io no, deludo tutti,e’ che uno come me quando lo conosci, con tutte le aspettative che ti sei fatto, le foto che hai visto, le cose che hai letto…impossibile rimanere fedeli al personaggio che sapientemente mi sono creato! Ha ragione Max, io sono un bluff, recito per un pubblico invisibile, e anche come medico, non sono nemmeno questo granche’… li ho ingannati tutti, soprattutto i miei datori di lavoro che mi hanno lasciato vivere questa vita in prestito negli ultimi bagliori di un crepuscolo, quello della vita coloniale…. Comunque, non credo che tutti comprendono che molto spesso la maggior parte di quell che scrivo e’ frutto di autoironia … ho sempre avvisato sui rischi del prendersi troppo sul serio e di cominciare a credere di essere I protagonisti di una farsa in cui invece in realta’ si hanno ruoli di comparsa… insomma, sono solo canzonette,chiacchere da bar …

Lanciate un messaggio finale (carta bianca assoluta!)
M: Un grazie a tutti quelli che mi hanno sopportato per anni e che continuano a sopportarmi tutt’ora, ma soprattutto che prendono in considerazione solo la parte migliore dei miei post tralasciando e perdonandomi il resto.. 🙂 Aggiungo un sincero augurio a tutti in quanto genitori di tennisti e quindi “colleghi” di sventura, consigliandovi vivamente di vivere nel miglior modo possibile questo periodo fantastico in cui starete vicino i vostri figli e di ragionare sempre a lungo termine..
S: In ambito blog… I have a dream, e cioe’ che Mad Max un giorno possa rispondere ad Ivano come mi sembra fece Voltaire (ma non stava parlando con Ivano): Non la penso come te ma mi battero’ fino alla morte affinche’ tu possa esprimere il tuo pensiero…
In ambito Tennis Italiano invece, cosa potrei dire da lasciare ai posteri? Se qualcuno mi ha letto, prima o poi avra’ avuto modo di posare gli occhi su una frase che, assieme a tante altru, ripeto spesso ed e’ il finale della fiaba esopea della Ranocchio e lo scorpione: It’s my nature, disse lo Scorpione, e che simboleggia che piu’ di tanto alla fine nell’educazione dei figli non si puo’ fare. Secondo alcuni, fra cui Mad Max, questa e’ la dimostrazione della mia sconfitta perche’ a loro sicuramente non sarebbe mai successo di avere una Canaglia per figlio, una Canaglia poi, quale Orrore!, che ha smesso di giocare a tennis … Io continuo a credere che tutto quello che ci diciamo conta solo se tuo figlio e’ un fenomeno gia’ di suo, perche’ nei 100 ne entrano solo 100. Non dico che sia gia’ stato tutto scritto e che il Destino non si possa cambiare, ma temo che il Ruolo del Genitore nella Educazione sia sopravvalutato e che in fondo qualunque cosa tu faccia con tuo figlio, sbagli … Mentre invece siamo bravissimi coi figli degli altri… Stessa cosa col tennis: certo, il Ruolo del Genitore e’ Fondamentale e secondo me ben piu’ di quello del Maestro perche’ il lavoro maggiore si deve fare fra I tre e I dodici anni … Ma non nel senso che spesso e’ stato inteso su questo blog, che il Campione si possa davvero creare… Un Gran Prix lo puoi vincere solo se hai un purosangue, ho scritto una volta, e per quanto la mia simpatia possa andare al Mulo che si allena con voglia e lavora duro, col mulo comunque il Gran Prix o nella fattispecie il Grande Slam io non lo potro’ mai vincere … Tutto quello chef a Mad Max va benissimo ma se sua Figlia entrera’ mai nei 100, nei 20 o nei 10 sara’ in primo grado perche’ I geni erano buoni, e non perche’ non ha mai mangiato le patatine fritte, ha giocato a rubabandiera per allenare l’anticipazione motoria oppure a giocato ogni giorno dieci minuti a piedi nudi … Con queste cose magari riesci ad entrare nei cento se avevi invece un destino da 400 al mondo…Ma per entrare nei 10-20 ci vuole ben altro che stare a parlare di lateralizzazione, Anticipazione IdeoMotoria o di biomeccanica… Il nostro compito, e quello di una federazione intelligente, e’ quello semmai di non creare troppi ostacoli nel percorso naturale del figlio atleta. La Federazione non dovrebbe pensare troppo alla Costruzione del Campione ma al drastico abbattimento dei costi che stanno uccidendo il nostro sport… Se fossimo appena un pochino piu’ savi, alla notizia che il proprio figlio intende smettere di giocare dovremmo brindare a champagne d’annata visto il bagno di sangue che ci viene evitato e il futuro piuttosto oscuro che lo aspetta a meno davvero di non essere un Top 20 per almeno 5 anni … La Federazione dunque dovrebbe solo capire che deve trovare il sistema di spazzare (via col vento) la vecchia societa’ basata sul sistema dei Circoli e affiancandola alle Associazioni Sportive. Poi ovviamente campi pubblici, campi gratis per gli under 14, tornei nei week ends come in America, Francia e Svizzera, abolizione del ‘v’inculo’, scusate il mio pugliese, etc etc, cose dette e ridette, e, lo capisco, di difficile attuazione immediate … a meno che prima o poi non ci pensi Andrew , al quale ci tocchera’ poi portare le arance in prigione ….

© riproduzione riservata

253 commenti

  1. pibla

    Ahahahahah!!!!

    Poi, con calma, la leggo, per ora però mi spancio dalle risate al solo pensiero.

    Grande idea!!!

    Ahahahahah, adoro quei due…

  2. ADDIRITTURA

    a me vengono in mente the persuaders:Danny Wilde(madmax)e lord Brett Sinclair(dis-grazia)e mi piace immaginare che come loro in caso di difficoltà, si coprano le spalle a vicenda!

  3. pulsatilla

    Stefano,
    hai detto che il primo blog genitori e figli aveva ben altro spessore e sono pienamente d’accordo.
    Chi lo legge oggi per la prima volta scappa via e non torna più,il linguaggio si è imbarbarito, ci sono solo insulti, frasi sprezzanti o, quando va bene, l’ironia sbarazzina e stupidina di Andrew.
    C’è da rimpiangere le tue frasi torrenziali, il che è tutto dire.

    Quando si prova a discutere di qualcosa di interessante e di costruttivo arrivano le affermazioni apodittiche, quelle che non ammettono repliche, del tipo: “me l’ha detto Catizzone, dunque tu non capisci un c…”. Mai un argomento, mai un approfondimento.

    Si è discusso a lungo di anticipazione ideo-motoria. all’inizio la conversazione aveva deflagrato fra Max e Ivano, e giù insulti e repliche, una roba che alla lunga diventa anche noiosetta. avevo spiegato che la PA precoce è fondamentale (e qui ha ragione Max), ma l’AIM specifica non la puoi allenare con la PA. Non mi sembra un concetto difficile, è come se prendessimo il nostro calciatore più dotato di AIM, ad esempio Alessandro Nesta, quanta PA ha fatto Alessandro Nesta in vita sua? Tantissima. Beh, ora mettiamolo in un campo da tennis e vediamo come riesce ad esprimersi in termini di AIM. Lo farà con scarsi risultati. E perchè? Per un motivo molto semplice: si tende a confondere l’AIM con la capacità IM che è un’altra cosa. In realtà l’AIM èstrettamente connessa con la memoria e il serbatoio della memoria da cui attingere gli input per il programma motorio la puoi costruire solo in campo da tennis (e qui ha pienamente ragione Ivano).

    Anch’io attendo un parere di Lorenzo Falco.
    Chi definisce l’AIM solo una capacità coordinativa sbaglia.

  4. Giorgio il mitico

    x tutti

    qualche annetto fa andavo spesso al bar e lì si parlava di tutto e del contrario di tutto, c’era il polemico, l’ironico, qualcuno cercava pure di documentarsi, altri parlavano a ruota libera; altri tempi, oggi c’è Internet con i blog, il blog per me sostituisce in parte il bar, penso sia un “luogo” dove si parla di tutto, a volte si esagera ma ci può stare.

    NON CREDO sia il luogo del dibattito APPROFONDITO, si possono dare consigli, esprimere opinioni, dissentire, pure prendersi reciprocamente un poco in giro, però di solito non ci si conosce (al bar ci conoscevamo), quanto si possano approfondire gli argomenti senza conoscersi mi resta misterioso.

    Per cui a qualsiasi cosa si dica bisogna fare la TARA, magari qualcuno si può fare un pò di pubblicità, qualcun altro cerca di avere delle DRITTE da altri con mediocri provocazioni, tutto è comprensibile.

    Scrivo da qualche mese qui, penso che i genitori che hanno figli agonisti ambiscano a grandi carriere per i figlioli ed è giusto così, però ripeto ciò che ho detto dai miei primissimi interventi: diventare 2° categoria è difficile ma diventare 1° categoria e di conseguenza essere nel giro che conta (e guadagnare) è DIFFICILISSIMO.

    Sapete, mi sono fatto la convinzione che avere bravi maestri, PA, disponibilità economiche quasi mai NON basta, le variabili del successo sono molto più numerose e quel che è peggio è che sono spesso imprevedibili ed imponderabili e possono vanificare anni di lavoro duro e superprofessionale.

    Da ragazzo ero un accanito lettore degli articoli sportivi di Gianni BRERA, uomo di cultura enciclopedica e di grandissima umanità, ebbene, Gianni BRERA sosteneva che il Calcio era un MISTERO AGONISTICO, parafrasando l’indimenticabile giornalista sono convinto che anche il Tennis sia un mistero agonistico !

    Certo si devono fare le cose il meglio possibile, ma si deve restare con i piedi attaccati per terra.

  5. Pulsatilla,
    secondo me stai combattendo una battaglia contro i mulini a vento. A prescindere di quanto fondata possa essere la tua osservazione sulla natura della AIM, stando alla nomenclatura ufficiale, quello che succede su un campo da tennis rimarrà acriticamente annoverato tra le abilità atletiche e/o tattiche e/o tennistiche.
    Mettiti l’anima in pace ed accontentati di sapere, comunque, che sei nel giusto.

  6. Madmax

    Il ritratto generale che è uscito da questa intervista mi soddisfa moltissimo.. Sono contento di essere quello che sono e mai vorrei essere l’altro..

    Da una parte c’è una persona che pensa agli affari suoi e cerca di raggiungere un obiettivo senza guardare e senza curarsi degli altri, dall’altra una persona che al contrario guarda solo agli altri parlandone male e non dimenticandosi mai di autocelebrarsi.. Un coglione insomma.. (qui carta canta perciò ci sta eccome..)

    Ed è quindi solo per questo che Alessia è una ragazzina che tutti i maestri vorrebbero avere al contrario di altri, il resto sono tutte deduzioni… alias cazzate..

    A questo punto ognuno può trarre liberamente le proprie conclusioni..

    Tra l’altro nell’altro articolo scrivo una cosa e come d’incanto da questa parte si concretizza: infatti dicevo che alcuni arrivano a certe conclusioni semplicemente perchè sono loro stessi quelli abituati a pensare e a parlare male degli altri, pensando quindi che tutti siano come loro..

    E questa ne è la dimostrazione assoluta…

    Pulsatilla..

    Anche questa è una deduzione… assolutamente sbagliata..

    Infatti non ricordo nessuno che abbia mai scritto che l’AIM è SOLO una capacità coordinativa, anzi io ricordo di qualcuno che prima diceva che non lo era proprio, mentre ora dice che lo è ANCHE..

    Addirittura..

    La pemso esattamente come te, ma noi viviamo su un altro pianeta e la realtà purtroppo è quella squallida che leggiamo tutti i giorni..

    Ma è anche per questo che non arriveranno mai, perchè senza cuore non si va da nessuna parte…

  7. Simplypete

    Off topic…..

    IL RE è TORNATO..LUNGA VITA AL RE…
    …SONTUOSA PRESTASTIONE DI ROGER!!!!!!!!! GRAZIE DI ESISTERE….

  8. anto

    Oggi avevo le palle girate per gli affaracci mia,,,,,ma dopo aver letto la doppia intervista mi è tornato il sorriso……questi due mi ricordano il tele-film attenti a quei due,,,,,con Grazia nella parte di Roger Moore e mad Max nella parte di Tony Curtis,

  9. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @pulsatilla
    C’è sempre un distinguo da fare però (oltre al fatto che avevo chiesto di prendere alla “leggera” questa doppia intervista). Un conto sono i commenti e le discussioni/liti che ovviamente possono dare fastidio a chi vuole commentare in maniera attinente gli articoli. La seconda però sono gli articoli nel senso stretto del termine. L’informazione deriva anche (e soprattutto) da ciò che viene scritto negli articoli (che mi sento di dire, spesso, puoi trovare solo qui) e arricchito semmai dai commenti..

  10. Madmax

    Il fatto che Ale abbia risposto a Pulsatilla mi ha fatto tornare per un attimo sul suo inutile, bugiardo e vergognoso post..

    Il fenomeno ora oltre a tutto il resto scrive anche che l’AIM SPECIFICA non si può allenare con la PA dimenticandosi del tutto che in precedenza non aveva (non solo lui in verità ma vabbè Ivano nemmeno sa la differenza tra specifica e generale per cui nemmeno lo conto) affatto menzionato che parlasse di quella SPECIFICA fino a che al contrario l’ho fatto io quando ho spiegato che per PA specifica del tennis si intende quella che con un determinato lavoro si va a rafforzare quello che poi si farà in campo…

    Nel caso specifico quindi l’AIM in generale che si fa durante la PA è un’aggiunta ai match alla stessa stregua dei lanci con la palla medica fatti in movimento in modo da simulare i vari appoggi e che quindi appunto vanno a rafforzare il lavoro che poi si andrà a fare in campo..

    Detto questo mi sembra quindi che l’approfondimento ci sia stato eccome ma con queste premesse e considerato che nessuno consosce le sue competenze lui vorrebbe che discutessimo con lui su cose di natura tecnica..

    Quando farai conoscere le tue competenze o elencherai almeno gli under che segui si vaglierà questa possibilità, per ora vai al cinema che è meglio..

  11. ivano

    Finalmente!!!!!!
    Era un po’ di post che non mi offendevi !!!!!
    Piano piano mi stai dando ragione !!!
    E quando diventerai un bravo maestro sarai pienamente daccordo con me su tutto……Il problema è che ti ci vorranno anni e ti consiglio vivamente di cambiare coach alla figlia altrimenti sara’ lei la tua cavia e se veramente è buona la rovineresti !!!!!:) 🙂 🙂 🙂 🙂

  12. Lorenzo Falco

    Intervengo per fare i complimenti all’autore dell’intervista e per congratularmi con i due uomini intervistati. Nelle prossime ore terminerò di leggere l’intervista ma credo che ne uscirò più arricchito sul piano morale, metodologico, umano e professionale.

    In merito alla capacità di anticipazione motoria, ritengo che ora, nella discussione, ogni citazione diventi nauseabonda.

    Ognuno scrive ciò che ritiene di poter esprimere. Ciò è corretto. Sull’argomento mi limito a dare ragione a Pulsatilla.

    Gli autori, gli studi svolti, le ricerche scientifiche osservate, la letteratura scientifica mi portano alle conclusioni che ho scritto nell’articolo specifico.

    Anche il lavoro che svolgo quotidianamente, con il principio metodologico fondato su “tentativi ed errori”, mi ha portato, per ora a queste conclusioni.

    Suggerirei, per ora, di superare questo dibattito che ormai, a mio giudizio, genera confusione, pesantezza logica e mentale.

    Buona giornata.

    Lorenzo.

  13. Gio

    Mi associo a Kill Bill ed in più aggiungo….
    pensate che bello se un giorno Nicholas ed Alessia si incontrassero e scoccasse la scintilla !
    In questo chiedo un aiuto a Palumbo nello stilare convocazioni e date dei prossimi raduni estivi 🙂

  14. pulsatilla

    @ 18 max,
    ancora offese, linguaggio triviale e quant’altro.
    ha ragione Stefano quando dice che sei in preda a una sindrome paranoide e Nicoxia quando dice che devi proteggerti da te stesso.

    A me dispiace non tanto per quello che scrivi rivolto a me, ma per il fatto che allontani dal blog molti di coloro che avrebbero qualcosa da scrivere. magari sono genitori alle prime armi oppure addetti ai lavori, comunque gente che non ci sta a farsi insultare.

    Alessandro,
    sei stato molto gentile a fare questo articolo però uno dei due è il principale responsabile del degrado che ha subìto il blog.

  15. nicoxia

    Nel post 18,Max ha esposto una visione,che poi è quella di Catizone dove anche Ivano è daccordo,ed era una conclusione,che da tempo cercavo di far capire,ci si poteva arrivare semplicemente ragionando senza insultare, ma con la mente aperta.
    Giusta o sbagliata ognuno se ne poteva fare un’idea.

  16. nicoxia

    Il mio scopo nell’ultima discussione era salvaguardare l’immagine di Catizone lo scopo è stato raggiunto,e siccome non sono masochista e non ho tempo da perdere, quello che impiego nel blog lo tolgo al sonno,torno a dedicare il giusto tempo evitando chi non ha scopi propositivi ma solo …….

  17. atti

    Veramente avrei preferito un intervista doppia fra Piatti e Castellani (tanto per fare un esempio attuale)…
    Cmq…vabbè ..accontentiamoci di quello che passa il convento !…..c’è crisi, c’è crisi….
    Scherzo….., no ma a grandi linee, niente di nuovo e/o che non abbiamo già detto in precedenza nelle migliaia di post fin quì lasciati ai posteri….

    Stefano ha fatto da filo conduttore in questi anni (cosa non facile per le tante pause e mancanza di spunti), e Max è stato sicuramente il miglior opinionista che un blog potesse desiderare; l’audience con lui…è sempre alta !

    Percorsi, per logica di cose diversi, forse il vero primo motivo di attrito…
    Uno, prima si è affidato alle Accadamies tessendone le lodi in ogni dove, e ora, verificato che non è tutto oro cio’ che luccica (scagli la prima pietra chi non è mai rimasto scottato in questo senso), e sta portando avanti un progetto in prima persona perché si è reso conto di averne il tempo, la capacità e la voglia (facile far meglio rispetto all’offerta attuale), mentre l’altro (il doc) ha fatto (giustamente vista la location centroafricana) il percorso inverso….dovendo abbinare scuola, tennis, e credo anche voglia di far fare al figlio esperienze che allarghino, da grande, gli orizzonti….indipendentemente dal tennis.

    Max, che comunque, di persona (almeno per le 4/5 volte alla Nicoxia che l’ho visto io)… è mooolto meno aggressivo…direi cordiale, anche se con lui, è sempre difficile prendere la parola x confrontarsi….
    È per questo che faccio fatica a prendere troppo sul serio tutte le bacchettate che mena a dx e a sx… secondo me è un po’ la sindrome di Nikolik con noi genitori…si diverte a leggere le risposte piccate e offese….

    Col Doc, invece, ci conosciamo via mail, piu’ che per frequentazioni dirette (diciamo che conosco un po’ meglio Nicholas e Gabri da questo punto di vista…)… per quanto mi riguarda… una splendida famiglia…

    Infine, non posso non dire, che sono molto piu’ in sintonia con Stefano (da cui l’accusa “grave” agli occhi di Max di essere un suo amico..e quindi, secondo lui… di conseguenza un suo “nemico”)…

    …dagli amici mi guardi iddio, che ai nemici ci penso io ….

    Non fosse altro per l’ironia che traspare ad ogni discorso del doc (non prendiamoci mai troppo sul serio) , ed anche per la capacità lucida e coerente di analizzare pro e contro, anche personali, e che secondo me, non sempre è colta fino in fondo dal viandante occasionale, scambiata per eccesso di autocelebrazione… io direi piu’ autoanalisi catardica fatta….online.….

    e confermo che hanno una libreria a casa…piu’ grande della Feltrinelli….

  18. nicoxia

    Come protesta civile si potrebbero ignorare i post che contengono insulti,frenare l’impulso di reagire con altri insulti potrebbe essere un momento di crescita.

  19. Madmax

    Ah ah ah pagliaccio… Ora la mia visione è quella di Catizone, ma va??

    E già che ci sono ti spiego anche il significato di surrogato..

    Surrogato è quando un maestro che lavora da Giovanni sta in campo in sua assenza mettendo in atto la sua metodologia..

    Io al contrario propongo ad Alessia la mia proposta (che poi per metodologia si intende tutta la serie di conoscenze ed esperienze che uno ha e tra le mie c’è anche quella di Giovanni) avendo come PA Giovanni.. Che chiaramente è tutta un’altra cosa..

    Cmq è magnifico appena hanno provato a spingersi oltre sono caduti tutti nella merda!!!

    Allora cominciamo con il primo..

    Ivano, intanto complimenti per la figlia, il blog cmq ti fa bene se è vero che la farai giocare a golf, almeno non sarai tu ad allenarla!!! 🙂

    Cmq non è che finalmente ti sto dando ragione, è proprio il contrario perchè quello che ho scritto ieri è ESATTAMENTE quello che ho scritto un mese fa.. A differenza di te..

    Pulsatilla..

    Ennesimo tuo post ignobile, inutile, falso e vergognoso…

    Infatti quando non scrivevo più (e l’ho fatto per alcuni mesi) scrivate in tre.. Perciò a differenza tua sarei proprio felice di incontrarti, ma per prenderti a calci nel culo però..

    Lorenzo..

    Quindi dai ragione a me e Giovanni..

    Non era più semplice scriverlo subito?? Come soffrite ragazzi..

    Attenzione al fegato..

  20. Madmax

    Kill e Gio..

    Grazie…

    Atti..

    In realtà non è per una questione di amicizia o meno, ma per il semplice motivo che per certi versi siete uguali..

    Infattti ora io non avrei colto e avrei scambiato.. Ma vai va..

  21. nicoxia

    Ivano volevo chedertelo in privato ma lo faccio quì nel blog così tolgo ogni dubbio a qualcuno,dall’8 all’11 dicembre hai qualche ora pagando perchè i professionisti vanno sempre pagati,per me e Simply,verremmo a trovati volentieri.

  22. ma come, Nicox, non vai da Mad Max?

    @ Da una parte c’è una persona che pensa agli affari suoi e cerca di raggiungere un obiettivo senza guardare e senza curarsi degli altri, dall’altra una persona che al contrario guarda solo agli altri parlandone male e non dimenticandosi mai di autocelebrarsi …

    Cosi’ parlo’ Zaratustramadmax, ma di chi sta parlando nella seconda parte? di quella stessa persona che poco fa scriveva , rivolgendosi a un amico: “Detto questo io penso che tu Nico sia uno dei più grandi idioti che il mondo abbia mai partorito..” e lasciamo perdere quel che hacdetto ,cito a caso, di archipedro,ivano,falco, buzzelli e decine di altri, incluso lo stesso monet con cui a volte duetta a volte no, dipende se Fulvio in quel momento gli da ragione o no…Quindi se c’e’ qualcuno che parla male degli altri e li offende, non mi pare d’esser certo io…Quanto all’autocelebrarsi, mah, a me pare che quello che racconta di essere stato un grande allenatore , di essere stato con miss italia e le modelle, di sapere tutto compreso leggere e interpretare il pensiero di Catizzone a sua insaputa e di non sbagliare mai, be’, quello non sono certo io… La differenza vera ma che ti e’ semore sfuggita, caro max, fra le mie cosiddette autocelebrazioni evle tue, e’ l’autoironia, quell’ironia di cui tu ignori l’esistenza e che spesso invece confondi col sarcasmo dimenticando che fra le due c’e’ la stessa differenza ( finalmente posso ricitare Hugo Pratt, non vedevate l’ora, eh?) che c’e’ fra un rutto e un sospiro …Ma del resto cosa si puo’ sperare o pretendere da chi quasi si vanta di non aver mai letto un libro e cita come suo libro preferito Fantozzi ( si, vabbe’, Villaggio piace anche a me, ma non esageriamo…) e i film di rocky e rambo ( mancavano solo i cinepanettoni …) e la musica di Michael Buble (?) ed e’ poi perfino contento dell’immagine che tramanda ai posteri … manca solo che vada al Jerry Springer Show :)!

  23. Comunque…e’ pazzo e meraviglioso, ma direi di piu’: farebbe la fortuna del Maurizio Costanzo Show…. dice tutto e il contrario di tutto .ma ha sempre e comunque ragione lui…! secondo me ha contratto la lue da qualche ex miss…cappalapipi’ e adesso si stanno rivelando i primi sintomi da gomma cerebrale: megalomania, perdita del senso di realta’q e similia … ne soffri’ anche Al Capone … comunque ( SCOOP) stanno gia’ pensando di scritturarlo per un film, Il Preparatore nella Palliina, e Alvaro Vitali ha gia’ dato il suo entusiastico assenso …

  24. andrew

    Ebony and Irony
    live together in perferct…harmonyyyy

    side by side on my piano, keyboard o lord, why don’t weeeeeeee

  25. Pero’ e’ troppo divertentfe…lo so che non e’ Tennis ma dopo tanto parlare di lateralizzazione e anticipazione ideomotoria, ci voleva un po’ di Dallas e Dynasty… comunque, qualcuno mi ha paragonato al Roger Moore di Attenti a quei due e la cosa lascera’ sicuramente di stucco chi mi conosce perche’ di essere paragonato a un lord inglcese non mi era mai capitato e solo l’accos tamento con il Principe Buzzurro poteva permettermelo…in realta’ io son sempre stato definito il Ragazzaccio ( la Canaglia?) non cresciuto ma ho sempre cercato di far capire a mio figlio che per poter fare il Ribeclle, il Ragazzaccio o perfino la Canaglia, per esserek veramente Casual Cool, occorre un background culturale o perlomeno una certa sostanza, se non culturale di modi e di fatti … quel che mi continua a sorprendere e non riesco a capire e’ come uno che si vanta di non fare un cazzo, di avere la panza, di aver mollato il lavoro e di essere andato a troie, possa poi impunemente porsi cime modello educatore … e molti di noi ad andargli anche dietro ( fino alla resa dei conti, e alla fine…ne rimarra’ uno solo!)

  26. atti

    Torno all’attualità….vediamo se riusciamo a passare oltre …se no veramente annoiamo il viandante di turno…

    Ieri al CP a Vicenza c’èra Infantino in visita pastorale( che poi abbiamo scoperto che i CP sono in tutto 10 in Italia, o no?), confesso, di primo acchitto, non mi ha fatto una grandissima impressione….sembrava svogliato, e ha confermato che di tennis femminile non è che conosca poi moltissimo la situazione…onesto, da questo punto di vista.

    Secondo me è il tipo di coach che lavora oramai solo da una certa età in poi…
    Questo per dire che poi è anche una questione di stimoli, di ambizioni, di priorità…
    Ma forse la federazione voleva che desse un occhhiata alla location dei centri per capire se strutturalmente il lavoro svolto è corretto…

    Una volta… nell’anno domini AQ (anti querela)… c’era Commentucci che integrava…ora nemmeno Girgio-Giorgio ci degna piu’ di qualche info…

    Ale, forza… facciamo rientrare i desaparesidos nella discussione….

  27. Madmax

    Il motivo è semplice, basta guardare i figli.. 🙂

    E se tu preferisci leggere un buon libro e scopare un cesso invece che una Miss e farti due risate leggendo Fantozzi, credimi hai un grosso problema..

  28. nicoxia

    Ieri ho rivisto l’attimo fuggente,bisogna anche comprenderli i fgli perchè potrebbe essere solo apparenza.

  29. E non ho nulla contro l’andar a troie, che qui preferiscono definirsi no, non gentildonne di fortuna, ma Business Women, e sono anche giustificabili visto che guadagnano in pochi giorni lo stipendio del mio autista o della mia steward, ma anche si pagano la scuola o mandano i soldi alla famiglia nel Village … e comunque, son piu’ troie loro o certe veline cresciute che magari vengono invitate ai vari Porca a Porca di turno a commentare la crisi politica o la guerra in iraq ( cose da pazzi! per questo ad un Alba Parietti e auna Valeria Marini, anche giovani, preferiro’ sempre una Tabak o unaSharapova… e comunque, e’ vero, non e’ colpa loro ma di chi elegge i cinepanettoni a migliori film dell’anno…)? e poi certo, c” l’iconografia di mille film d’avventura e anche Corto Maltese e’ figlio della Nina di Gibraltar e va a bordello con Bocca Dorata e quindi c’e’ tutta una certa letteratura..Ma insomma, si era capito, del pist 36, il senso … mi raccomando, non prendetemi mai troppo alla lettera….

  30. nicoxia

    A volte dicono ad amici cose che ai genitori non dicono,ma se il genitore non è in grado di captare queste sensazioni i problemi arriveranno poi.

  31. pulsatilla

    “…Ma del resto cosa si puo’ sperare o pretendere da chi quasi si vanta di non aver mai letto un libro e cita come suo libro preferito Fantozzi ( si, vabbe’, Villaggio piace anche a me, ma non esageriamo…) e i film di rocky e rambo ( mancavano solo i cinepanettoni …) e la musica di Michael Buble (?) ed e’ poi perfino contento dell’immagine che tramanda ai posteri … manca solo che vada al Jerry Springer Show !”

    Stefano, mi rimangio il torrenziale, quando parti lancia in resta fai morire dal ridere.

    A pensarci bene qui c’è un disoccupato con un curriculum professionale e culturale da spavento, e non è ironico, che ora ha abbandonato completamente i freni inibitori e promette anche di menar le mani a tizio e caio per futili motivi (direbbe un giudice). E’ diventato la parodia di se stesso, una macchietta scilipotica da avanspettacolo che nel nostro paese viene guardato col sorriso, come per dire: “tanto quello è fatto così…che ci vuoi fare?”
    Max torna in te. Credi sia possibile?

    Stefano,
    se vuoi farci la pace ti suggerisco di dirgli che la ex di Scialpi te sei fatta anche tu. Bisogna sempre iniziare dalle affinità elettive, no?

  32. mario zanetti

    @madmax
    penso che adesso stai esagerando,hai ed hai avuto su questo blog attestati di stima e di ammirazione da parte di tanti bloggers compreso me, per il percorso che stai facendo ,e di conseguenza per i risultati e la crescita tennistica di tua figlia, per il modo che hai avuto di metterti contro tutto e contro tutti.Io stesso parlando con amici e genitori di agonisti, ti prendo ad esempio come voce fuori dal coro ,fuori dai circoli e dal cosiddetto “tennis istituzionale”.
    Ma il punto è ,perchè parole così acri e sprezzanti nei confronti di tutti e in special modo di Stefano Grazia,non ho il piacere di conoscerti nè di conoscere Grazia,ma le sue esperienze ,il senso critico che ha avuto riconoscendosi come causa principale dell’abbandono di suo figlio dal tennis ,hanno arricchito il blog di esperienza di vita vissuta e di un livello culturale di cui noi appassionati di tennis e non solo non possiamo altro fare che ringraziarLo , come ringrazio personalmente Te per avere avuto il coraggio ,la voglia,la competenza e forse anche i soldi per avere fatto quello che io ho sempre pensato che era giusto fare e che non ho potuto fare per tanti motivi ma principalmente per il motivo spiegato nel mio racconto ” La vittoria più grande” che il buon Alessandro ha avuto il coraggio di pubblicare su questo sito e quindi di mettermi in contatto con questo spazio di opinioni e confronto che questo sito rappresenta e che mi piacerebbe restasse tale mettendo da parte acredine e livore che spesso ultimamente ha preso il sopravvento.
    Continua Madmax a scrivere, abbiamo bisogno almeno io lo sento,di seguire il tuo percorso e di tifare per tua figlia ma non mi toccare Stefano Grazia ,Lui è una specie protetta perchè in via di estinzione,avercene come Lui di gente che scrive con ironia e cultura, ti affascina mentre lo leggi e pazienza se non la pensate allo stesso modo su alcuni argomenti, restate tutti e due persone da cui trarre spunti e discussioni .
    Un caro saluto ad ambedue.

  33. post 39, Nicoxia: bravissimo… io pero’ e’ quello che ho sempre cercato di dire ma evidentemente non sono mai riuscito a far passare questo messaggio … Ma era su questo che io cercavo a volte, via aneddotica o meno, di sviluppare il discorso, ovviamente anche difendendomi coi denti ma cercando anche di allertare quelli che pensano di avere un certo tipo di figlio per poi scoprire improvvisamente di averne un altro…io non ho mai avuto dubbi di avere una colossale testa di cazzo( detto in senso affettuoso :), sia chiaro …) ma continuo comunque a rimanere stupefatto di come crediamo di capirli e di quanto invece ne siamo lontani … per dirne una, ho scoperto adesso che tutti i ragazzini adesso si depilano le parti intime…maschi e femmine! e che mio figlio dava per scontato che fosse normale…con la mia grandecapertura mentale non e’ che questo fatto mi abbia turbato, semmai era piu’ interessante la discussione che ne era seguita che mi riserbo eventualmente per un Saghe Mentali … Certo, io vorrei anche continuare a parlare di un po’ di tennis, ma il capitolo Buco Nero dell’Adolescenza e “l’orrore, l’orrore…” detto strascicando le parole, mumbling, alla marlon e’ molto piu’ interessante… e comunque strettamente collegato al tennis…Ma quanto potete essere onesti e sinceri, voi che vivete in italia e che vi conoscete e incontrate ai tornei e dovete relazionarvi e rispondere reciprocamente?
    Comunque ….

  34. genny

    @ mario zanetti
    Permettimi di farti notare che questa frase:

    “ti prendo ad esempio come voce fuori dal coro ,fuori dai circoli e dal cosiddetto “tennis istituzionale”

    contiene l’ultima affermazione che non risponde a verità.
    E’ vero sicuramente che quella di Madmax è una voce fuori dal coro (e soprassediamo sulle battute facili che si potrebbero fare), è parzialmente vero che è fuori dei circoli perchè comunque per poter partecipare ai tornei deve avere una tessera agonistica (e credo anche che per qualche circolo giocherà i Campionati a squadre), ma non è sicuramente fuori dal “tennis istituzionale” in quanto, per sua ammissione, la figlia rappresenta la regione Lombardia in tutte le manifestazioni interregionali della sua categoria, organizzate dalla FIT; partecipa gratuitamente ai raduni di Tirrenia e Sestola; ha partecipato, accompagnata da un tecnico della FIT ed a spese della FIT, a tornei che si svolgevano in Francia, e per ultimo, da quello che mi dice un altro genitore, Alessia è, giustamente dico io, tra i ragazzi che stanno già prendendo, o prenderanno i contributi della stessa FIT. Se tutto questo significa stare fuori dal “tennis istituzionale” ……..! A meno che tu non intendevi significare tutt’altra cosa!

  35. …Comunque, sul Blog ” chi si e’ fatto chi…”, c’e’ un ex miss italia, un’ex modella di ferre’ , un bracciante lucano e una casalinga di voghera che stanno minacciando querele…
    E poi sta cosa, molto elegante, di dimmi chi ti sei fatto e ti diro’ chi sei…allora mad max si e’ fatto una exmodella e una exmiss italia…l’altro giorno c’era questo party e modelle, veline, escort e business women si facevano grandi cercando di far vedere chi si erano fatte…
    elisabetta Canalis: io mi son fatta George Cloney…
    ok
    D’addario:io mi son fatta il berlusca
    e vabbe’…
    Groupie Atp Tour:io mi son fatta fognini e moya
    ok
    ex miss italia:io mi son fatta D’auria
    dau chi?
    exmiss italia:no, d’auria, mad max, come, non lo conoscete?, ma si dai, quello che montava o faceva montare i cavalli, il figlio d’arte, massi, quello che in argentina uno come lui non l’han mai visto…d’auria, dai
    mai coperto, mi dispiace

  36. Tralasciando poi il concetto di donna che traspare dal madmax pensiero: gia’ in passato in diversi commenti ma ancora di piu’ di recente nel post sulla Tabak e negli ultimi neurodeliri…al punto che mi vien naturale chiedermi: ma la figlia, la moglie, e anche catizzone, il blog lo leggono? no, perche’ se lo leggono, chapeau, evidentemente mad max sa fare altre cose in modo davvero eccelso per potersi fare perdonare ….

  37. pulsatilla

    ma no, non c’è bisogno, è il classico banfone che in casa tutti sanno che le spara grosse e tutti ci ridono.
    e se fossimo solo noi a prenderlo sul serio?

    max, per riscattarti, raccontaci della ex di scialpi, dai…

  38. pulsatilla

    Genny,

    avevamo capito anche quello, quando si parla di Federazione si defila, il suo graffio sarcastico si spunta.

  39. andrew

    I cinema multi-sala sono stati inventati affinché StefanoGrazia e Madmax possano andare insieme a vedere film diversi..

  40. rikys

    Stefano Grazia….. io non so dove le vai a scovare certe robe ma la citazione del “sospiro e del rutto” merita il mio personalissimo 10 con lode, mostruoso.

  41. rikys, e’ da La ballata del mare salato, di Hugo Pratt, a dimostrazione che certi fumetti sono meglio di certi libri e i francesi lo sanno e infatti quando danno i premi letterari non fanno distinzione fra libri e graphic novel… ovviamente, stiamo parlando di certi fumetti, e non di tex o dylan dog o dei supereroi della marvel ….

    la battuta 50 di andrew meriterebbe l’inclusione nei libri della serie Anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano, di Gino e Michele…peccato che all’infuori di 4 gatti ( e ovviamente dell’ex miss italia, ex modella di ferre’ ed ex di scialpi) nessuno sappia chi siano Stefano Grazia e Mad Max … ma e’ un peccato!

    ah, colgo l’occasione per ringraziare i miei aficionados, atti certo ma si sa, e in particolare mario zanetti che nei suoi apprezzamenti e’ quasi imbarazzante…grazie, mario, ma non confondermi con l’immagine che i miei agenti hanno sapientemente costruito…ahime’, se e quando mai c’incontreremo, saro’ una colossale delusione …la foto in copertina, imposta ad Alessandro per sbaragliare Max almeno sul piano dell’immagine, e’ di parecchi anni fa ( 95, credo…) quando eravamo tutti molto piu giovani ‘ e avevamo gli occhi troppo belli per affrontar del mondo la burrasca…”… se non ricordo male, la foto fu scattata a Dani Beach, in Kenya, a sud di Mombasa…. una delle piu’ belle spiaggie mai viste ….e devo dire che ne ho viste! Frenchmen Cove in jamaica, Siesta Cay in Florida, Margaret River in Australia,Jeffrey Bay e Boulder Beach in Soth Africa, Morro Bay in California, alcune spiaggie senza nome in sud africa, australia, naturalmente La baia dei cervi a Mauritius… e non sono mai stato alle Maldive o in un atollo polinesiano, ma quelle non contano….

  42. Silvano Papi

    Grazie Alessandro per avermi regalato mezz’ora di divertimento!
    Grazie Stefano (quello dei giorni migliori) sei stato tu a farmi appassionare al blog e oggi ti ritrovo più pimpante che mai. Condivido praticamente tutto quello che hai scritto in questi anni e che oggi hai riassunto col tocco lieve di chi sa e perciò sa prendersi in giro.
    Ringrazio Gabriella per la stima nei miei confronti, saluto affettuosamente Nik che spero di poter incontrare di nuovo.
    Un abbraccio ad Ivano con l’augurio che l’ultima arrivata sia simpatica come le sorelle. Ti rinnovo inoltre la mia massima stima come dire che i miei nipoti te li manderei ad occhi chiusi.
    Un saluto a Max (quello che ho conosciuto al Parioli) con cui ho scambiato piacevolmente e civilmente opinioni e di cui ho apprezzato la moderazione.
    Lunga vita a Genitori & figli, anche se un pò rissosa (anzi meglio, anche a me da fastidio il politically correct, il buonismo veltroniano) basta riuscire ad argomentare le posizioni e non passare a vie di fatto o tifare per i beniamini.
    Esperienze, aneddoti e storie arricchiscono la teoria e riescono a farla digerire. Freud (ammesso che interessi il genere) appassionò il grande pubblico con i “Casi clinici” più che con i “Tre saggi sulla teoria sessuale”.
    Non ho diritto a chiedere aneddoti avendo io stesso smesso di raccontarli…però chi lo sa…se Stefano ricomincia…
    Ora poi c’è la trasferta americana per i nostri U/14 (Merzetti, Pellegrino, Grison, Ocleppo, Chinellato, Pieri,Zerulo)magari qualche anima pia…

  43. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Silvano
    Tu sai chi saranno i vari accompagnatori? Così mi informo e li contatto per eventuali resoconti..

  44. Silvano Papi

    Antonio Cannavacciuolo Tecnico Nazionale.
    Si ritrovano martedcì alle 19.30 in un Hotel di Ostia, la mattina presto il volo per Miami. Giocheranno “L’American Tennis Cup” 3-13 dec. e a seguire “Orange Bowl” tornano (speriamo vincitori) il 23.

  45. Madmax

    Fino ad ora ho sempre dimostrato con i fatti che quello che ho scritto era la realtà.. Che poi dia fastidio beh è naturale anche questo..

    Però se vi fa dormire meglio pensate ciò che vi pare…

    Ma quello che è fantastico è il modo con il quale si è spostato l’attenzione dopo essere stati tutti sputtanati sulla vicenda Giovanni/AIM

    Ecco per via che non sono generoso ve ne do un altro di input e cioè che anche questo glissare e cancellare i vostri errori non porterà lontano.. 🙂

  46. Ciao Silvano, grazie dei complimenti ma sta attento che te lo mando davvero per tre mesi a Gennazzano, non scherzavo …
    …quindi non sono andati all’Eddie Herr? Troppa scuola persa, eh lo so …

  47. post 57@ Ma quello che è fantastico è il modo con il quale si è spostato l’attenzione dopo essere stati tutti sputtanati sulla vicenda Giovanni/AIM

    Devo aver perso un colpo ….tutti chi? illuminaci di nuovo… e chi avrebbe spostato l’attenzione, Alessandro con un intervista a me, si, MA fino a prova contraria ANCHE A TE? Ma lo vedi che sei paranoico megalomane allo stato brado, tanto per rimanere in tema ippico?

  48. Madmax

    Genny

    Se il mio è il percorso classico io sono alto e magro..

    Ma Mario intendeva il percorso riguardante gli allenamenti..

    Ad onor del vero non è quello classico nemmeno per il resto perchè inizialmente ho anche rifiutato le convocazioni (Tirrenia compresa) e ora ai CP non vado (a parte questa settimana perchè colgo l’occasione per fare tutt’uno con il raduno nazionale)..

    E i miei dubbi continuo ad esprimerli, anche qui ma nello specifico direttamente agli organi competenti..

    Per i campionati a saquadre decido io se farli o meno e quando eventualmente giocare..

  49. Madmax

    Tutti chi? e tu che caxxo c’entri?? Soffri di protagonismo per caso?? No ma va nemmeno un po’ ah ah

    consiglio a gratiss.. invece di allenarti fisicamente prova con il cervello.. svegliati..

    non solo ti sei perso qualcosa ma forse nemmeno hai capito… ma non sarebbe la prima volta, quindi tutto normale..

    Cmq più rileggo Pulsa e più sono convinto che abbia la moglie cesso..

  50. Nikolik

    Bella intervista doppia!

    Però bisogna essere onesti ed oggettivi e dire che da questa intervista doppia Stefano esce non solo vincitore ma trionfatore!
    Stefano l’ha schiantato, questo Madmax!

    Per il resto, purtroppo internet non serve né a socializzare, né a confrontarsi, né per giudicare le persone.
    Intenret non serve a nulla nelle relazioni tra persone.

    Inutile, quindi, giudicare umanamente le persone sulla base di quel che si scrive qua.

    Tanto è, che se Madmax e Stefano si frequentassero un po’, sarebbero amici.
    Di sicuro, io sarei un loro amico.

  51. Madmax

    Mario..

    E’ una questione di punti di vista io l’ho conosciuto e più che una specie protetta mi è sembrato altro.. Però ognuno ha il suo punto di vista per cui se ti piace, affari tuoi.. 🙂

  52. Madmax

    Ecco a proposito e per via che non dico ciò che penso.. (tra la’ltro non sono di parte visto che mia figlia era infortunata..)

    Leggendo le ragazze che vanno in USA, direi siano convocazioni assurde dopo essere stato ai CI di Parma e a Cagliari..

  53. mario zanetti

    @Genny
    Si come ha detto Madmax, intendevo il percorso degli allenamenti
    @Madmax
    sono uno a cui piace la cultura e se questa è manifestata con gli interventi di Stefano GRAZIA CHE SPAZIANO fra musica, di cui sono appassionato,a libri e a citazioni auliche e spiritose sono contento di leggere questo blog,ma sono contento di leggere di te e di tua figlia e di quanto siete diventati bravi tu nel trasmettere e lei nel ricevere e mettere in pratica (parlano i risultati).
    Non sono andato ai cp di Parma e Cagliari ma per le convocazioni sono d’accordo con te sia per le ragazze (2 su 3)che per i ragazzi (1 su 4)

  54. Madmax

    Stefano…

    Mi domandavo perchè spesso mi accusi di dirti che non capisci nulla..

    Allora sono andato un po’ a rileggere le tue risposte..

    La vita che tu proponi sarebbe..

    Andare a letto sempre con la stessa (possibilimente brutta), vedere film o serie tv di una noia bestiale (dopo 15 minuti del primo episodio di The Wire mi sono addormentato e la Valle di Elah è una cagata pazzesca a proposito di Fantozzi), ascoltare musica che addormenterebbe anche un bambino di un anno, leggere un libro giustamente prima di addormentarsi e correre due ore al giorno.. Mangiando sano, magari vegano o macrobiotico..

    E ovviamente poi si deve anche lavorare..

    Ma scusa, questo è un incubo non una vita!! Quindi Ste avevo assolutamente ragione, non capisci proprio un cazzo!! ah ah ah

  55. Madmax

    Mario..

    Ma guarda che anche a me è sempre piaciuto il modo di scrivere di Stefano, quello che non mi piace è lui ed in generale come ragiona.. Tutto qui…

    Dei maschi conosco Grison e Ocleppo e mi piaciono molto, Merzetti è da tanto che non lo vedo (alla Lambertenghi non mi era piaciuto) e Pellegrino non l’ho mai visto..

    Delle ragazze non me ne piace nessuna..

  56. pulsatilla

    ma veramente Scialpi era gay?
    max, confessa, sarà che era un ex?
    non c’è niente di male, sai…

  57. vedo che max e’ stato censurato e di conseguenza anche la mia replica ispirata al suo commento ben poco elegante… riguardo invece il pist 74′ ecco, diciamo che esprime perfettamente il max pensiero e la max persona e fa rabbrividire di vergogna e imbarazzo chiunque abbia mai epresso apprezzamenti nei suoi confronti… ma la cosa piu’ esilarante e’ che lui non se ne accorga, che lui si compiaccia anche, che lui ci si si crogioli e ci si pavoneggi ….Ma lei, mad max, lei e’ un gentleman? E lui: …aaaazzo!

  58. Madmax

    No ma guarda che sono perfettamente consapevole che è dura da sopportare e giustamente ognuno fa quello che può..

    Una volta i bambini si divertivano anche con le biglie… Ora sono passati agli IPhone..

    Giustamente chi non può continua a divertirsi con le biglie..

    Ecco voi non lo sapete io però posso assicurarvi che sono molto meglio l’IPHONE e le tope..

    Ecco questa è la classica storiella della volpe e l’uva… 🙂

    P.S. Però guarda che c’è sempre internet..

  59. napalmdeath

    madmax
    solo per dirti una cosa e poi chiudo su questo argomento…
    ti pare che io dopo che ho studiato 6 anni e tirato fuori 5000 euro l’anno per diventare osteopata mi metto a fare il maestro di tennis?
    io ho un’altra testa …sono un artigiano…mi sono fatto il campo da tennis a casa…appena guadagnerò un pò di soldi farò la piscina e la palestra personale…
    ma quale 2-300 bambini dove faccio tutto io..
    io mi godo la vita con i nipoti in campagna e se qualcuno ha il motore e la centralina buona proverò a creare una formula 1…
    il tennis per me non è una questione di vita o di morte…è molto di più (david dinkins)…

  60. Stefano Grazia

    No, scusate, ha ragione max, sono proprio rincoglionito, nessuna censura, e devo dire purtroppo…ma forse no, ho sempre detto che ognuno si qualifica, almeno su un blog, per quello che scrive e per come lo scrive…si qualifica e si squalifica, ovviamente…per cui un post 74 a firma mad max a me va benissimo, segna chiaramente la linea di demarcazione culturale fra le affinita’ elettive…voglio dire:Su The Wire, La Valle di Elah e la musica che ho citato io e Michael Buble’ che hai citato tu, mi fa piacere che tu sottolinei ogni volta questa differenza culturale fra me e te, ci tengo molto, ti prego continua …ma allo stesso tempo mi rimane un dubbio: Ma scusa un attimo, ma tua moglie e tua figlia lo sanno che vai a tr…, cioe’, volevo dire… che ogni tanto ti concedi ancora una scappatella ? non capisco bene questo punto …

  61. Stefano Grazia

    Una curiosita’: le scelte per la trasferta americana sono, suppongo, condizionate anche dalle scelte scolastiche…cioe’, queste erano tutte le prime scelte o potrebbe essere che altri giocatori( o meglio, i genitori) avevano gia’ dato l’indisponibilita’ per via della scuola, del periodo, degli infortuni, etc…cioe’ a volte si critica tanto per criticare ma ci sono ragioni e giustificazioni a monte di cui noi non siamo a conoscenza …

    Piu’ in generale: sono stato al gioco, sia dell’intervista che dei commenti piu’ o meno scherzosi, piu’ o meno acidi, ma sempre intesi come sfotto’ da Bar Sport … come mi faceva notare un caro amico, alla fin fine ognuno si sara’ gia’ fatto la sua idea, la sua opinione, e anche quella dipende in parte dal proprio background culturale … poi ognuno puo’ dissertare se sia davvero disposto a consegnare il proprio figlio/a a uno che preferisce Michael Buble’ ai Pink Floyd e ai Coldplay, ma vabbe’, non stiamo a sottilizzare… Volevo solo dire che forse e’ ora di ‘move on’, e passare ad altro…per esempio, maestro Gerbino!: ma e’ ancora sicuro, dopo aver letto l’intervista, di voler ancora invitare Mad Max al suo Stage? :)!!! No, dai, scherzavo, questa era proprio la battuta finale, sdrammattizzante… Ragazzi, ritornate a parlare di AIM, di lateralizzazione, di biomeccanica quantistica o meno … io mi sono divertito molto, ma adesso mi sa che mi tocca rimettermi al lavoro, perche’ tra l’altro adesso ,forse e dico forse, con l’aria di crisi che c’e’ in giro, un lavoro e’ meglio tenerselo stretto, soprattutto se i risparmi e la previdenza accumulata si trasformano in cartaccia … oddio, io e’ da quando sono nato che sento ste storie…celentano cantava Svalutation, Fossati cantava C’e’ la crisi …sto bene, c’e’ la crisi … mah, speriamo bene…Ecco, uno spunto, vi do uno spunto come ai vecchi tempi quando, come ricordava Atti, facevo il SubComandante … Quanto potra’ incidere, secondo voi, la Crisi sull’attivita’ tennistica dei vostri pargoli?

  62. Stefano Grazia

    sono d’accordo, e infatti …post numero 2!in effetti poi, anche per la mia condizione di emigrante, avrei dovuto citare proprio Motherland come canzone preferita…anche se poi, nell’opera omnia della Merchant, forse preferisco Carnoval … Comunque leggevo l’elenco delle 500 migliori canzoni selezionate da Rolling Stones ( dove la parte del leone la fanno Dylan, Beatles e Rolling Stones),e mi ha fatto piacere constatare che magari tutte e 500 no, ma almeno 400 si, le ho o perlomeno le conosvo … Per esempio, puoi non citare un David Bowie ( fivevyears, heroes, space oddity, memories of a free festival …”the sun machine is coming down and we gonna have a party…”, rock ‘n roll suicide e tante altre), puoi non citare CSNY ( Carry On, Right Between the eyes, Chicago), i Deep Purple, i Jethro Tull, i Led Zeppelin, i Moody Blues di almeno Nights in white satin ( da noi conosciuta nella versione dei Nomadi : Ho difeso il mio amore) …gli Oasis di Wonderwall e Back with anger…e poi Mike Oldfield ma anche Vangelis e tutta la musica da film fino a Moby e Mogwai … Insomma, e questo mi cita Michael Buble’ …Se lo sa sua figlia, lo licenzia!

  63. Madmax

    Napal, ecco così ti preferisco.. ovviamente nel momento in cui non pensi di fare dei giocatori.. 🙂

    Stefano e lo sono anch’io molto contento..

    Eh si perchè lo capisce anche un bambino che se un mediconzolo della mutua si permette di sentirsi superiore a chichessia per i suoi presunti migliori gusti musicali significa che non è normale..

    Cioè uno che fino a qualche anno fa per parlare con me doveva fare richiesta in carta da bollo si sente superiore.. E’ proprio vero che il mondo ormai va al contrario..

    Però è anche vero che se vai in una casa di cura trovi gente che crede di essere Napoleone e Garibaldi per cui se sei contento tu..

  64. Giorgio il mitico

    ……..sicuramente senza Max questo blog era un sonnifero legalizzato, sicuramente pensando alla discussione tecnica di questi giorni e cioè l’anticipazione motoria, ho sentito il parere di molti, giusto o sbagliato si vedrà, ho dato anche il mio personalissimo parere, però tutti siamo identificabili, io un po’ meno ma credetemi non sono un tecnico sono solo un appassionato.

    Una persona però non vuole dare la sua identità nè dare qualche indizio (io ne ho dati diversi) questa persona mi pare sia Pulsatilla; naturalmente è suo diritto non farlo, però mi pare un pochino deludente; quando iniziai a scrivere su questo blog gli chiesi di dire almeno cosa faceva, così per curiosità.

    Penso che chi è o si atteggia a tecnico con analisi approfondite, se non altro, dovrebbe uscire un pochino allo scoperto, altrimenti dialogare in modo approfondito è difficoltoso e si comincia a parlare con poco costrutto.

    Max è pirotecnico, non si trattiene, è sanguigno, a volte esagera, però CI METTE LA PROPRIA FACCIA e questo è un valore aggiunto di cui si deve far tesoro !

  65. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Eh vabbè mò… SONNIFERO LEGALIZZATO ancora non me lo avevano detto.. Mi sembra un po’ esagerato! 🙂

  66. Madmax

    Guarda Giorgio qui in questi anni abbiamo visto che tipo di persone sono realmente i tecnici o i presunti tali: ominicchi.. e questo era quello che mi premeva saltasse fuori..

    Ad oggi mai una smentita..

    Per il resto come sappiamo il mondo è varipinto ed accanto a persone perbene che annaspano in mare aperto in balia delle onde e dei maestri che di conseguenza sono obbligati viaggiare a vista tutti i giorni, ci sono anche psicolabili di ogni genere, da quello che si erge intellettuale snob al di sopra dell’avversario di turno per finire a quello che pur di avere il suo quarto d’ora di notorietà è disposto ad inventarsi ogni cosa pur di ottenerlo..

    Ed io che lo so bene, mi diverto a farli neri.. 🙂

  67. Madmax

    Effettivamente sonnifero legalizzato non è male.. 🙂

    Ale prova mettere sul blog una puntata di The Wire così quando a qualcuno dopo avermi letto vengono le convulsioni si prende un bel sonnifero e domre tranquillo..

    Poi aggiungi anche tutta la Valle di Elah così se qulacuno vuole caricarsi un po’ dopo averlo visto si incazza di brutto ed è pronto ad insultare chiunque gli capiti a tiro!! 🙂

    Cmq per la cronaca a mia figlia un paio di canzoni di Buble non dispicciono affatto..

    Ma come per tutte le teenager ora esiste solamente Justin Beaber.. 🙂

  68. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @max
    C’è sempre però da fare un ragionamento per assurdo..
    Hai detto di stimare Della Vida, Piatti, Catizone.. e poi altri nomi nel corso degli anni sono usciti fuori.. Intendo di gente che comunque ha fatto un percorso di insegnamento condivisibile e importante..
    Ecco, quello che mi sento di dire è: tutti loro sono stati, all’inizio, dei signori nessuno. E quindi i nuovi Della Vida, Piatti e Catizone potrebbero essere dei giovani a cui non daresti, oggi, una lira.. e che magari invece si dimostreranno dei professionisti eccezionali.. Questo ragionamento per assurdo secondo andrebbe fatto ogni qualvolta si incontra un nuovo “addetto ai lavori”.. con la consapevolezza che solo alcuni (quasi nessuno) di loro diverrà tale

  69. Madmax

    Ale..

    Guarda nella mia vita non ho mai stimato nessuno per il nome che portava, l’ho fatto solamente giudicandoli per quello che facevano, dicevano e per che persone erano..

    Qui tutti nessuno escluso si sono presentati come fossero degli Dei che che insegnavano a dei deficienti..

    Saremo stati anche sfortunati ma gli Dei che hanno lanciato qui gli attacchi hanno dovuto battere la ritirata avendo subito perdite pesanti..

    Alle fine tutti si sono dovuti arrampicare sugli specchi, cambiare due o tre volte versione per poi eclissarsi dalla vergogna..

    Allucinante poi quando si sono presentati in due o tre parandosi il culo l’uno con l’altro..

    E poichè tutti gli invasori scornati erano anche considerati professionisti di buon livello prova ad imaginare chi sono gli altri..

    L’apoteosi però è stata raggiunta quando un paio dei poveri disgraziati scornati hanno avuto anche il coraggio di insultare o quasi uno come Castellani..

    Cioè come se l’allenatore dei giovanissimi del Frosinone desse del pirla ad Ancellotti..

  70. Madmax

    Nello specifico quindi di Lorenzo Falco (immagino che sia di lui che parli) è squalificato in partenza dal momento che pur di non darmi ragione la da a uno come Pulsatilla che per stare dalla parte della ragione deve darla a me dopo aver cambiato due volte versione..

    Ma ragazzi fatevelo dire anche da Grazia che è dottore, che di coerenza non è mai morto nessuno..

  71. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @max
    Non dicevo che tu stimi per il nome, ma che quelli che stimi un tempo erano dei “signor nessuno”.. E che a volte, partendo prevenuti (sicuramente dopo le tante delusioni avute nel mondo del tennis italiano), si rischia di generalizzare troppo e di giudicare al primo “errore” o frase che non ci piace.. Tutto qui. Io anche ho conosciuto persone in questo mondo che ritenevo di un certo livello e che mi hanno invece molto deluso (più di una, più di due, diciamo più di tre) ma ce ne sono alcune (che magari si conoscono poco) su ci metterei la mano sul fuoco come professionalità, umanità e impegno..

  72. Madmax

    Ale..

    Sono assolutamente d’accordo con te e per Lorenzo c’è anche la scusante della giovane età, perciò spero per lui di sbagliarmi..

    Sugli altri però metto la mano sul fuoco e credimi, su queste cose non sbaglio mai..

    E ormai tutti mi conoscete io sno uno che non ha mai dato peso alla forma proprio perchè sono interessato solo al contenuto perchè in alcuni settori (ed il tennis è uno di questi ma in generale lo sport è così) è l’unica cosa che conta…

    Ovviamente se sei un campione, altrimenti lo capsico anch’io che è necessario mediare…

    Ma proprio per coerenza io mi comporto esattamente come se lo può permettere di fare chi campione diventa, semplicemente perchè altrimenti il mio percorso nel tennis termina e successivamente non mi servirebbe a nulla l’aver instaurato buoni rapporti con le persone del sistema..

    Tanto per intenderci, di favori non ne voglio devono essere gli altri a volermeli fare.. 😉

  73. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    E comunque e’ meraviglioso: qui c’e’ uno che dice io sono questo, io ho fatto questo, io su queste cose e anche su molte altre non sbaglio mai, io se conosco uno sento subito se puzza anche se poi magari continuo a mandargli lettere amichevoli per un anno, io sono duro e puro, io capisco piu’ di tutti voi che dite solo stronzate, minchiate soprattutto ivano e nicox e ii mediconzolo e pulsatilla e falco e baraldo e buzzelli ( e continua per mezzora a snocciolare una lista di nomi)…e poi continua ad accusare me di essere uno che si sente superiore a tutti…semmai potrei sentirmi superiore a lui ma non e’ nemmeno vero questo: io mi sento sicuramente e semmai diverso e ognuno trarra’ le sue deduzioni e conseguenze, punto, fine, zip, period.
    quanto al mediconzolo della mutua…mai lavorato alla mutua, se non per delle brevi sostituzioni nel periodo in cui ero a casa, nell’87, a riabilitarmi il ginocchio…sempre lavorato all’estero…ma mediconzolo certamente si, son sempre stato io il primo ad autodefinirmi cosi’, tipico invero di chi si sente superiore a tutti, no?
    Poi quali sono i parametri? Guadagnare 200-300,000 euro all’anno nella propria professione? Su, fammi capire che sono curioso,che voglio proprio vedere sto stupido dove vuole arrivare ( Pasquale!) ( citazione da Toto’, of course)

  74. Stefano,
    raccolgo il tuo invito. Quando inciderà la crisi sul tennis?
    A livello di vertice direi che inciderà poco. Per la semplice ragione che il tennis di vertice ha molto appeal nelle nazioni che trainano l’economia mondiale, Cina in primis in cui le risorse abbondano.
    Per ciò che riguarda invece il panorama italiano direi che la situazione è abbastanza grave. E non lo dico in modo preventivo o disfattista ma per ragioni che vado a spiegare. Uno degli anelli deboli del sistema italiano è quello di ampliare l’offerta agonistica soprattutto per ciò che riguarda il delicato passaggio dall’attività junior al professionismo. Le accademie erano nate proprio per questo, per dare una possibilità a tutte quelle giovani promesse che non rientrano nei programmi federali. Ne sono nate tante in Italia ultimamente, ma se andiamo a vedere l’offerta che propongono e come se la passano, direi che la situazione non è ottimale (per usare un eufemismo). Un’offerta di qualità ha dei costi rilevanti. E siccome di soldi in giro con la crisi ce ne sono pochi, la qualità dell’offerta scende (perchè devono abbassare le rendite, sono costretti a non poter dire di no anche a chi non meriterrebbe di avere accesso, non possono permettersi di pagare i professionisti migliori del settore etc), i servizi diventano più scadenti, i risultati sono conseguenti ed il cane continua a mordersi la coda fino a quando il sistema non arriva all’implosione. Le coneguenze di questa situazioni sono ancora più gravi in Italia in cui il concetto di “sistema” soprattutto nel tennis è quasi sconosciuto. Ognuno fa per se ed in questa prospettiva il nostro movimento finisce per diventare provinciale. Ed in concorrenza con il mercato globalizzato e con strutture meglio organizzate e funzionali della nostra finiamo per non essere competitivi.

  75. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Ale, ma nessuno ti ha ancora contattato per fare una sit com? propongo un referendum per scegliere il cast … A parte Roger Moore e Tony Curtis….Colin Farrel, Bobby De Niro, Ninetto Davoli e Toto Cutugno sono stati contattati per la mia parte. Per la parte del Principe Buzzurro e’ lotta all’ultimo sangue per accapparrarsi la parte fra:
    Alvaro Vitali, John Goodman ( Pappa e Ciccia, the Flinstones) John Belushi ,James Gandolfini ( i sopranos)…
    Scherzi a parte, da giovane e ai tempi di Taxi Driver e Mean Streets la mia rassomiglianza con Bobby De Niro era quasi imbarazzante tanto che avevo il poster bluastro di Taxi Driver nella mia camera…pero’ poi quando finivo magari in un gruppo di ragazzotte c’era sempre quella che con malcelato entusiasmo mi diceva: ma sai che assomigli proprio a Toto Cutugno ( purtroppo in certe foto era anche vero, se avevo i capelli lunghi) e sicuramente assomigliavo al Ninetto Davoli che faceva la pubblicita’ andando su e giu’ in bicicletta facendo il fornaio a carosello…e insomma, c’e’ poco da dire, ho imparato ben presto a non prendermi mai troppo sul serio…E la morale in fondo e’ proprio questa, e a questa mi sono sempre attenuto: magari tu ti credi di essere Bobby De Niro o un lord inglese ma c’e’ sempre qualcuno pronto a ricordarti che invece sei un Toto Cutugno o un Ninetto Davoli o un tamarro borazzo qualsiasi …

  76. ivano

    Nicoxia
    Fortunatamente non ho ore libere pero’ se passate a trovarmi mi fa piacere e qualcosa ci inventiamo….

    Mammager
    Grazie 🙂

    Silvano
    Grazie per la stima,che come ben sai è reciproca…..la piccoletta è forte,mi fa morir da ridere…:)

    Nello scontro a 2 stefano-max a mio parere non cera bisogno dell’intervista per capire chi abbiamo di fronte !!!!
    E il blog intero sta conoscendo poco alla volta con chi si a che fare……….
    Mi sembra che il “Bolletta” ne esca non solo sconfitto ma anche con le ossa rotte….
    Rinnovo la mia stima a Stefano come per altro avevo gia’ detto in passato e lancio un messaggio al principe….
    Ricordati che raramente uno scoiattolo cieco trova una ghianda 🙂 🙂 🙂

  77. napalmdeath

    madmax
    ho sempre più possibilità io di te…nel mio DNA lascerò alla progenie il fisico (perdonami ma è così)…un pò di cultura che non guasta (2 lauree e speriamo di finirla qui)..struttura tennistica già fatta e quindi non devo chiedere niente a nessuno…
    e la testa max…la testa!!!
    le parole volano…i fatti per me parlando stanno a 0 e quindi è giusto che adesso parlino altri al posto mio…
    P.S. io poi ho un valore aggiunto che nessuno in questo blog si può permettere…ascolto solo death metal!!!

    song della vita….enemy of the music businness (napalm death)

  78. Mammager

    Max:
    “Guarda Giorgio qui in questi anni abbiamo visto che tipo di persone sono realmente i tecnici o i presunti tali: ominicchi.. e questo era quello che mi premeva saltasse fuori..

    Ad oggi mai una smentita..” Che significa: SONO TUTTI COSI’.
    Quindi Silvano Papi, giusto per citarne uno, sarebbe un ominicchio…., termine dispregiativo tra l’altro normalmente riferito alla persona, non alla sua competenza tecnica!
    Sono sicura che non pensi questo di lui, eppure anche lui è un tecnico (ecco una prima smentita) e ti dirò di più:
    Un ominicchio sta a Papi come un sasso sta ad una stella.
    A volte dai l’impressione di prendere una manciata di parole a caso e di lanciarle in ordine sparso su un post 🙂 Sono sicura che se presti più attenzione sai fare molto meglio di così 🙂
    Lasciamo ai poeti l’arte di parlare con la pancia!

  79. Madmax

    Ivano..

    Il nostro è sempre stato un paese dove vincono (secondo loro) sempre tutti anzi vincono spesso quelli che in realtà perdono, quelli che travisano la realtà, quelli che mettono in bocca cose mai dette agli altri etc etc..

    Ma va bene così, quuesta è la caratteristica del nostro paese e dei suoi abitanti..

    Qui però alla fine ci sarà il campo che parla (fortunatamente) per qualcuno le sentenze sono già arrivate e per altri manca poco.. molto poco..

    Ci sono poi tanti messaggi che si possono dare e se ad esempio tu ti trovi nel deserto tendi spesso a vedere le oasi, anche quando non ci sono..

  80. Madmax

    Napal..

    Scusa eh… Nel tennis come ho detto io non ci sarò più, fuori per cortesia lascia perdere, è meglio.. 🙂

    Quando io avevo la tua età per andare in giro noleggiavo spesso l’aereo a Lugano, vedi tu..

    Mammager..

    Hai ragione, ma Silvano non l’ho mai considerato un tecnico, semplicemente perchè qui non ha mai parlato in quei termini..

    A dir la verità mi ha fatto anche una buona impressione quando ci siamo conosciuti a Roma (anzi colgo l’occasione per salutarlo), ma cosa vuoi abbiamo parlato insieme un quindicina minuti, non di più…

    Tra l’altro è una persona colta e matura di conseguenza saggia e si vedeva che non cercava assolutamente lo scontro, poi bisognerebbe vedere insieme su un campo da tennis se farebbe pesare il suo “presunto” sapere come fanno gli altri..

    Io penso onestamente di no ed anzi magari sarebbe anche parco di consigli ma questa è solo una mia impressione, poi le persone bisogna conoscerle un po’ di più dal vivo.. 🙂

  81. Madmax

    segue..

    Perciò è qunado un tecnico fa pesare il suo presunto sapere che smetto di considerarlo un tecnico e punto alla persona ed in quel dato momento diventa un ominicchio..

    Mago Ivano docet..

  82. pulsatilla

    @ 85 Giorgio il mitico,

    io sono un semplice e insignificante genitore. mi sono ritrovato in questo ambiente che, in quanto sportivo pensavo fosse puro, invece ben presto mi sono dovuto ricredere. le mie disavventure con innumerevoli maestri o istruttori o sedicenti tali mi hanno fatto sentire molto vicino a Max e in passato gli ho manifestato tutta la mia solidarietà.
    ora la deriva volgare che ha assunto il suo linguaggio mi costringe a prenderne le distanze, ma io sono fiducioso e spero che si ravveda. Silvano Papi conferma che dal vivo è molto diverso da come appare sul blog e io gli credo.
    Giorgio,
    tengo a precisare che non mi sono mai atteggiato da tecnico, ho solo voluto dare qualche spunto di riflessione partendo da un’ottica diversa. Sono intervenuto nella diatriba fra Max e Ivano sulla anticipazione ideo-motoria e, con studi recenti di neuroscienze alla mano, ho dimostrato loro che in parte avevano ragione tutti e due. La PA, intesa come fornire stimoli per un corretto sviluppo neuro-muscolare, inizia dalla nascita e nostra madre è stata la nostra prima PA, quando ci ha insegnato a camminare. Fin dal quel momento gli studi hanno dimostrato che il sistema nervoso, per velocizzare il camminare, deve anticipare le informazioni sensoriali dei recettori periferici, altrimenti noi cammineremmo come un bradipo.
    Dunque ha ragione Max (e con lui Catizzone) quando dice che la PA deve essere fatta più precocemente possibile.
    Poi però ho anche dimostrato che l’AIM non è solo una capacità coordinativa, è molto di più. E l’innesco dell’AIM parte da un magazzino dati che è la nostra memoria, dunque sarebbe più corretto definirla una funziona mnestica (l’aspetto coordinativo è successivo).
    Per costruire la memoria nell’AIM che concerne il tennis c’è un unico metodo: giocare a tennis, e qui ha ragione Ivano.
    Poi Max dice che per favorire la costruzione mnestica è utile una PA specifica e anche qui possiamo essere d’accordo, si mimano in allenamento i gesti e i movimenti del tennis e questo può favorire l’AIM (vi ricordate la storia di Buzzelli che inizia a giocare a tennis e si sorprende lui stesso perchè batteva molto bene? questo è un esempio di come un’attività come il lancio del giovellotto può favorire una gestualità simile di un altro sport).
    Però l’AIM specifica del tennis si può fare solo giocando a tennis. E su questo ringrazio anche Lorenzo Falco che è un ragazzo molto preparato e appassionato.

    In conclusione però volevo dire che non è importante stabilire chi ha ragione e chi ha torto. Ognuno, usufruendo di più informazioni possibili, si formerà la sua opinione. Ciò che è veramente importante è salvaguardare questo blog perchè a mio parere è uno strumento conoscitivo che per i genitori assume molta rilevanza. Questo blog sta compiendo un lavoro di formazione culturale dei genitori che altri mezzi, ad esempio supertennis, se lo sognano. Su supertennis vengono presentati ad esempio circoli improbabili con maestri improbabili come se fossero strutture di eccellenza. E’ uno schifo. Tutto gira intorno al genitore visto esclusivamente come un allocco pagante, un bancomat ambulante e sognatore. Tutto.
    Dunque: lunga vita al blog!

  83. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    a mia rassomiglianza con De Niro era imbarazzante … ovviamente per lui…

    Ma quando fece Angel Heart ( bellissimo! altro film da collezionare con un Mickey Rourke ancora in predicato per diventare un grande attore ) io ero in Saudi Arabia e mi ero lasciato crescere i capelli lunghissimi e barba e pizzo ( le unghie no) …Tornato a casa poco prima di Natale, appena prima di partire per andare a fare windsurf in Jamaica, avevo un impegno con mia cugina, quella che ha sposato il Presidente e Fondatore dell’Isokinetic,che aveva rinviato il battesimo del primogenito per avermi come Padrino…E io,quel vecchio burlone, mi presentai al battesimo vestito con un frac( noleggiato da Gabri’ al Teatro di Bologna prima di venirmi a prendere all’aereoporto), con le scarp de tenis superga bianche, col codino e il pizzo alla Lou Cypher di Angel Heart… Immaginatevi la faccia del povero prete quando mi vide arrivare!
    !

  84. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    ma in realta’, credo di averlo raccontato gia’, il mio nume ispiratore nel campo della medicina e’…Trapper John, il Dr MacIntyre interpretato da Elliot Gould in MASH, il film di Robert Altman ambientato nei campi medici militari in Korea…A pensarci bene poi, deve essere stato proprio cosi’ perche’ forse e’ stato quella la molla che mi ha guidato, anche inconsciamente, a fare un certo tipo di vita e di carriera…L’unica vera differenza semmai e’ che il Dr MacIntyre era il miglior Chirurgo Toracico di Boston e quindi lui e Occhio di Falco, l’altro medico interpretato da Donald Sutherland, potevano in pratica fare quello che volevano, essendo i migliori medici di tutta la Corea e quindi facendosi il mazzo ed essendo i migliori,dal loro Colonello  a loro era tutto permesso …io invece sono solo un Mediconzolo di campagna ma con la mia consueta autoironia quando mi presento dico sempre di essere il Miglior Medico Italiano di Abuja ( e lo sono, essendo il solo…a volte, per essere sicuro aggiungo anche l’eta’ del momento…miglior medico italiano di 56 anni, maschio …  a volte anche altri particolari, tipo la barba e i baffi o l’ con la giacca di armani’, tanto per essere sicuri che non ci sia un altro medico italiano, che non si sa mai, potrebbe e non e’ difficile essere piu’ bravo di me ….Gran film, di formazione, Mash…lasciate stare per una volta la serie televisiva… io e i miei amici, anche quelli che non fecero poi medicina, siamo cresciuti volendo essere ‘sboroni giusti’ come Elliot Gould e Donald Sutherland di quel film, altro che il Dr Kildare…
    l’ho citato The Big Wednesday?, un mercoledi’ da leoni? altro gran film di formazione…magari quello sarebbe piaciuto anche a mad max ma a parte le battute, l’epos e le onde, c’era in quel film un rimpianto della giovinezza che ti sfilava fra le dita gia’ a 20 anni, e ,come dice il poeta, 20 anni sembran pochi poi ti giri e non li trovi piu’….

    Ma che The Wire sia un capolavoro, non lo dico solo io…da Aldo Grasso, il critico del 
    Corriere, a chiunque capisca un minimo di cinematografia e letteratura…c’era proprio un articolo sul Corriere la settimana scorsa ( ben dopo, insomma, che ve ne ho parlato io per la prima volta …certo, e’ un po’ impegnativo…magari vi sono molte citazioni colte,magari passano 4-5 puntate senza una sparatoria o un inseguimento, e sicuramente si deve essere pronti a vedersi tutte le 5 stagioni, una dietro l’altra, due-tre episodi alla volta …E non e’ Lost, che tra l’altro nel suo genere e’ pure apprezzabilissima, ma diciamo che The Wire e’ di uno spessore culturale un po’ superiore …Non e’ per tutti, insomma….:)

  85. ivano

    No mio caro bolletta non dire che io ti ho fatto pesare qualcosa perchè sei falso…….
    Io ho solo esposto il mio pensiero riguardo a AIM e riguardo al percorso…..punto
    Non dire bugie!!!!!
    E soprattutto non il pensiero di altri !!!!!!!!!!!
    Tutta farina del mio sacco……..

  86. Kill Bill

    Doc,
    credo di non aver mai visto una puntata di The Wire.
    Dato che lo vendono in DVD tutte e 5 le annate … me le potrei sparare nel ponte 8-11 Dicembre …
    Ora , però, con quel ” ma diciamo che The Wire e’ di uno spessore culturale un po’ superiore …Non e’ per tutti, insomma….: ”
    se uno non è così colto , pur non riuscendolo ad apprezzare al 100%, è comunque guardabile ?

  87. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    kb,
    non e’ questione di cultura, a dire il vero, ma di voglia di vedere qualcosa di un po’ di diverso, a piu’ largo respiro, diciamo …in parole povere, non si tratta di vedere una puntata alla volta ma di giudicare l’opera nel suo complesso come magari qualche libro all’inizio un po’ piu’ difficile del solito thriller che pero’ di dimentica subito ma che poi in seguito ti coinvolge, ti commuove, ti fa pensare e …ti rimane dentro…
    Tre giorni sono un po’ pochi pero’, non esageriamo…in tre giorni ti vedi una stagione..
    Comunque, vorrei precisare due cose,anzi tre:
    1) che io non sono certo quello che gode nel vedersi o leggersi dei mattoni pazzeschi: di Umberto Eco per esempio ho apprezzato Il nome della Rosa ma ho trovato gli altri libri meno appassionanti e alcuni francamente illeggibili…e poi io leggo anche i fumetti!!! e non quelli intellettualoidi e senza sceneggiatura, e anche qui c’e’ differenza fra Tex Willer e Ken Parker o anche fra zken Parker e I naufraghi del vento di zbourgeon, un titolo che per esempio ho colpevolmente dimenticato di citare nell’intervista…altri  titoli che vi ho elencato in altri posts dovrebbero dare un certo parametro e da un lato rassicurarvi ma c’e’ differenza fra Boldi-De Sica e unfilm di Roberto Faenza o anche di Sofia Coppola, per dire …per esempio a me e’ piaciuta molto anche la serie The Shields, ma pur essendo abbastanza originale e cruda di suo( il protagonista e’ un poliziotto corrotto ma in fondo ti trovi a fare il tifo per lui), voglio dire che siamo a due livelli di spessore culturale diverso: la prima e’ intrattenimento mentre The Wire oltre a intrattenerti e’ un opera completa e ti fa pensare…tra. l’altro per un Genitore ci sono comunque molti spunti su cui riflettere… Ma diciamo che e’ un’opera a tutto tondo…io l’ho vista da solo e poi quslche mese dopo me la sono rivista tutta con mia moglie e l’ho ritrovata bellissima, ancora di piu’…
    2) io li ho visti in originale inglese coi sottotitoli in inglese e non so come viene reso lo slang nel doppiaggio …ma non credo che riescano a rovinare la serie e quindi mi sento di consigliarla ancora
    3)Ti consiglierei di fare una piccola ricerca cliccando su google e sicuramente wikipedia ti da il quadro…si tratta. di 5 stagioni, i protagonisti sono gli stessi ma e’ uno spaccato di Baltimora in generale…ogni stagione affronta la storia da un punto di vista diverso:poliziotti e spacciatori, le unions portuali, i politici, l’educazione scolastica dei ragazzi difficili, infine i media, la stampa … ma la storia e’ un tutt’uno, e ad ogni stagione sci aggiung ono dei pezzi’come tessere giganti di un domino chce non avra’ mai fine’ … dello stesso livello, come complessita’, e’ Deadwood… ma a me sono piaciuti anche Lost, The SHields, ER, Grey’s Anatomy, Soprattutto Everwood!…e insomma, non sono certo un intellefttualoide che raggiunge l’orgasmo solo se vede Fellini o Antonioni, che anzi io non amo vedere, soprattutto il secondo ( di fellini salvo Amarcord) e proprio 2 settimane fa ho cominciato per l’ennesima volta il Settimo Sigillo di Bcergman … e per l’ennesima volta ho lasciato perdere dopo una ventina di minuti…magari invece e’ il film preferito di Mad Max, hai visto mai?

  88. Madmax

    Kill..

    Bah non so.. Mia figlia è andata via quando io ancora non dormivo (quindi max 7/8 minuti) e mia moglie che ha solo due lauree ed è una che ancora oggi si addormenta leggendo Dostoevskij e i film leggeri li guarda molto poco volentieri dopo due… Perciò vedi tu..

    Ed infatti non è per tutti nel senso che se tu inviti una bella figa e gli fai vedere The Wire ti manda a cagare all’istante..

    Ivano..

    Ma tu sei talmente poco intelligente che non capisci che è proprio questo il tuo errore..

    Infatti quando parli del tuo pensiero parli di quello di uno che non può darlo non avendone le competenze.. E infatti hai detto solo cazzate..

    Al contrario io non essendo sicuro di dire cose corrette ho interpellato chi è preposto e chi al 100% quelle cose le sa..

    Questo nonostante a livello di PA in generale io sappia 100 volte più di te visto che in altro ambito era il mio lavoro e non è certo un caso che le cose riportate io le pensavo esattamente in quel modo..

  89. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Comunque, KB, non spaventarti: in soldoni e’ la storia di un Team Investigativo che cerca, tramite il sistema delle intercettazioni, di incastrare un Team di Spacciatori …

  90. Madmax

    Cmq ho provato veramente a pensare a tre film che mi sono piaciuti veramente molto.. Non dico i migliori perchè probilmente ne dimentico alcuni e poi al contrario di altri non dimentico che sono cose soggettive.. 🙂

    L’ultimo Imperatore, Balla Coi Lupi e L’ultimo Samurai..

  91. andrew

    la citazione di Taxi Driver mi fa pendere decisamente a favore di StefanoGrazia…

    Cybill Sheperd è stato il mio sogno per anni…

    Il motto del film potrebbe venire utiizzato per pubblicizzare un tennis globale;

    “in ogni campo di ogni città c’è un nessuno che sogna di diventare qualcuno…”

  92. Madmax

    Andrew

    Allora il più bello di tutti è nettamente è Scarface..

    Ma poi ci sono i film di Paul Newman e d il biliardo (anche Nuti ne fece uno non male) oppure La stangata per nulla male..

    E per i miei trascorsi ovviamente non possono mancare i due(meglio il primo) Febbre da Cavallo..

  93. Madmax

    E tutti i film di Sordi dove li mettiamo?? O Amici miei… O ancora prima Tutti i Don Camillo??

    Guarda di film belli ce ne sono migliaia e valutare le persone o sentirsi migliori per le preferenze cinematografiche danno l’idea del reale valore del personaggio..

    Che infatti appena incontrato mi ha fatto accapponare la pelle.. 🙂

    Perchè è conoscendo e incontrando le persone che si possono giudicare..

  94. Madmax

    E Manfredi e Gassman??

    Ma alla fine di tutto però cosa c’è di meglio di una bella serata con gli amici gustando aglio oglio e peperoncino davanti a “Quel gran pezzo della Ubalda tutta nuda e tutta calda” ??

    E ovviamente rutto libero!! ah ah 🙂

  95. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Ed infatti non è per tutti nel senso che se tu inviti una bella figa SENZA CERVELLO CHE DA GRANDE VUOL FARE LA VELINA e gli fai vedere The Wire ti manda a cagare all’istante..

    se invece inviti una bella ragazza, di buoni studi e letture e che non va al cinema solo due volte all’anno a vedere i cinepanettoni o twilight e che del cinema ha un idea un po’ piu estesa che non si ferma ai film di Stallone, allora magari …. non te la da lo stesso, perche’ vuol vedere come va a finire!!!

    e dimenticavo: fantastica la titletrack,The Devil in the hole, di Tom Waits, che ad ogni stagione e’ cantata e arrangiata in modo diverso da diversi performers ( e no, Michael Buble’ non l’hanno interpellato…)

    Non date retta a me, non date retta a Hulk…leggetevi un po’ di critiche, capite di che si tratta e poi decidete se guardarvelo…Poi fatemi eventualmente sapere …

  96. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Ma infatti confrontatevi…se avete gli stessi gusti letterari e cinematografici e nazionalpopolari e molto terreni ( mangiare, trombare, ruttare non necessariamente nell’ordine) di D’auria,non fa per voi…se vi interessano le cose che vi ho proposto io, allora e’ probabile che vi piaccia…E se non vi piace, va bene lo stesso … ma rimane considerato il termine di paragone per tutte le serie tv in america…

    t

  97. Madmax

    Ma infatti i film citati dalla critica sono i primi che scarto in partenza.. Non sempre ma quasi..

    Per il resto mi viene da dire solo una parola…poveretto…

    Nel senso che mi sembra uno schifo che si possa parlare male delle altre persone solo perchè desiderano fare le veline o altro..
    MIa moglie però la velina non l’ha fatta e The Wire le ha fatto schifo lo stesso..

    Mia figlia addirittura voleva fare il Classico.. E nonostante questo preferisce Twilight..

  98. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Andrew,anche per me Cybil Sheperd rimase un ideale al punto da farmi piacere anche la serie Moonlighting che lancio’ Bruce Willis…

  99. Madmax

    Anche perchè dietro al fatto di non fare le modelle le veline e le attrici molto spesso c’è un’unica verità:

    Che non se lo possono permettere, in quanto non abbastanza carine..

    Perchè ora chiunque laureate figlie bene etc se uno/a può non guarda certo The Wire e non fa nemmeno quella vita da incubo che ci vorresti propinare tu!!

  100. Madmax

    E come mai ti fermi a Stallone e non citi L’Ultimo Imperatore a me sono piaciuti entrambi anzi il secondo mi è rimasto molto più impresso..

    Il fatto è che non porto i paraocchi..

  101. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    perche’ nell’intervista hai citato rambo, rocky, indiana jones…poi, accortoti che stai facendo una figura di borazzo tamarro, sei corso ai ripari …ma anche li’ citando tre buoni anche ottimi film che…non entrano nei miei top 100… Mentre vi entra, ma per motivi sentimentali e personali, Out of Africa, anche questo colpevolmente dimenticato nell’intervista ….

  102. Madmax

    No assolutamente io non ho nessuna coda di paglia e non penso assolutamente di avere la coda di paglia, anzi… Io assolutamente cerco di vedere i primi film che ho citato semplicemente perchè il tempo che passo davanti alla tv per me deve ssere si puro svago, non è il mio hobbie..

    I tre che ho citato in seguito mi sono piaciuti moltissimi ma è stato quasi casuale il vederli (infatti li ho visti a casa) a parte il primo che sono andato apposta al cinema perchè sono sempre stato affascinato dalla Cina..

    E a sentire ciò che dici a uno che è sempre stato considerato Il Principe, mi fa sorridere.. Ma è vero sono io che ora appaio così e sono lo stesso cheuna volta uscito dalle corse non ho mai più voluto mettere nemmeno una giacca.. Nell’armadio ho ancora 100 (cento) cravatte di Hermes..

    Insopportabile invece è come tu parli con disprezzo degli altri tu che non sei nessuno, ma come ti permetti??
    Come fai a permetterti di giudicare chi sceglie di fare la velina quando hai un figlio che al ristorante magia con le mani e lancia alla gente le palline di mollica con le connucce??

    Vai a rubare va, tu puoi solo sentirti grande in Nigeria (sotto l’onbrellone di una Oli Company perchè da solo puoi fare il figo solo a casa tua..) altrimenti sai quanti calci nel culo che prenderesti..

  103. Madmax

    Un altro non male anche se mi ci aveva portato di prepotenza una mia ex più grande di me è stato Il Tè nel Deserto..

  104. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    @ The Mad: valutare le persone o sentirsi migliori per le preferenze cinematografiche danno l’idea del reale valore del personaggio.Che infatti appena incontrato mi ha fatto accapponare la pelle..

    ma guarda che potevi dirlo subito invece di lasciar correre un anno e mezzo … sei proprio un falsone infingardo allora, altroche’ duro e puro… ( ma mi sembrava, emails alla mano, di averlo gia’ dimostrato nell’ultima puntata di Colpo di Grazia). ..

    torniamo a parlar di tennis dai…piuttosto, e scusami, ma non ci hai mai parlato dell’infortunio di Alessia…ma come, non eri tu che giuravi che tua figlia non si sarebbe mai infortunata e che la sfiga non esiste? accusi gli altri di cambiare discorso ma qui chi evita di rispondere sei solo tu … su, ammetti di esserti sbagliato e che anche i piu’ preparati possono infortunarsi oppure raccontaci un po’ della ripresa …

    Federico, vedo solo ora la tua risposta al mio spunto sulla crisi … in effetti la vedo dura, ora e’ il momento di tenersi stretto il proprio lavoro ( i genitori) e la scuola ( gli atleti) prima di puntare tutto su una improbabile carriera da pro … ma dicendo cio’, so di espormi alla critica della Volpe e l’Uva, lo so…ma infatti, io so dentro di me che probabilmente il fatto che mio figlio abbia smesso e’ stata una clamorosa botta di culo che mi ha di fatto evitato un bagno di sangue, ma cio’ nonostante mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace…ed e’ tutta colpa mia, nostra…troppa pressione, come diceva Giorgio Giorgio…Ma al tempo stesso sono analitico: il lavoro fatto da Nicholas dai 3 ai 12-14 gli ha dato una tecnica e un footwork probabilmente superiori al 90% dei suoi coetanei ma…gli mancano 15 cm in altezza e soprattutto LE MOTIVAZIONI … E allora, che cosa vuoi farci? E’ comunque un circolo vizioso: quello che ha fatto lo doveva fare, poi alla fine ne rimarra’ uno solo ogni 500, quello che ha fatto quello che ha fatto Nicholas e che pero’ poi e’ ANCHE cresciuto 15 cm e aveva le motivazioni …rien ne va plus, le jeux sont fait… Adesso sono cazzi vostri …Ma allora perche’ vorrei ancora sorbirmeli anch’io nonostante la crisi? siamo strani noi bianchi ….

  105. Madmax

    Guarda lo sapevano tutti (anche perchè l’ho scritto) poco dopo Trieste.. Dopo di che ho una vita io e soprattutto rimuovo in fretta.. Se infatti non ci fossi tu a ricordarmi ogni giorno quei brutti momenti vivrei molto meglio.. 🙂

    Anche perchè sei proprio di una noia mortale e soprattutto banale come tutti gli altri bugiardo, travisi e ribalti la realtà etc etc.. Un Ivano un po’ più colto insomma..

    Perciò una persona troppo comune per i miei gusti…

    Mentre per il resto la botta di culo è proprio la crisi che limiterà l’attività di molti, quindi degli avversari..

    Infatti i genitori che generalmente sono poco avvezzi a rischiare tutto per qualcosa figli compresi, investiranno sempre meno e quasi sempre male.. E in loro aiuto arriveranno i maestri… A buttarli nel fosso!! ah ah

  106. Madmax

    P.S. Se uno ha fatto la PA di Nicky e ha ricevuto la sua educazione sarà certamente uno dei 499…

    Per gli altri sarà dura ma avranno le loro possibilità..

  107. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Fdc: confermo, Jerry Sienfield e’ esilarante ( da non confondere col Jerry Springer Show …ecco, probabilmente la barriera culturale fra me e Mad Max e’ tutta qui… per me e’ cult il Jerry Sienfield Show, da quello che ci fa vedere e ci racconta qui sul zblog, invece mi sentirei di consigliargli il Jerry Springer Show…

    Anche le ultime citazioni…il te ne deserto di Bertolucci, come che ne so, Professione Rorter o Zabriskie Point, per me sono l’emblema di un cinema che non mi piace…non dico che sia brutto, ma che non mi piace …certo, lo vai a vedere e magari ti senti colto, importante, credi di far bella figura e non puoi parlarne male perche’ sai Bertolucci, Fellini, antognoni, Bergman … Visconti! …no, a me quel genere li’ non piace, e’ proprio quel genere di film li’ che mi fa gridare dentro di me quel che grido’ Villsggio sul capolavoro di Eisenstein, ma capisco che e’ magari un mio limite … siccome pero’ li vedo spesso citati da persone senza cultura ( non mi riferisco adesso a max) che li vanno a vedere dolo per sentirsi piu’ intelligenti e far bella figura quando poi magari alla sera appunto si vedono banfi, boldi e greggio o i film scollacciati degli anni settanta, allora rimango un po’ dubbioso … certo, generalizzare e’ impossibile, certo ci sono film che sfuggono alla generalizzazione, per es Shakespeare in Love, Orgoglio e pregiudixio, Camera con vista e Il discorso del re, che sulla carta potrebbero sembrare mattoni micidiali e che invece risultano piacevoli e anzi, piccoli gioielli … certo, come nella musica, io spazio e divido per generi, non puoi paragonareun western a una commedia, un Last of Mohicans a Frankenstein Jr ( altro capolavoro rimasto ineguagliato …) o un Avatar a un Gone baby gone … Certo, io continuo a insistere e lo faro’ sempre che The Valley of Elah e’ un capolavoro cosi’ come lo e’ La 25 esima ora …ma non ho la pretesa che piacciano a tutti…anzi, ne sarei sorpreso …Pero’ e’ vero che dalle affinita’ elettive ( libri, film, fumetti, musiche) uno seleziona i propri pari, non per giudicarli inferiori ma per invitarli a cena, uscirci insieme, andarci in vacanza…tutto qui…poi, ho avuto amici che non hanno mai letto un libro o visto un film dei miei e magari non si perdevano una puntata dell’Isola dei Famosi … pero’ giocavano a tennis, erano di compagnia, ci si poteva parlare e scherzare…in una piccola comunita’ internazionale, uno di quei micromondi dove ho vissuto io negli ultimi 30 anni, le differenze si azzerano e spesso si e’ allo stesso tavolo con persone agli antipodi per carattere, gusti, idee politiche e filosofiche, comportamenti e modi di fare, e si impara piu’ o meno a convivere pur cercando di non concedere troppo… questi micromondi sono da un lato molto provinciali ma dall’altro hanno il crisma dell’internazionalita’ ed e’ questo che un po’ li salva … E comunque non e’ che se a uno non piace The Valley of Elah gli chiudo la porta in faccia …pero’ se uno rimane indifferente di fronte a un film cosi’, ed e’ un film che molti genitori dovrebbero vedere anche se non e’ un film su genitori e figli, mi dacda pensare…qualcuno di voi poi ricordera’ che l’ho utilizzato un paio di volte come ardita parafrasi o similitudine del nostro essere genitori…nel film di figli che vanno in guerra ancora bambini e dalla guerra tornano per sempre mutati, nella nostrarealta’ di genitori che hanno avviato i bambini ad un agonismo precoce e forse allo stesso tempo non voluto… Ma credi che David avesse paura quando ando’ ad affrontare Goliath?, chiede il bambino alla mamma, una bellissima ( proprio perche’ nel film non si trucca per esserlo) Charlize Theron…e la mamma risponde: credo di si…E il figlio: ma perche’ ce lo hanno mandato? era solo un bambino….

  108. Ciao Stefano,
    qualunque sia la scelta dei figli, a subirne molte delle conseguenze, sono sempre i genitori. Ed a guardarlo con certi occhi, come hai scritto nel tuo ultimo post, il tutto potrebbe anche risolversi nello scegliere/evitare il male peggiore.
    Immagino che la strada che hai seguito tu nella tua vita e nella tua carriera non corrisponda, o meglio corrisponda solo in parte, a quella che la tua famiglia aveva immaginato e/o sperato per te. Non mi sembra che ti sia andata male e che neppure tuo figlio possa lamentarsi. Alla fine, tirando tutte le somme, la cosa importante è essere felici e stare bene con se stessi. Agassi sarà pure diventato un campione, ma, per sua stessa ammissione, non è il tennis che ne ha fatto una persona felice.

  109. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    mad max, mi sembri molto insicuro, anche sulle date, ma continui a glissare sull’infortunio di tua figlia, come mai? mica che sia colpa tua l’infortunio, e’ colpa tua aver proclamato ai 4 venti che lei non si sarebbe MAI potuta infortunare …un’altra delle tante cavolate che hai detto, non le diciamo solo noi, fidati …

  110. pibla

    Sì, Grazia, ho capito hai snoccialato metà della filmografia mondiale e non sei stato a bono a cità né la Grande Guerra di Monicelli, né C’era una volta in America di Leone, ne saprai anche un casino ma per me sei un pò dispersivo….

    Se poi mi vuoi convincere che un Mercoledì da leoni e Qualcosa di travolgente sono meglio dei due film di cui sopra…..va bene…continuiamo così…facciamoci del male…

  111. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Fdc, certamente, condivido in toto, ma siccome questo e’ un blog di tennis, mi assumonle responsabilita’ di chi ci ha provato e ha clamorosamente fallito … poi, the show must go on e soprattutto la vita, figuriamoci …io ho cercato solo di avvertire gli altri, e vedo che per es Nicoxia solo ora comincia ad afferrare il senso delle mie parole come io, intendiamoci, a volte non ho capito il suo …ci son stati dei momenti in cui Nicoxia mi ha fatto arrabbiare, per modo di dire, piu’ di max ma forse proprio perche’ non riuscivo ad aprirgli gli occhi…ma ho sempre rispettato uno che di notte fa il taxista per permettere ai suoi figli di continuare a volare e sognare…Pero’ volevo fargli capire che a volte anche se fai tutte le cose giuste, e non e’ stato il mio caso, i figli a un certo punto ti tradiranno…per poi tornare magari a te, ma ahime’, per certe cose sara’ troppo tardi…e il tennis e’ una di queste…
    Pero’ arrivando al massimo a 170, forse e’ davvero meglio cosi’, non credi?

  112. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    Ma … anche i vostri figli/ e ( a 13-14 anni) si depilano completamente le parti intime?Da quando e’ iniziato questo trend?

  113. Madmax

    Stefano..

    Questo accade solo perchè non leggi o fai finta di non farlo..

    Di Alessia ho già spiegato tutto più di una volta e ultimamente anche in due post di risposta a Mauro e Nico..

    Alessia sono ormai quasi due mesi che ha ripreso gli allenamenti e sabato partirà per stare per cinque gg a Tirrenia..

    Ritorno al massimo della forma fisica previsto per la metà/fine dicembre mentre al top per le competizioni dovrebbe tornarci intorno alla metà gennaio dopo aver ripreso contatto con i tornei, visto che l’ultimo l’ha giocato a metà agosto..

    In questo periodo abbiamo lavorato e migliorato molto il servizio, il gioco di volo (e le variazioni in generale), il back, il dritto ed il rovescio.. Adesso abbiamo cominciato a lavorare per sentirsi a proprio agio e a giocare meglio dentro il campo…

  114. rikys

    pibla…. ti quoto al 100% riguardo i due film da te citati, C’era una volta in America per me rimane inarrivabile (tipo il Federer contro Nadal dell’altra sera, così magari rimaniamo un po in tema tennistico)

  115. Madmax

    Riguardo poi all’infortunio (e non solo ma questo ormai lo sanno tutti) tu non sei per nulla normale..

    Ovviamente io ho sempre detto che mia figlia non avrà mai problemi fisici legati o al non aver fatto un corretto sviluppo motorio o al sovraccarico e/o lavoro non corretto..

    Ma sin dal primo giorno ho sempre detto che chi vuol provare a diventare un pro deve sapere che tutti i gg si può far male per il semplice motivo che la macchina deve essere sempre tirata al limite.. come andando avanti i ragazzi dovranno essere in grado di convivere con dolorini di ogni genere..

    Di conseguenza tutto normale e tutto nella regola infatti mia figlia gioca a tennis da 8 anni si allena 5/6 ore al giorno da quasi 5 anni e si è infortunata solo due volte..

    E due cagate tra l’altro..

  116. pibla

    …e poi, anche se questo è decisamente più soggettivo, I soliti sospetti, dopo averlo visto non riuscii a smettere di pensarci per non so quante ore…

    Stefano, a parte gli scherzi, l’hai mai visto “La canzone di Carla” di Ken Loach, me lo ricordo come un piccolo gioiellino.

  117. Madmax

    Per quanto riguarda il depilarsi penso che anche questa sia una delle cose che contraddistingue le nostre famiglie..

    Infatti questo trend esiste solo a casa vostra!!!

    Alessia ha cominciato quest’anno a depilarsi le ascelle e da oggi ha cominciato con la parte delle gambe che va dal ginocchio in giù..

  118. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    pibla, no, non sono meglio…ma piacciono di piu’ a me, che e’ diverso …Nessuno dei due in effetti entra probabilmente nei miei top 100, ma non ho mai detto che sono brutti film, anzi … Pero’ con quel Grazia buttato la’ quasi dispregiativo cosa mi vuoi dire, che preferisci rambo, rocky e la Ubalda tutta nuda e tutta calda del D’auria? scherzi a parte, citare i classici italiani e’ un clichet a cui io, forse colpevolmente, tendo a sottrarmi ma non per eccesso di snobbismo ma proprio perche’ dei grandi della Commedia zitaliana non vado matto …ho fatto rivedere l’Armata Brancaleone a mio figlio ma l’ho trovato invecchiato, piaceva piu’ a lui che a me… Non mi dispiacciono i film storici di Magni ( soprattutto Scipione detto anche l’africano) e ricordo che mi piacquero abbastanza C’eravamo tanto amati e per esempio Speriamo che sia femmina…ma se devo scegliere un film, di quella stagione, allora rimango su Il Sorpasso …poi mi ricordo qualche film di Gassman tipo La Congiuntura ma li ho visti 30-40 anni fa, bisognerebbe rivederli e non ne ho nemmeno troppa voglia…invece se devo scegliere un film di Sordi e Manfredi allora scelgo Riusciranno i nostri eroi, quello si un capolavoro nel suo genere… Oh, comunque, possiamo stare a parlarne fino a sera, ma citare l’ovvio o i classici non fa per me…io cerco sempre di citare il film che e’ nel mio personalissimo cartellino, non il film che e’ un grande film per tutti … io trovo un certo gusto a scoprire un film che piace soprattutto a me, per motivi a volte imperscrutabili, un po’ come quando tifi Agassi invece che Sampras o murray invece che Nadal …Che io giudichi MALE le persone in base ai film e’ una estrapolazione di mad max: certo, se lui all’inizio mi tira fuori come i suoi preferiti rambo e rocky e indiana jones ( che mi son visto tutti anch’io, per carita’) e me li mette in cima alla sua classifica, mi lascia un po’ li’… se poi spara a zero su athe Wire e The Valley of Elah ( che bada bene, e’ un piccolo film, mica un filmone, ma proprio per questo a me piace…) e ci contrappone l’Ubalda, vabbe’, allora dove siamo? in un film di Alberto Sordi? ( per farti il verso concludendo anch’io con una citazione di Nanni Moretti che evidentemente i film di Sordi poi non li amava molto neanche lui…)

  119. Madmax

    E meno male che qualcuno è finalmente intervenuto, perchè vedo che molti non scrivono per paura di sentirsi inferiori per una diversa idea riguardo alla filmografia..

    No no è lui che è un malato di mente… 🙂

    Ma poi basta leggere tutte le paranoie che ha pensa se uno può andare a vedere un film per far credere di essere colto.. ah ah

    Io penso che uno vada a vedere un film sperando che gli piaccia..

    O a volte come ho fatto io per far contenta la propria donna… E meno male che in quel caso ho avuto culo e il film non mi è dispiaciuto perchè un altra volta mi ha portato a vedere Rain Man e mi beccato alla fine del primo tempo che russavo!!

  120. Gio

    x Stefano
    ora proverò anche la Valle di Elah, spero che non sia come “La Strada” che tu e Maurizio avete più volte consigliato….bello…ma di un triste…in questo preferisco le scelte di Max eccheccavolo già si patisce a bordo campo almeno tirarsi su il morale con un film 🙂

    Per quanto riguarda il tuo sondaggio sulla depilazione , mio figlio credo non ne abbia neanche sentito parlare e noi come lui… forse siamo noi un po’ fuori dalle mode !

    Meglio in questo caso !!!

  121. Stefano "il mediconzolo della mutua" Grazia

    no, max, e’ un trend che esiste all’estero, fra i ragazzi evidentemente anglosassoni e americani…la cosa ha sorpreso anche me, non mi ha scandalizzato, ma mi ha sorpreso … secondo Nicholas TUTTI ma proprio TUTTI si depilano …perche’ nessuno ( di entrambi i sessi) vorrebbe mai andare con un altro che non sia depilato/a… ho evitato, saggiamente, di approfondire, diciamo che sono forse tutti figli di Beckham e delle top model … comunque se fossi in voi…controllerei! :)!

  122. Stefano,
    a prescindere da quello che può essere il successo o meno dei figli nel tennis penso che lo scopo condiviso di tutti i genitori sia quello di avere figli sani, felici e realizzati nelle proprie aspettative. Mi è capitato di allenare dei ragazzi che hanno capito durante il percorso che il tennis non è una loro priorità. E doloroso che possa essere per un genitore, credimi, prima viene fuori e meglio è. Può anche succedere, ed ho anche alcuni di questi ragazzi, che pur sapendo di avere tante limitazioni tecniche, fisiche, di risultati, nonostante tutto continuano a dare anima e corpo nel tennis. Lo fanno perchè il loro obiettivo è comunque di rimanere nell’ambito di questo sport; alcuni diventeranno maestri, altri si iscriveranno alla facoltà di scienze motorie etc. Gli costa tanto sacrificio ed anche se cominciano ad essere consapevoli che i sogni di gloria giocano contro le reali percentuali di riuscita, la passione continua a fare da propellente. Ed io non mi sento di biasimarli Stefano. In fondo fanno quello che gli piace e conducono una vita sana ed un ambiente pulito. C’è parecchio peggio in giro…….. E non faccio altro che raccomandare ai maestri con cui collaboro, ai giocatori ed ai loro genitori di parlare, di comunicare, di confrontarsi il più posssibile perchè ci sia chiarezza su obiettivi e percorsi. Il processo di maturazione, di responabilizzazione e di scelta dei ragazzi avviene in tempi, modi e circostanze diverse ed è fondamentale che la comunicazione e lo scambio sia continuo.

  123. Stefano Grazia

    The usual suspect, confermo, un gioellino, come anche Seven…pero’ vedi, a me torna piu’ la voglia di vedere questi film piuttosto che i film italiani e non degli anni 50-60…per esempio anche Hitckhok mi lascia relativamente freddo…Invece Quarto Potere di Orson Welles rimane bellissimo anche ad anni di distanza…ma avrei voglia di riguardarmelo stasera? forse no…The usual suspect? forse si …Diciamo che sono pochi i film che reggono alla distanza …la canzone di Carla non l’ho visto …invece ho visto Carlito songs :), di Brian De Palma ed e’ un altro dei film che ho voluto avere nella mia videoteca…ecco, diciamo cosi’: se a me un film piace molto, poi lo voglio comprare.. Comunque, fate un po’ quel che volete…mi son rotto di rompervi i coglioni! 🙂

  124. Stefano Grazia

    Carlito’s song, scusate…

    Si, FdC, concordo …

    No, gio, non concordo …pero’ che La Strada fosse un film terribile e desolante uno magari se lo aspetta anche … ma non mi pare fossi io a consigliarlo, era Trophy…io al massimo avro’ detto che era molto bello, ma certo terribile…

  125. Stefano Grazia

    ohi, non ho mica detto che non la considero una cosa cretina …dico solo che non mi sono scandalizzato visto che quasi tutti i coetanei di Nicholas, inclusi quelli italiani, hanno gia’ provato le canne, suppongo che il depilarsi le parti intime sia meno preoccupante … secondo me fra due, tre anni vi ricorderete di questo post e vi ricorderete di averlo sentito per la prima volta qui, su questo blog! :)!

  126. pibla

    Beh, parliamoci chiaro, la depilazione intima femminile l’è una gran cosa….anche solo per questo varrebbe la pena aver vent’anni meno, ai miei tempi non usava per niente….sigh…sob…

    Il fatto che invece la facciano anche i maschi…che dire…mi lascia un pò così…

    Vabbè, ma torniamo al tennis, a mio avviso il Federer-Nadal di livello più alto e spettacolare è stato quello della finale di Roma 2006, decisamente di più anche delle finali di Wimbledon, anche di quella incredibile che finì a notte fonda ma che per i primi due set era stata un pò così…

    A Roma invece se le dettero di santa ragione dal primo all’ultimo punto.

    Un giorno qualcuno farà una seria riflessione sulla scelta di Federer di passare circa tre anni senza coach dopo aver abbandonato Roche, giocando i match con Rafa inchiodato a fondo campo a fare a pallate con lo spagnolo…

    Sappiate che non è assolutamente un caso che da quando ha trovato Annacone sia tornato a giocare così bene, gioca meglio quest’anno, che sta iniziando a declinare fisicamente, che 2-3 anni fa….mannaggia a te Rogerino bello….

  127. atti

    Max, ho la testa che mi gira …@”£$%& …per tutti i film che avete sparato….
    Siete voi 2 che vi siete prestati al gioco (per compiacere alla vs. vanità ?) dell’intervista doppia…per cui…mal che vuole…

    Scherzi a parte,
    faccio un eccezione solo per la Valle dell’Elah, che anche a me era piaciuto (rispetto alle aspettative prima della visione)… ma come tanti altri film e generi…e di solito preferisco i film storici e/o d’azione e/o i trhiller…
    Dipende molto dal momento, dall’età…e dalla compagnia !!!!
    Un film a me deve trasmettere un emozione, sorriso, tensione, suspence…l’importante è che compia il suo dovere rispetto alla trama e al genere….e che piaccia a me… il resto.. e noia!
    Per esempio tanto per banalizzare, Commando che è un filmetto con A. Schwarzenegger degli anni ‘80 lo ricordo e certe scene mi divertono ancora…ma appunto è soggettivo…
    Citare i film piu’ famosi è altrettanto scontato…piu’ difficile fare una selezione fra i film di fascia e di audience media, e motivarne il perché…

    Invece, consiglio a chi ha figli di vedere Trust… un film che sta passando in questi giorni su Sky…
    Un altro tassello per capire come puo’ cambiare in fretta la vita (nell’era di Internet) nelle famiglie…”normali”.

  128. pibla

    Per Stefano ed Atti

    sono d’accordissimo con voi, ma infatti a me La Grande Guerra e C’era una volta in America mi hanno emozionato e divertito tantissimo, sennò col cavolo che li eleggo a film preferiti, come dite voi, citare tanto per citare è davvero ridicolo….ma allora per quello ci sarebbe la filmografia completa di Bergman, Rohmer e compgnia bella….e sai che due palle…

  129. Madmax

    Proprio così Atti, un film deve darti quello che cerchi e per finire deve soprattutto piacere a te..

    Ed io non ho nessuna preclusione, mi pace Giovannona Coscialunga, L’ultimo Imperatore ed il Tè nel Deserto, uno con gli amici l’altro da solo e l’ultimo con la fidanzata..

    Il tutto senza stare tanto a menarsela e a tirarsela..

    Mi sembra proprio di avere a che fare con i classici snob radical chic che più di ogni altro non posso sopportare..

    Tutto sommato capisco di più il poveraccio che non se lo può permettere e che allora dice di preferire una vacanza alternativa rispetto all’andare in Sardegna magari a bordo di un 40 metri..

  130. Giorgio il mitico

    x Pibla

    Federer nel 2009 ha avuto la mononucleosi, non aggingo altro.

    x Fed. Di Carlo n.97

    i soldi sono pochi, ma la Fit potrebbe avere secondo me più introiti pubblicitari, che si dovrebbero destinare ai circoli con giovani promesse, non vado oltre, ne ho già scritto altre volte in modo più dettagliato. Comunque un’organizzazione per funzionare bene deve essere flessibile e non comportarsi in modo quasi “dogmatico”. Di sicuro molto si fa, ma altro e pure meglio si potrebbe fare per tutti.

    x Pulsatilla

    Anche io sono un dilettante (sul piano della tecnica tennistica) però credo che approfondimenti sul blog siano difficilissimi, molto meglio organizzare un convegno con tecnici per affrontare certe problematiche. Anche io penso che i genitori spesso sono visti come semplici pagatori, però a scusante di tanti maestri dobbiamo avere l’onestà intellettuale di capire che i circoli devono fare cassa per fronteggiare le spese ed il metodo più semplice è avere tanti allievi SAT.
    E’ ovvio che il numero eccessivo porta poi ad un livello di insegnamento più basso, insomma il genitore deve stare sempre attentissimo a quello che si fa in campo e se capisce qualcosa di tennis bene , altrimenti si porti qualche amico ex giocatore o tecnico che osservi e valuti come procede la “crescita tennistica” del figlio-a.
    Un piccolo suggerimento a tutti : si contatta un tecnico (che risieda il più lontano possibile) e si fa giocare il figliolo con lui; alla fine il nostro consulente ci deve dire cosa va e cosa non va nel percorso tennistico del ragazzino in esame.

    So bene che mi direte che più il tecnico è di alto livello e meglio è e che di tecnici bravi ce ne sono pochi, però , io che ho un certo senso pratico, credo che come dice il proverbio : “Quattro occhi ci vedono meglio di due” e poi non è detto che non si incroci uno bravo.
    Quindi ti do questo consiglio.

    Un punto debole di molte discussioni è che spesso emerge un modo di vedere i tecnici divisi in due categorie : i fuoriclasse da 10 e lode ed i somari da 2; questa suddivisione è alquanto manichea, penso che ci siano quelli da 10, da 9, da 8, da 7, da 6, da 5 e così via.

    All’interno di questo schema di valutazione ce n’è un altro : un tecnico da 6 si impegna al massimo di quelle che sono le sue capacità in momento e studia per migliorare, viceversa un tecnico da 8 batte la fiacca e quando fa lezione pensa poco all’allievo che ha di fronte e si impegna poco; domanda : da chi vorresti fosse allenato tuo figlio ? (è vietatissima la risposta “dal tecnico da 8 che si impegna al massimo”, è troppo facile !).

    Quindi oltre che ad una classifica scalare esiste pure una classifica dei tecnici di tipo “trasversale”, è evidentissimo.

  131. Stefano Grazia

    Bravo, Pibla, hai colto il punto che mad max non aveva colto e che la mia lista e’ la lista dei ‘miei’ film preferiti, non necessariamente dei piu’ belli e neanche dei vostri … un amico o un conoscente mi cita un film, io conosco lui, i suoi gusti ,il suo kodo di vedere e pensare…e decido poi se mi posso fidare …io magari mi documento anche per conto mio oppure, leggendo libri e riviste di settore, e’ molto probabile che conosca il regista…di solito io guardo spesso lo sceneggiatore ( una volta nel cinema americano anni 70 un film sceneggiato da William Goldman era una garanzia ( il maratoneta, butch cassidy, the princess bride, tutti gli uomini del presidente …) come adesso una commedia di Richard Curtis ( 4 matrimoni e un funerale, notting hill, love actually) … poi ci sono i registi: michael mann, james cameron, ron howard, haggis, peter berg …piu’ di scorsese e spielberg o coppola, in un certo senso…perche’ e’ ovvio che mi vado a vedere scorsese e spielberg ma a volte sono film che mi entusiasmano meno perche’… perche’ magari non riesco a immedesimarmi in uno dei protagonisti … Per esempio, in zlegend of the Falls io mi identificavo nel ribelle, inaffidabile Brad Pitt e il mio amico Stefano Della Villa nel solido e corretto e rispettoso Aidan Quinn…
    E abbiamo lasciato fuori i cartoons!!!

    allora, e non sono certo film che metto fra i miei top 20 o top100, ma sono film che dovreste vedere da genitori e sono tutti in un certo senso terrificanti:
    vabbe’, il vecchissimo Cristiane F e lo zoo di Berlino
    Kids
    13
    e Alpha dog …
    Per chi crede che i propri figli siano degli angioletti …ora anch’io quando li ho visti, e kids e 13 sono di parecchi anni fa, ho sempre creduto che raffigurassero realta’ lontane dalle nostre e tutt’al piu’ americane … sentendo certi racconti di mio viglio ma anche di altri genitori, italiani, e cercando di carpire qua e la’ storie piu’ o meno confidenziali, be’…non ne sono piu’ cosi’ sicuro… non dico che tutti i nostri figli siano cosi’ ma dico che tutti i nostri figli vengono comunque a contatto con figli cosi’, che lo crediate o no, piu’ di quanto voi stessi possiate immaginarvi … ed e’ una corsa contro il tempo e contro il diavolo, un viaggio al centro della notte, e chi la attraversa indenne a volte e’ solo perche’ e’ stato fortunato, checche’ ne pensino alcuni … Poi, ve lo concedo, magari qui o in Florida, in america, e’ davvero diverso, ma da quel che mi racconta mio figlio dei suoi amici italiani che un tempo erano stati alle elementari con lui in nigeria o in angola, non mi sembra poi cosi’ tanto …Quindi, vigilate e toccatevi i maroni perche’ non e’ detto che se siete stati genitori perfetti per forza non vi tocchi, che queste cose succedono solo agli altri… E non parlo di depilarsi le pubenda …

  132. Stefano Grazia

    Giorgio il mitico: quel che dici a Pulsatilla e’ stato alla base del mio modo di vedere, Il Genitore Assemblatore, io lo chiamavo…poi spettava al Genitore mettere in pratica giornalmente quello che aveva imparato dai vari coaches…perche’ solo il Genitore aveva tempo, voglia e Dedizione per poter stare col figlio tutto il tempo necessario, durante la settimana e nei week ends…ah, bei tempi!
    Basta, chiudo per un po’, vi ho nauseato abbastanza…pausa di riflessione!

  133. pibla

    Caro mitico,

    purtroppo la mononucleosi non basta a spiegare una certa miopia tattica del mio (nostro) campione, almeno a mio avvis.

    Poi certo c’è stata anche la mono, non in forma gravissima come per altri, ma di certo debilitante anche per lui.

    Sono convinto che avesse trovato un Annacone nella primavera del 2007 avrebbe almeno un paio di Slam in più nel carniere…ma si sa, coi se e coi ma….

    Saluti.

  134. Stefano Grazia

    un ultima, ultimissima cosa: io non vado al cinema o guardo un dvd ( o leggo un libro o un fumetto) per far colpo ma perche’ mi piace, piace a me, e mi piace anche parlarne e sentirne parlare… io sono uno di quelli che vengono conquistati dalla magia di un film e dal suo processo di costruzione…tanto e’ vero che spesso mi leggo sceneggiature, biografie di registi o attori famosi come brando, mcqueen, etc, ma sono piu’ attirato dai registi come bio, e proprio libri SUL cinema … allo stesso modo il fumetto, un certo tipo di fumetto…e infine i libri…a me piacciono…che ci posso fare? e’ una colpa? ok, mirate al petto, risparmiate il volto …magari sara’ perche’ mi sentivo in colpa che allo stesso modo ho amato moltissimo lo sport ( e soprattutto … praticarlo…) …chi ci ha rimesso mi sa che, presa in mezzo fra queste due cose improrogabili e imprescindibili, sia stata la Medicina …
    … ma alla fine non mi e’ andata male lo stesso, come tipo di vita e come qualita’ e quindi, chi sono io per lamentarmi? ma devo aver peccato di hubrys perche’ dio mi puni’ facendomi incontrare Mad Max su un blog di tennis … …

  135. Madmax

    Ciao Monet..

    A proposito di tennis è già cominciato il lavoro con Perlas?? E se si ci sono molte differenze con i cach avuti in precedenza??

    Ecco questo potrebbe servire anche per capire se tra i vari coach esistono davvero differenze importanti..

    Sai è meglio che mi porti avanti pensando un giorno o l’altro di venire licenziato!! 🙂

  136. pulsatilla

    Giorgio il mitico,

    nel primo blog, ora un po’ meno, c’era la possibilità di interagire con maestri, preparatori atletici, giornalisti sportivi e personaggi indubbiamente molto competenti come Commentucci.
    L’approfondimento era possibile. Se non riusciva, comunque c’era uno scambio di opinioni di un certo livello dal quale il genitore inesperto poteva trarre elementi di rifessione.
    Ora siamo agi insulti e alle minacce verbali. Se non la pensi come me ti prendo a calci in culo, tua moglie è un cesso e perle similari…
    Anche Monet è basito e non scrive più.

    A proposito dei maestri concordo con te, ce ne sono di tutti i tipi e io ne ho conosciuto tanti. Per la maggior parte sono come li descrive Max, mi dispiace, non posso che dargli ragione. Ce ne sono di incompetenti, di frustrati, di improvvisati, di posticci, di lavativi, di falsi, di assatanati per i soldi, di montati etc…Accanto a questa moltitudine ci sono quelli bravini e, in ultimo quelli bravi, che sono pochi, veramente pochi. Fra questi pochi bravi bisogna poi trovare quello che lavora non solo per denaro e che lavora veramente, senza fare finta e che è fortemente motivato.
    Tu coi numeri sei più bravo di me, capirai al volo che il cerchio si stringe molto.
    Se ci fosse Muziek (non compare più, inorridito anche lui?) ci farebbe un’analisi statistica della difficoltà di incontro di un giovane dotato nel tennis e un maestro come si deve.

  137. Madmax

    Molto competenti come Commentucci..

    Ecco se è questo che ci siano persi non mi sembra una grandissima perdita.. Parlo a livello stretttamente tecnico.. Per il resto manca ma il fatto che non sta più scrivendo non dipende certo da me ma alcontrario ciò è dovuto a sue uscite fatte su Ubi che se non ricordo male gli hanno creato delle problematiche.

    Ma se è per questo speriamo di perdere presto anche gli altri pseudo tecnici che dicono solo minchiate e che mettono dubbi ai genitori che al contrario avrebbero bisogno di certezze incrollabili..

  138. Madmax

    Per quanto riguarda il maestro bravo scordatelo perchè non esiste in quanto bravo e basta non serve e che si dedica interamente agli agonisti non ne esistono di bravi perchè dal momento che vengono considerati bravi vengono reclutati dai circoli migliori.. Di conseguenza in giro rimangono gli scappati di casa che non riescono ad entrare nel circolo….vizioso..

    Per trovare un maestro bravo (e anche qui potremmo discuterne per ore) si deve passare ai coach: costo dell’operazione dai 3.5-4 mila euro al mese e oltre..

    In questo scenario hanno trovato il loro motivo di esistere le Accademie che di fatto sono come Wanna Marchi, perchè ti fanno credere che sei sistemato come con un coach privato spendendo poco più che in un circolo.. Alla fine a seconda delle situazioni ti trovi o un po’peggio o alloostesso livello o leggermente meglio che al circolo con il grosso problema che a parte pochi fortunati che si trovano ad abitarci per caso vicino, ti tocca come minimo fare centinaia di km al giorno per raggiungerle oppure ti ci devi trasferire vicino o almeno lo deve fare tuo figlio se ha l’età per poterlo fare..

    Possibilità di riuscita, prossima allo zero..

  139. Madmax

    Ma quali insulti, io mi sono limitato a fargli solo complimenti..

    Ad insultarsi ci ha pensato da solo… 🙂

    Allora prima ha detto che Castellani non capisce nulla, oggi invece siamo passati al fatto che Piatti e i coach in generale non sono così tanto bravi..

    Eh vabbè, Stefano avrà fatto del male a qualcuno e gli è toccato incontrare Max, ma io senza saperlo devo avere trucidato una scolaresca intera per meritarmi un menteccatto del genere..

  140. Madmax

    Secondo me non c’era nulla che non potesse rimanere pubblicato, nemmeno i posts del Mago a dir la verità..

  141. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Ho cancellato i commenti tra Ivano e Max.. non perché ci sia niente di gravissimo.. Ma perché diventa noioso per tutti.. Abbiamo capito benissimo le vostre idee.. Ora basta, vi prego! Non è per i contenuti, ripeto.. Ma la discussione è NOIOSA! Per questo li ho cancellati. E’ il sito che gestisco e ritengo che siano commenti che bloccano la discussione tra tutti.. Ignoratevi, se potete, per favore, oppure scrivetevi, chiamatevi.. fate vobis! Ma basta infognare il blog.. e non dico che il tenore dei commenti fosse esagerato, ci può stare anche.. ma basta tra voi due e basta scrivere sempre le stesse cose. Non andrete mai d’accordo, ma non per questo dovete monopolizzare il sito. Tutto qui. Stop

  142. ivano

    Noooooooo………sei bugiardooooooooo……
    Castellani ?????? Piatti ??????
    Non dire bugieeeeeee…….
    Su castellani ho detto che se avesse dato ragione al post che aveva pubblicato quel giorno Gerbino gli avrei dato del buffone pure a lui…….
    Piatti te l’ho accostato a te e catizone perchè dici sempre che è lui il tuo mentore

  143. ivano

    Ale
    Hai ragione !!!!!
    Gradirei soltanto non essere chiamato in causa con insulti ed io il sito lo avevo bello e lasciato…..

  144. Madmax

    Appunto ma di fatto se hai letto bene Castellani ci da ragione.. 🙂

    E Piatti lo reputo appunto molto bravo e tu dici che non farebbe meglio…

    Qui carta canta se poi vuoi stravolgere anche questi contenuti allora ha ragione Ale ed è meglio bannarti proprio..

  145. Madmax

    Però mentre Ale si annoia io a leggerti mi diverto un mondo, anche perchè poi fai pubblicità ai maestri…

  146. genny

    @ Madmax
    A proposito degli infortuni di tua figlia scrivi:

    “tutto nella regola infatti mia figlia gioca a tennis da 8 anni si allena 5/6 ore al giorno da quasi 5 anni e si è infortunata solo due volte..
    E due cagate tra l’altro..”

    Non so’ quanto tempo c’è voluto perchè Alessia recuperasse in occasione del primo infortunio ma, se per recuperare in occasione del secondo ci sono voluti più di 2 mesi, la tua frase “E due cagate tra l’altro..” sarebbe stato più corretto invertire l’ordine delle parole, e scriverla così: “altro che due cag..e!”. Perchè altrimenti, quando un atleta subisce un infortunio “importante”, quanto cacchio deve rimanere fermo prima di recuperare? E non dimentichiamoci che quì parliamo di una ragazzina di 14 anni nel pieno della crescita!
    Comunque la leggenda metropolitana (la malelingua di turno) attribuisce questo infortunio (cartilagini del ginocchio?) non alla preparazione atletica, che al contrario è stata programmata correttamente da Catizzone, ma al superlavoro che il padre-coach impone alla ragazza, compresa la serie di saltelli che, per punizione, deve eseguire ogni qualvolta “sbaglia” qualcosa. Spero che quel che si dice sia veramente una leggenda metropolitana perchè, se così non fosse, sarebbe pura follia!

    @ Napalmdeath
    Ancora non hai capito con chi hai a che fare, altrimenti avresti prestato più attenzione alla frase che ti ha indirizzato Madmax:

    “Quando io avevo la tua età per andare in giro noleggiavo spesso l’aereo a Lugano, vedi tu..”

    E’ una battaglia persa con gente che vola così in alto, fatti una ragione! Altrimenti tra poco lo costringerai a confessarti che è stato pilota di aerei o, addirittura che è stato insegnante in una “scuola guida” per piloti di jet supersonici.
    Ti prego, smettila e risparmiaci tutto questo ……

  147. ivano

    A leggermi perlomeno impari qualcosa….
    E questo ormai lo hai capito !!!!!!
    Io al contrario a leggerti imparo zero e m’incazzo….. 🙂 🙂 🙂

  148. napalmdeath

    per genny…
    un pò d anni fa avevo una ragazza con il tuo nome…sono retrocesso di classifica!!! vabbè altri tempi…
    madmax..
    giri il mondo…belle fighe…prendevi l’aereo come il taxi…
    guarda che fine che hai fatto allora..a scrivere 20 post al giorno sul blog..e non dire che sei miliardario e che non hai bisogno di lavorare…perchè altrimenti anche se hai tutti i soldi del mondo rimani uno sfigato…fatti una vita sociale!!! ne gioveranno tua moglie e tua figlia…

  149. Madmax

    Genny..

    Ah ah ma chi le ha dette ste cose??? ah ah

    Cartilagini al ginocchio??

    In realtà lo avevo scritto tempo fa e sono state tre o quattro cose insieme e che più che a una leggera infiammazione non avevano portato (con tanto di risonanza magnetica a supporto)..

    Di tutte le motivazioni però alla fine è solo uno che creava di fatto il problema: un leggero piattismo (primo grado)…

    All’introduzione del plantare (più vari accorgimenti in fase di preparazione atletica), il problema è scomparso.. Se l’avessimo preso in considerazione prima, in una decina di giorni tutto si sarebbe risolto, ma poichè era un po’ che si allenava sul veloce per i CI si pensava che il prblema fosse quello, anche perchè qualche mese primadopo un po’ di allenamenti sul veloce aveva avuto la Osgood Schlatter..

    P.S. E se una serie di saltelli (che non siano il saltar giù dal primo piano di un caseggiato) creassero un infortunio sarebbe meglio che l’atleta in questione smettesse all’istante di fare sport..

    Napal..

    Ma io la vita sociale ce l’ho eccome, però mi resta lo stesso tanto tempo libero.. Che ognuno impiega come meglio crede..

  150. Madmax

    E cmq è grandioso vedere come i maestri si sbattano… davvero meraviglioso..

    E non parliamo di alcuni genitori…. sublime..

  151. Madmax

    Ivano..

    Tu ti arrabbi perchè non capisci e dato che quando parli vieni sempre colto in castagna non sai più che dire anche perchè tutte le volte rischi di peggiorare la situazione..

    Mi rendo conto che non sia facile.. Ma io il consiglio giusto te l’ho dato fin dal primo giorno che hai cominciato a scrivere: di smettere all’istante di farlo!! ah ah

  152. Madmax

    Però non psso trattenermi non sarei MAx..

    Geeny tra l’altro scrive:

    “Comunque la leggenda metropolitana (la malelingua di turno) attribuisce questo infortunio (cartilagini del ginocchio?) non alla preparazione atletica, che al contrario è stata programmata correttamente da Catizzone, ma al superlavoro che il padre-coach impone alla ragazza”

    Allora il programma lo conosciamo in quattro, come fa qualcun altro a sapere se il programma era corretto?? Ah già dimenticavo, qui spesso si suppone.. (ed io non sto assolutamente dicendo il contrario, ma cerco di capire come si arriva a certe affermazioni)

    Dopo di che io la sottoporrei a super lavoro..

    Visto che in campo ci sta per tre ore (assolutamente in media con le migliori d’Europa anzi spesso al di sotto), immagino che per super lavoro si intenda la PA e allora sarebbe una contraddizione dire che il programma è corretto..

    Tra l’altro anche in campo esattamente cosa si fa lo sappiamo in due… E Alessia non è Genny 🙂

    Veramente da sbellicarsi dalle risate.. Ma la notte non dormite per riuscire a scrivere tante fesserie tutte insieme oppure ci riuscite così di getto??

    Ed è una assoluta perdita di tempo per un motivo semplicissimo e cioè che voi inventate ed io dico nel bene e nel male le cose come stanno.. Sempre e comunque…

    Anche perchè sapendole sono troppo avvantaggiato..

  153. Madmax

    Ovviamente la realtà delle cose è che il programma di lavoro è corretto in tutti gli ambiti e che come ho scritto oggi quando ci si allena seriamente l’infortunio è una cosa normalissima… E due in 8 anni un colpo di culo pazzesco..

  154. nicoxia

    Dicono che i figli sono lo specchio dei genitori,quindi il nostro modo d’essere è molto importante.L’autostima per un tennista è fondamentale,ma fare lo sborone ed ostentare non è autostima ma presunzione e arroganza.Tempo fa un artiere del mio allenatore di cavalli,facendo appunto lo sborone arrogante si vantava nell’ambiente di allenare un mio cavallo che vinceva spesso,effettivamente era lui che lo portava fuori e gli faceva i lavori,ma la metodologia era quella dell’allenatore che infatti risultava scritto come allenatore ufficiale nel libretto delle corse,ed era riconosciuto nell’ambiente,quando il rapporto finì,natualmente per l’artiere era lui che se ne era andato,rimase a bazzicare un po nel tentativo di riciclarsi,ma poi cambiò lavoro,il mio cavallo ha continuato a vincere e l’allenatore ancora oggi allena i miei cavalli.
    Abbiamo sempre detto che un bravo coach non può aver allenato un solo tennista altrimenti potebbe essere stato fortunato nel trovare l’alievo dotato,ma se il coach è valido finito un allievo sicuramente non ha difficoltà a trovarne un’altro perchè sapendo di essere bravo farà valer la sua eperienza e continuerà a guadagnare fior di soldi.
    Ho colleghi della notte che hanno relazioni con modelle e spesso le cambiano,vi garantisco che è possibile, come è di facile intuizione,io non li giudico,ma questo è il loro modo d’essere e questo trasmetteranno, la vita è bella perchè variopinta,accettare l’altro e relazionarsi civilmente è una crescita a prescindere.

  155. Nikolik

    Ma insomma!
    Leggo sul sito della Federtennis una notizia molto importante!
    Ma la volete dare anche qua su questo sito o no?
    Ma che strano, nonostante sia uscita da ore, nemmeno sul sito Ubitennis viene mostrata questa notizia…
    Che peccato, quel sito, Ubitennis, di solito è così tempestivo nel dare notizie…

  156. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Nikolik
    Parli della ragazze a Tirrenia? L’abbiamo detto un mese fa in trasmissione!

  157. monet

    parla di questo,
    INCHIESTA MOBBING SPORTIVO
    La Procura di Cagliari ha chiesto l’archiviazione
    per il Presidente della FIT Angelo Binaghi

    Il PM Giangiacomo Pilia ha chiesto al GIP l’archiviazione dell’inchiesta giudiziaria sul presunto caso di mobbing sportivo nell’ambito della quale il Presidente della FIT Angelo Binaghi era stato ascoltato lo scorso mese di luglio presso la Procura della Repubblica di Cagliari. Ne dà notizia questa mattina il quotidiano “L’Unione Sarda”. Chiesta l’archiviazione anche per Antonello Montaldo, presidente del Comitato Regionale sardo.

  158. Stefano Grazia

    …ooops!
    …oddio qualche sospetto non nego che mi avesse attraversato la mente ma tutto questo mi ricorda quella barzelletta raccontata da Msnfredi del passerotto che piange dal freddo e passa una mucca e gli lascia cadere sopra una bella merda ( ovviamente di quelle belle large di mucca)…li’ li’ per li’ ci rimane male ma poi si acvorge che e’ al calduccio e sta proprio bene e comincia a cantare tutto felice…lo sente dall’alto un falco che fa una picchiata, lo agguanta e se lo porta via…la morale la conoscete tutti: non sempre chi ti mette nella merda ti vuole male, non sempre chi ti toglie dalla merda ti vuole bene ma soprattutto…( e qui ci vorrebbe manfredi) ma se sei nella merda ma che ti canti a fare????
    Gran consiglio, devo dire …

  159. Nikolik

    Non era Manfredi.

    Era Terence Hill, che l’ha raccontata, nientemeno, a Henry Fonda, nel celebre film “Il mio nome è Nessuno”.
    Anzi, per te, Stefano, che ami la lingua americana, il film è “My name is Nobody”.

  160. monet

    prima di questo capitolo per sapere che film mi sarei guardato alla sera leggevo l’opuscolo di Ski,ora basta leggere l’ultimo post e sono a posto,ma devo dire che la cosa comincia davvero a rompermi i…..neuroni 🙂

  161. Stefano Grazia

    vero nikolic ma la racconto’ anche manfredi, in televisione, o almeno io la sentii per la prima volta li’…

    fulvio, di pa non vuoi parlare, di cinema non vuoi parlare…vuoi parlare di tuo figlio?
    va su ubitennis, allora … :)!

  162. monet

    …per carità ne di mio figlio ne tantomeno di braccobaldoshow,li sono già tanti quelli che gli sparlano dietro,è solo che se un nuovo utente dovesse leggere questo trend penserebbe di essere entrato in un blog di cimena e scapperebbe subito
    ps ti piacerebbe sapere i miei gusti è caro dutur? ma io non abbocco io leggo osservo e…..taccio!!!

  163. Giorgio il mitico

    x tutti

    resta sempre un problema piccolo piccolo……

    Cosa si deve fare per creare agonisti di alto livello, con la speranza di tutto il movimento tennistico nazionale, di avere in tempi brevi i nuovi Pietrangeli, Panatta e Schiavone ?

    Salutissimi a tutti gli esperti.

  164. Giorgio il mitico

    aggiungo :

    ….in fondo al di là di qualche imprecazione, qualche esagerazione e alcune iperboli verbali, il cuore delle discussioni del blog è qual’è il metodo migliore per creare forti agonisti, il resto è aria fritta allo stato puro.

  165. Giorgio il mitico

    forza ragazzi, avanti con i contenuti, venga a galla una proposta tenica di alto profilo da sottoporre a dei genitori con dei bimbi promettenti, vediamo chi esce dal generico, come ho già ripetuto io sono solo un appassionato di tennis che è qui per imparare.

    Lo scopo del blog è dare indicazioni per percorsi vincenti, il resto per me , è solo aria fritta, spesso pure male confezionata.

  166. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Giorgio il mitico
    Per carità, l’obiettivo può essere quello di tentare di capire quali siano i percorsi migliori, anche se per ognuno esiste un percorso diverso, per forza di cose.
    Ma non si può ridurre Spazio Tennis a questo, così come non si può dire che il sito sia solo Tennis Genitori & Figli. Qui si parla (come in nessun altro sito) di tornei giovanili (spesso con resoconti), di tornei Itf, challenger, di giocatori in ascesa che trovano poco spazio (zero?) su altri portali per non parlare dell’informazione sul cartaceo e in tv. Qui si cerca di parlare di tennis in maniera diversa e propositiva, a volte ci si riesce, a volte no, a volte scriviamo grandi e interessanti articoli, a volte sbaglio io, a volte sbagliate voi lettori (e commentatori!).
    Attenzione Giorgio, ciò che scrivi è giustissimo e le domande che poni molto interessanti e ho preso spunto dal tuo commento per scrivere tutto ciò, ma non me la sto prendendo con te, anzi, ci tengo a precisarlo..
    E’ solo per ribadire quale sia il percorso di Spazio Tennis, l’idea.. E cioè che tutta, a prescindere, sia esclusivo. Perché tutti i video sono girati e montati da noi, le foto sono tutte nostre, le interviste sono tutte esclusive (e non prese da altri siti stranieri come accade spesso). Questo perché vogliamo dire la nostra, sempre e comunque, solo e soltanto tramite le nostre forze e possibilità, ma che ci sia sempre l’originalità..

  167. pulsatilla

    E’ pure probabile che ognuno di noi cerchi qualcosa di diverso dal blog.
    A me non dispiacerebbe per esempio sviscerare i metodi di allenamento degli under. Ad esempio, Alessandro, non sarebbe interessante chiedere a qualche circolo, magari quelli più conosciuti, come impostano la preparazione invernale?

  168. Madmax

    Nico..

    Finalmente dopo tanto tempo mi trovi completamente d’accordo..

    Lo racconti proprio a me ch edi nascosto mio padre raccontava in giro che allenava lui i miei cavalli… E che dopo due anni che l’avevo lasciato lì come una merda ha rilasciato un’intervista che diceva che aveva cresciuto lui Demuro… Sapessi i litigi per portarlo a MIlano… E infatti ha dovuto vivere a casa mia…

    Ma cosa mi vuoi dire quindi, che c’è qualcuno che dice di allenare Alessia per telefono?? 🙂

    Perchè devi sapere che io credo molto al gruppo e al team per cui dò a chi lo forma grande risalto ed importanza.. Addirittura per farli sentire ancora più importanti chiedo loro sempre molti pareri e consigli anche se poi molte cose faccio solo credere di farle ma poi ovviamente faccio come dico io.. 🙂

    Ancora più d’accordo con te quando dici che il cavallo (in questo caso Alessia) continuerà a vincere anche se altri cambieranno lavoro o se noi un giorno decideremo di cambiare alcuni pezzi del team, visto che cmq il metodo (ma anche il coach) rimarrebbe sempre il medesimo..

  169. Madmax

    Ah dimenticavo..

    Ovviamente poi davanti a me mio padre ha negato che avesse detto certe cose nell’intervista ma come vedi anche qui purtroppo alle persone non si può credere..

    Ed io a lui non ho mai creduto.. E Alessia mai potrà nemmeno nominarla.. E non lo farà.. Mai..

    Lui sa già cosa gli toccherebbe, Giorgio ancora no.. Presto vedrai negherà anche lui.. 🙂

  170. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Ho rimesso la possibilità di inserire commenti, ma da ora in poi qualsiasi commento io non ritenga consono alla discussione verrà cancellato… Prego tutti di discutere, anche animatamente, ma entro certo limiti. Ciò che viene qui pubblicata è sotto la mia responsabilità. Questa è l’ultima occasione che do a voi tutti prima di inserire le registrazione obbligatoria

  171. cataflic

    @Alessandro
    speriamo in bene!
    ti propongo intanto una trasmissione radio con Sgarbi, Ferrara, Busi e Corona …ehehehe

  172. Maurizio

    Vorrei ripartire dalla proposta di Pulsatilla circa la pubblicazione di programmi di lavoro degli under.
    Leo Caperchi nel suo blog scriveva il programma giornaliero dei suoi allievi, sia di pa che tecnici. Magari Alessandro potrebbe chiederlo a Leo e magari poi ad Ivano ed ad altri, si anche a Max perchè no.

  173. Giorgio il mitico

    x tutti

    ……ma perchè il programma di Max e figliola vi interessa così tanto ?

    Vedete a volte sembra quasi che si facciano discorsi a Max in stile “ti dico ma non troppo”, “tu lo fai ma sei proprio sicuro ?”,
    “sarai coraggioso ma forse anche un pò presuntuoso”, “sei proprio sicuro delle tue convinzioni tecniche, come fai ad essere così ?” e così via discorrendo più o meno amabilmente.

    Insomma un pò troppi discorsi del tipo “toccata e fuga”.

    Forse vi è una punta di sottili, ancorchè simpatiche, provocazioni ?

    Chi lo sa, Max si infuria e da in escandescenze dialettiche, a me tutti questi discorsetti “ti dico e non ti dico” mi danno da pensare.

    Pensa che ti pensa credo che i capi blog dovrebbero pubblicare programmi PARTICOLAREGGIATI di allenamenti di campioncini, ma cominciando dai programmi di lungo periodo dei tecnici federali che vanno per la meggiore in campo giovanile.

    Io qualche giorno fa ho parlato di tecnici itineranti, ebbene la cosa si può realizzare in tempi e costi inesitenti in TERMINI DI DIFFUSIONE SUL BLOG DEI PROGRAMMI DI TECNICI NAZIONALI DIPENDENTI E STIPENDIATI DALLA FIT O CONI, sarebbe far aumentare di colpo il sapere tennistico inoltre mi pare che sia in linea con la GIUSTISSIMA ambizione della Fit di elevare il livello generale

  174. Stefano Grazia

    io invece mi chiedo cosa pensera’ il viandante occasionale del web che si trova a passare per caso e fra il post 189 e il 200 e non ci capira’ nulla e qualche post, il mio sulla merda di mucca e l’uccellino e quello di pulsatilla per esempio, sembreranno sibillini e allora ci vorrebbe un riassunto…gennaro esposito ha detto una cosa alludendo , in maniera peraltro garbata,a delle verita’ nascoste e il nostro eroe ha dato sfogo alla sua nascosta natura di affiliato alla mafia russa … io suggerirei invece di cestinare il post completo di ladciarlo ma censurato con dei Beep! oppure con ” censura” nei paragrafi incriminati …
    Detto questo, ribadiscoancora che pur riconoscendo che perdendo uno come mad max si riduce l’ audience del 70% e quindi e’ chiaro che al produttore ( ale) questo non conviene, pur riconoscendo questo , confesso che non mi quadra molto sto fatto, cioe’ che alla fine per un motivo o per un altro chi viene censurato di solito e’ uno che battibecca con max: cioe’ a me per che cosa mi censurate, perche’ dico che preferisco vedere The Wire piuttosto che La grande guerra di Monicelli? ( a proposito, vi confesso che io evito accuratamente non solo i cinepanettoni ma anche i film di Olmi e dei Fratelli Taviani, altro che snob intellettualoide: a me piace il cinema americano, quello che unisce ritmo e impegno, trama e spettacolo, intelligenza ed eleganza…e se devo fare una lista di film, la fsccio coi film che piacciono A ME, nei quali mi sono identificato, che mi hanno procurato una emozione…non cito ne’ il Gattopardo ne’ Saving Private Ryan o The Schindler List, peraltro bellissimi ma meno personali…ooops, mi sto riallargando di nuovo…basta, mi fermo…) e insomma, se vengono censurati due, uno e’ Ivano e l’altro e’ max…oppure uno e’ monet e l’altro e’ max, oppure uno e’ archipedro e l’altro e’ max, uno e’ genny e l’altro e’, si, avete indovinato, max… non sara’ che un po’ di responsabilita’ magari ce l’ha anche max? perche’ fra un po’ su questo blog saran rimasti solo in 3 o 4 a non esserecstati minacciati di regolamento di conti con la lupara, alla fine ci scriveranno solo il Maestro Gerbino e NuntioVobis … Bannare Max? ma no, censuriamogli solo le frasi con insulti o minaccie troppo esplicite … poi, voi dite, torniamo a parlare di tennis … si, ma ABBIAMO, AVETE GIA’ DETTO DI TUTTO!!! non si vive di solo AIM e biomeccanica e lateralizzazione, alla fine tra l’altro litigavate, incomprensibilmente, sulle definizioni…gli Addetti ai Lavori magari arrivano, magari anche un po’ vanesi e in cerca di facili gratificazioni, dopo i primi pesci in faccia scappano a gambe levate…max si lamenta che Castellani e’ stato criticato, ma lui che ha fatto con Buzzelli e Baraldo e Pieri ed altri? ah si, ma lui puo’, e’ lui che decide chi puo’ essere spernacchiato…io li capisco, gli Addetti ai Lavori…a un certo punto capiscono che a discutere con gli idioti si corre il rischio, da lontano, di essere scambiati con uno di loro e quindi dopo un po’ si eclissano ( oppure fanno come Falco, stile pretino domenicano, come faceva notare andrew, rifiutandosi di farsi coinvolgere e restituendo baci per le offese ( Vecchioni, questa volta, Il suonatore stanco) ( me l’ero dimenticato, ma temo di essermi dimenticati anche i Rem e gli U2!)…e quindi direi che gli Addetti ai Lavori devono essere ‘confrontati’ ma a cagare li si mandano solo se tirano fuori la filosofia del ‘ meglio orfani’ o che allenano dei Pro che sono numero 800 al mondo …
    Comunque, direi che Mauro ha ragione…dovreste pubblicare i programmi di lavoro dei vari Caperchi & Co, ma anche voi i vostri, che e’ un po’ quello che avevo sempre cercato di fare io, dovete insomma, ahime’, ritornare…all’Aneddotica!
    Mi dispiace purtroppo di non potervi piu’ aiutare a meno che non vogliate che vi racconti di come ho perso oggi al quinto con il nero Abdul dopo aver vinto i primi due…calcolando che avevo anche giocato prima tre sets di doppio con mia moglie e che Abdul ha solo 36 anni meno di me, credo di essere tutto sommato giustificato…per fortuna che stasera abbiamo gente a cena e mia moglie mi ha fatto tortellini in brodo e alla panna e poi i tortelloni, tutti rigorosamente hand made…il miglior ristorante italiano in abuja, a lagos, a luanda, in jamaica, ovunque io sia mai stato, e’ sempre e comunque stato casa mia!

  175. Stefano Grazia

    due cose:
    genny e’ giorgio giorgio?
    ma scusa, tu e giorgio giorgio non eravate diventati quasi amici?
    tre: sei un po’ esagerato, dai… genny ha solo riportato che nell’ambiente ippico si raccontano altre storie, mica che la verita’ sia una piuttosto che un’altra, o no …
    cio’ detto, col post che hai pubblicato, secondo me fai solo del male a tua figlia che non se lo merita e soprattutto… ti esponi tu ad azioni legali…
    quarto, ale: fai tu la telefonata a Papa’ Luciano, un po’ di giornalismo investigativo che diamine!, poi fanne una a Demuro e infine intervista anche qualcun altro dell’ambiente e chiedi come mai se D’auria Jr e’ stato il piu’ grande allenatore di fantini del secolo, a digitare il suo nome su google non esce nulla? ma forse perche’ non c’era ancora internet, e’ possibile…
    quinto, questa storia della topa… ma cosa dicono tua moglie e tua figlia quando tu, anche sul tuo profilo feisbuk, inneggi alla topa…cioe’, tua moglie e’ felice? e tua figlia, quando un ragazzino verra’ a chiederle di uscire,non si sentira’ un po’ confusa fra quel che papa’ le dira’ di non fare e quel che papa’ incita tutti invece pubblicamente a fare ( stessa storia sul lavoro e sul sacrificio: ma perche’ li devo fare io se mio papa’ si vanta di non averli mai fatti?)
    c’era un’altra cosa ma non me la ricordo, magari mi torna in mente e la scrivo poi …ah si, questa storia dell’Albergo in Brazil…ma allora e’ comunque tutto chiaro, alla fine qualcosa Mad Max ereditera’, ecco perche’ puo’ permettersi di non lavorare ora…perche’ fra 20-30 anni comunque ereditera’ un albergo in Brazil, beato lui e beata anche Alessia!

  176. Madmax

    Stefano i pro non sono tutti uguali, non è che puoi paragonare Piatti Castellani e Pieri..

    Sarebbe come dire che è uguale parlare con Capello e con l’allenatore della Pro Sesto..

    E anche sulle litigate.. Basterebbe che se io parlo che so di AIM uno ribattesse solo su quello e che quando viene sputtanata non cambia versione tre vote dicendo che diceva le mie stesse cose..

    Oppure che se io spernacchio chi ha sbagliato ribattesse sempre su quello o su qualche altra cosa e non inventandosi fandomie sulla mia vita privata..

    Vedi Stefano se c’è una cosa che ho imparato a fare molto bene girando il mondo (sotto la pioggia e senza nessun ombrello) è quella di saper stare al mondo.. Sono stato a tavola con i Principi e con i mafiosi.. E mai un problema..

    Sì perchè per me valori come la parola e l’onore non sono cose sconosciute mentre per la maggior parte delle persone che sono degli omuncoli sono spot pubblicitari..

    Con chiunue mi sono sempre confrontato alla pari e se dovevo dirgli qualcosa non mi sono mai tirato indietro.. mai…

    Ecco perchè quando incontro dei quaraqua me li vorrei mangiare vivi..

    Ale cmq quando ritieni togli pure il post tanto che doveva sapere direttamente o meno avrà cmq ricevuto il msg…

  177. Madmax

    Stefano..

    Per me gli amici sono un’altra cosa.. Qui lo vedo dopo un po’ vi considerate tutti amici..boh..

    Devi capire con le azioni legali mi ci pulisco il c..

    E provassero a far pagare qualcosa ad Alessia, così dopo ridiamo, mica vado dall’ avvocato io.. avranno moglie e figli no.. lro fanno pagare a mia figlia ed io ai loro.. semplice 🙂

    Dopo come al solito diranno che sono matto, cattivo etc..

    Ma l’ho già scritto, uno quando è maggiorenne e vaccinato paga… e se la fai a me il prezzo lo decido io..

    Per quanto riguarda la storia dei fantini.. Io ero un allenatore (tempo fa avevo anche postato il link sul corriere della sera), con Mirco è stata una cosa sporadica che è nata perchè lo portai a Milano per fargli montare i miei cavalli.. E visto che da cosa nasce cosa poi l’ho portato in cima.. Ma non è mai stato prima ne dopo il mio lavoro..

    Per quanto riguarda l’educazione di mia figlia o la conduzione della mia vita se permetti sono affari miei, penso che tu abbia già parecchio tempo da dover dedicare al tuo da averne anche per pensare a noi..

  178. Madmax

    Cert ripensando a Mirco..

    Percentuale del 100%.. Sono stato firtunato.. 🙂

    Ora sarà lo stesso con Alessia.. Propio un culatone.. 🙂

  179. ADDIRITTURA

    Sono rientrato dal primo giorno di simposio Pro Patria a Milano.Tra gli altri relatore oggi c’era Quirino Cipolla.Il suo intervento (al di là della sua proposta “Fast Learning”)è stato quello più significativo perchè pieno di episodi legati alle esperienze di coach/papà di un figlio che oramai cerca di entrare nei primi cinquanta.Mi sento di riportaVi un paio di considerazioni da lui fatte circa il rapporto con il figlio:
    1)è molto più facile per Lui scindere la figura di coach da quella di padre nel rapporto con Flavio
    2)di contro è oramai consapevole che invece suo figlio, in tutto il percorso intrapreso sin da bambino ad oggi (che ancora segue i suoi consigli), lo ha sempre visto solo ed esclusivamente come padre e mai compiutamente o specificatamente come un semplice coach.
    Ecco io penso che in questo delicato equilibrio possano nascondersi tutte le insidie ma anche tutto il valore aggiunto di un esperienza così speciale…
    Domani mi ascolto, sempre tra gli altri, il buon Furlan…se qualcuno ha delle domande…
    p.s.qualche sassolino se l’è pure tolto dicendo tra l’altro di come tanti mega tecnici pluri targati gli dicevano sempre di piantarla lì con quel back che faceva giocare al figlio…ma questo credo lo sappiano in molti nell’ambiente.

  180. Madmax

    Stefano..

    Un’altra cosa che mi divide da te..

    O io vivo in un mondo a parte o la tua affermazione deve lasciare sconcertati..

    tu scrivi:

    “cio’ detto, col post che hai pubblicato, secondo me fai solo del male a tua figlia che non se lo merita…”

    Allora io scrivo su un blog e parlo di tennis e cose personali, uno mi infama raccontando bugie assurde e perchè io non lo accetto mia figlia dovrebbe pagare..

    Allora avrei ragione io dopo ad andarli a prendere tutti per le orecchie..

    Viglio dire, se un mio dipendente/associato o altro si permette senza essere offeso o attaccato di infamare altre persone, prima gli faccio una lavata di capo e poi o lo multo o lo licenzio..

    No tu vorresti anche farmela pagare perchè non ho porto l’altra guancia.. Insomma cornuto e mazziato!!

    Si si hanno scelto proprio quello giusto..

  181. Madmax

    Ciao Addirittura, mi piacerebbe avere un resoconto delle cose secondo te più rilevanti..

    Sarei dovuto venire anch’io ma purtroppo in questi giorni sono in fase di trasloco e fino a metà settimana sarà un disastro.. 🙂

  182. Stefano Grazia

    max, mio figlio pensa solo alla topa come te, e’ normale, ha quasi 15 anni … mi chiedevo se mai venisse a bussare alla porta di casa tua e ti dicesse: ehi, ho visto che la pensiamo uguale, adesso posso uscire con tua figlia? :)!
    Dai, era un espediente letterario per sdrammattizzare la tensione, lo so lo so che tua figlia non vorra’ mai uscire con quella canaglia di mio figlio …

  183. Madmax

    Ma guarda mia figlia invece potrà uscire con chi le pare..

    Anzi lei è assolutamente attratta dai casinisti… Quelli carini e perfettini (che normalmente piaciono ai genitori) proprio non se li fila nemmeno perchè dice che sono pallosi per cui..

    L’importante per me è che lei sia sempre coerente e rispettosa di se e con gli altri, poi faccia come le pare…

    Per il resto l’unica cosa che le ho sempre detto è che l’impegno che metterò per lei nel tennis sarà direttamente proprorzionale al suo..

  184. Madmax

    Ecco Stefano, tu hai scritto che se litigo con tutti avrò anch’io delle colpe..

    Ecco se io ora litigo dov’è la mia colpa??

    Era obbligato a scrivere un post del genere??

  185. ADDIRITTURA

    @max okkei se c’é qualcosa di interessante da riportare non mancherò…

    p.s.ti trasferisci in florida o a…tirrenia o peggio ancora dalle mie parti?

  186. giorgio

    @ Madmax
    Ritengo che se qualcuno ti deve chiedere scusa o, altrimenti, gli rompi la testa, quelle persone non sono certamente né Genny né Giorgio, e, anche se non è giusto, sia il caso che le minacce le indirizzi a gente che ti conosce e che ti ha conosciuto nell’ambiente dell’ippica.
    Non posso negare che tutti dicono grandi cose di tuo padre Luciano, ma su questo argomento già conoscevi il mio pensiero in quanto, già ai tempi di Ubitennis (anno 2008), ti avevo indirizzato con modi garbati questo post, di cui faccio copia-incolla dal mio archivio personale (all’epoca ti chiamavo bonariamente “Innominabile” perché mi avevi vietato di profferire il tuo nome):

    @ L’Innominabile
    Non è certo colpa mia, e non ho difficoltà a crederti su Mirco Demuro (questa volta penso di averlo scritto correttamente), ma guarda cosa scriveva la Gazzetta dello Sport , il 22 febbraio di quest’anno, in un articolo, che avevo letto a suo tempo e del quale sotto ho fatto copia-incolla, dopo che Ruiz Diaz aveva incantato l’ippodromo di Varese con una prestazione maiuscola:

    Archivio Storico La Gazzetta dello Sport
    Torna alla ricerca | Stampa la pagina
    Sezione: ippica
    Pagina: 28

    (22 febbraio 2008) Gazzetta dello Sport
    Questo fantino pare un fenomeno
    Sono bastate due corse e questo fantino fa già parlare di sé. Mercoledì il 22enne Jorge Ruiz Diaz ha esordito a Varese: due ingaggi, un secondo posto e una vittoria con freddezza da veterano. Invece ha soli 22 anni ed è l’ ennesima scoperta di Luciano D’ Auria, il 73enne creatore di Falbrav che nella sua mitica carriera ha scoperto jockey fenomenali come Gianfranco Dettori, Santiago Soto, Mirco Demuro e Dario Vargiu.

    A questo post hai risposto che i giornalisti scrivevano cazzate, e la cosa è finita lì.
    Ma guarda, con una ricerca di un minuto su Internet, quanti articoli parlano di tuo padre, e come ne parlano!

    I Personaggi dell’Ippica: Il Jockey Mirco Demuro.
    Ven, 19/09/2008 – 22:01 da horseshowjumping
    Duemila vittorie conquistate in tredici anni di carriera in sella ai migliori purosangue del galoppo mondiale. Mirco Demuro, oggi 28enne …………… Un’attività iniziata nel 1994 ed una prima vittoria al casalone di Grosseto giunta appena un mese dopo il debutto. Vale la pena sottolineare che nei tre mesi successivi a quel primo successo ne seguono ben altri cinquanta, un risultato straordinario che permette al pupillo di Luciano D’Auria di passare da semplice allievo a fantino professionista.

    Questo sotto è un articolo per la morte di Marcialis avvenuta nell’Ippodromo di Varese!

    D’ Auria il suo scopritore: «Marcialis voleva diventare bravo come Demuro. E ci stava riuscendo» * Da tre mesi l’ allenatore milanese aveva ingaggiato lo sfortunato jockey come riserva del più famoso collega: «Aveva voglia e talento per arrivare» ……….
    Luciano D’ Auria si trovava a bordo pista, a pochi metri dal luogo del dramma. È lui l’ allenatore di Sir Robin. L’ allenatore che tre mesi fa aveva ingaggiato Mirko Marcialis come seconda monta di Mirco Demuro, il nostro miglior fantino. La sua voce è ancora rotta dall’ emozione: «Sono corso immediatamente in pista e appena ho visto Mirko ho capito che purtroppo non c’ era niente da fare.

    E per ultimo:

    Da cavallo 2000
    L’Italia ha vinto la Japan Cup nel 2002 con Falbrav (fantino Lanfranco Dettori, proprietario Scuderia Rencati di Luciano Salice, allenatore Luciano D’Auria).

    Questo scrivono i giornali di tuo padre, (sarebbe lungo postare tutti quelli che ho trovato!) e tu stesso ti puoi rendere conto di come ne scrivono! Ma se al contrario poi tu sai altri retroscena a noi sconosciuti, e ritieni di poter scrivere in questo modo rispondendo a Nicoxia:

    “Lo racconti proprio a me ch edi nascosto mio padre raccontava in giro che allenava lui i miei cavalli… E che dopo due anni che l’avevo lasciato lì come una merda ha rilasciato un’intervista che diceva che aveva cresciuto lui Demuro… Sapessi i litigi per portarlo a MIlano… E infatti ha dovuto vivere a casa mia…”

    la colpa non è certamente di chi ti legge!!!!!!

    Per quanto riguarda, infine, le minacce a me rivolte, poiché siamo sotto il cielo e tutto può succedere, lunedì mi recherò al Comando di Polizia per far leggere il tuo post ad un mio amico dirigente e per farmi consigliare se è il caso di fare una denuncia cautelativa, visto che su queste cose mi ritengo un dilettante avendo dato o ricevuto in tutta la mia vita nemmeno uno schiaffo.

  187. Madmax

    Schifoso essere non cercare di nasconderti o di ribaltare la frittata (carta canta ho i tuoi post), se tu non mi chiederai scusa in ginocchio urlando che hai detto solo cazzate ti romperò la testa perchè hai scritto una grandissima falsità riguardo al mio rapporto con mio padre, non per altro..

    Tra l’altro tu chi cazzo sei per parlare delle mie cose private??

    Delle altre cose non me ne può fregar di meno, io ho spiegato come stanno le cose se uno ci vuole credere bene altrmienti affari suoi..

    Chi vuole vuole manda la mail a mio padre o va a Capannelle e lo chiede a Mirco come stanno le cose, io non ne ho bisogno lo so benissimo..

    Per cui tu puoi andare da chi vuoi ma se non chiedi scusa ti inserguirò fino a trovarti non me ne frega un cazzo..

  188. giorgio

    @ Madmax
    Guarda che del rapporto con tuo padre hai più volte fatto riferimento tu nei tuoi post, dicendo che non gli parli da moltissimi anni!
    Comunque sia, hai veramente ragione! Sono stato a dir poco scorretto a parlare di cose tue private, ed in particolar modo del rapporto tra te e tuo padre.
    Quindi TI CHIEDO SCUSA, e ti prometto che da vicino TI RINNOVERO’ LE MIE SCUSE con le modalità che riterrai più opportune.

  189. Madmax

    Si è verissimo che non gli parlo da molti anni ma perchè l’ho mandato a cag..e essendo lui una persona squallida.. E la cosa è ben differente..

    Cmq per me Giorgio siamo a posto così e non c’è nemmeno bisgono che tu venga a scusarti di persona visto che per come ti comporti sei un suo simile (di mio padre) ed io al cospetto di certe persone faccio molta fatica a trattenermi..

  190. andrew

    come a posto così?

    un calcio nelle palle?, due dita negli occhi?… almeno, una rigata di chiave sulla portiera della macchina!!!

  191. Giorgio il mitico

    ei….capiblog responsabili

    cosa ne dite della mia proposta 208, (uno o più programmi particolareggiati di allenamento per giovanissimi su scala pluriennale da pubblicare GRATUITAMENTE o sul blog o sul sito FIT) redatta da tecnici di chiara fama, preferibilmente collaboratori della FIT, non credete che sarebbe un modo per contribuire a dare una linea tecnica unitaria al tennis nazionale ? Non credete che aiuterebbe enormemente i genitori a potersi fare un idea corretta sulla qualità dei tecnici che seguono (a pagamento) i loro figli ? Non credete che potrebbe stimolare il mondo del Tennis italiano a fare un bel salto di qualità ? Non credete che i tecnici meno aggiornati avrebbero a disposizione un input in più di alto livello a propria disposizione per restare sempre aggiornati ?

    Mi pare che il signor Pulsatilla ed il signor Maurizio desiderino qualche cosa di identico a quanto propongo, non sono solo, inoltre penso che se la cosa si saprà in giro molti altri si accoderanno a questa mia proposta.

    Sono consapovole che sarebbe un lavoro notevole, per questo penso che persone adatte potrebbero essere tecnici federali, ovviamente remunerati.

    Chiedo che vi facciate promotori di una simile iniziativa.

    Per inciso, ho notato una qual certa quantità di interventi sull’ippica, molto lunghi e noiosi, non mi pare siano in sintonia con i contenuti tipici di questo blog, vi prego di metterci un freno.

    Comunque attorno a Max si accendono mischie furibonde degne di un match Scozia-Inghilterra di rugby, però preferisco quelle che hanno origine TENNISTICA.

    Noto che alcuni ospiti del blog forse hanno una certa dose d’invidia per Max, non lo capiscono, e si sa, a livello inconcio ciò che non si comprende fino in fondo ci preoccupa e la prima reazione è di attaccare ! Per cui vanno senza dubbio perdonati.

  192. bogar67

    Buon domenica a tutti, personalmente non reggo più le vostre discussioni, grazie a tutti di questi begli 3/4 anni di post e ripost. Prossimi interventi su questo blog saranno solo per commentare articoli che non riguardano rapporto-genitori figli, l’avevo anche promesso a Pulsatilla, poco prima che mia figlia entrasse in agonistica vi avrei lasciato, ho capito che in questo ambiente meno ci si espone meglio è, quantomeno per i figli! Chi mi vuol conoscere personalmente e abita a Roma mi trova al lemonbowl il 3 gennaio categoria under 8 f a seguito di mia figlia che non è un fenomeno, solo una precoce e che a 13 anni appena ci trasferiremo dalla Sardegna in Sicilia si ritirerà da questo sport per iniziare le scuole superiori.
    Buon tennis a tutti.

  193. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @bogar67
    Non passare da un eccesso all’altro. Cerca di viverla più serenamente. Anche io non sopporto i litigi, lo sai.. Ma passare da scrivere ogni giorno a non scrivere più è sbagliato. Esporsi? Mah… Mica siamo in un regime..
    Ti dico, scrivi quando ti va, non decidere prima quanti interventi dovrai fare, ecc..

  194. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Giorgio Il Mitico
    Si può fare, a patto che si trattino bene le persone che avranno la voglia di inserirli.. Perché non saranno più tollerati commenti fuori luogo e offensivi.. Si può anche dire “per me sbagli tutto” ma con un certo tono e modo

  195. pulsatilla

    Bogar,
    ci puoi spiegare meglio il perchè di questa decisione?

    “se tu non mi chiederai scusa in ginocchio urlando che hai detto solo cazzate ti romperò la testa ”

    capisco che a leggere certe frasi si inorridisce, però abbiamo il dovere di continuare a scambiare le nostre impressioni.

  196. genny-giorgio

    @ Tutti
    Invito gentilmente tutti i lettori del blog a non far più riferimento alla vicenda che mi ha visto protagonista con Madmax!
    Con sincera convinzione ho chiesto scusa a Max sia perchè ho capito di essere stato l’unico responsabile per quanto è accaduto, e sia perchè ho compreso e giustificato la reazione violenta di una persona “colpita”, senza motivo, nella sfera personale.
    Per me è stato solo uno spiacevole incidente di percorso, ed il tutto è stato già dimenticato! Vorrei tanto che anche tutti voi vi comportaste allo stesso modo, evitando, lo ribadisco, di tornare sull’argomento! Grazie

  197. bogar67

    pulsatilla
    mi sono inorridito a leggere i commenti, gli insulti, risse telematiche, attacchi personali e familiari. Mi basta già il mio ambiente lavorativo che purtroppo è anche peggio, sangue marcio in un blog che dovrebbe essere un valido scambio di informazioni utili alla corretta crescita tennistica dei miei figli non me ne voglio fare, grazie cmq di essermi stati d’aiuto, se al momento ho la migliore 2004 dell’isola, che soprattutto si diverte giocando a tennis è merito di tutti quelli che sotto reali o mentite spoglie hanno scritto prima su ubitennis e poi qui. Non vi elenco tutti per non fare torto a nessuno.

    @Alessandro
    Ti commento gli altri articoli, sperando di non fare come al passato e cioè di mettere nella discussione sempre mia figlia facendo paragoni, osservazioni etc. Grazie di esistere anche perchè negli altri siti la censura per motivi meno gravi di quelli qui letti è routine, ad esempio sul sito FIT e notizia sui centri periferici, ho scritto due post lamentandomi in maniera garbata che in Sardegna non ci stava centro periferico e non mi sono stati pubblicati, al terzo ho invece lodato il fatto che tecnico macroarea stava seguendo alla grande i giovani sardi venendo a Cagliari e mi hanno pubblicato il post, non aggiungo altro.

  198. Madmax

    L’unica cosa che fa inorridire è l’ennesima sconfitta della nostra società e nello specifico quella del tennis italiano..

    Non per nulla, pochi giorni fa ho scritto di quel mio amico (non uno qualunque) che imputa gran parte della mancanza di giocatori di livello qui da noi proprio al nostro tipo di cultura che è basata sull’invidia, sulla difesa del proprio orticello e soprattutto sulla sconfitta degli altri invece che pensare e gioire della propria vittoria (cosa ovviamente molto più facile e che soprattutto porta al mal comune mezzo gaudio).

    E più si va avanti è più è chiaro perchè un coach del livello di Piatti che tra l’altro ben conosce i problemi italiani insiste con il mettere davanti a tutto la crescita della persona rispetto a quella del giocatore..

    Invece cosa accade ormai da tempo qui, che non si dice a Max tu sbagli perchè il dritto che hai insegnato a tua figlia è sbagliato, non si dice a Max che ha sbagliato perchè sua figlia è una che non ha volgia di lavorare, no si attacca Max perchè racconta come ha fatto a portare sua figlia ad essere una delle più forti d’Italia, perchè vi dice se legge delle sciocchezze come stanno realmente le cose..

    E una volta che Max ha dimostrato che le cose scritte sono sbagliate e quindi non è più sufficiente dire che un affermazione non è corretta solo perchè l’ha fatta lui, allora cominciano gli attacchi a livello personale non dimenticandosi mai di ribaltare la realtà delle cose..

    Addirittura in uno degli ultimi post di Stefano Grazia chiedeva l’intervista a mio padre e a Mirco..

    Ed io mi domando, ma perchè se anche mi fossi inventato tutto cosa cambierebbe?? Non varrebbe più il lavoro fatto con mia figlia?? I suoi risultati verrebbero cancellati?? Il suo gioco sarebbe più brutto?? Le mie affermazioni tecniche avrebbero meno valore?? Diventerebbero più vincenti i vostri figli??

    Questa mattina mi hanno chiamato da Tirrenia e mi hanno detto che a livello tecnico Alessia è nettamente la migliore in assoluto..

    Cosa che non dovrebbe assolutamente accadere, che non può accadere e che immagino non accada in nessun altro paese al modo, perchè qui non si parla di vincere o perdere che può dipendere anche dai ragazzi, qui si parla di aspetti tecnici e quindi di lavoro..

    Voglio dire la Bartolì vince ma non è che a livello tecnico possa essere presa ad esempio..

    QUESTO E SOLO QUESTO è quello che conta e questa non è la mia vittoria ma è LA SCONFITTA dei maestri ed è quindi SOLO per questo che sono legittimato dal poter dire cosa secondo me è giusto e cosa non lo è.. Io semmai ho aggiunto che il mio percorso precedente mi ha aiutato molto, ma mi sarebbe tornato utile allo stesso modo se invece di avere cresciuto il miglior fantino d’Italia fosse stato il terzo o il quinto..

    Ed è solo per questo che i maestri vengono e scappano.. Tra l’altro e questo e l’aspetto più grave continuando a pensare di aver ragione..

    Perciò quando uno si inorridisce di fronte alla mia frase pensando che ad un’enorme bugia detta e rivolta all’ambito della mia sfera personale e pensa forse che avrei dovuto far finta di nulla e porgere l’altra guancia dico solo che ti auguro un giorno di incontrare uno come me, perchè te lo meriti..
    E non è detto che ciò non accada…

  199. Madmax

    Maurizio..

    Tornando (spero) finalmente al tennis, trovo che alla tua richiesta non si possa rispondere in modo standard..

    Intanto cominciamo con il dire che non tutti in questo periodo si fermano e perciò tra chi lo fa e chi non lo fa il tipo di lavoro in genere è dimaetralmente opposto..

    Dopo di che molto dipende dall’età dei ragazzi ma soprattutto e dal livello e dalle differenti problematiche..

    Cominciamo comunque con l’asserire che bisogna lavorare su tutto e per cui chi non ha fatto certe cose prima le dovrà fare poi..

    Chi come noi ha seguito anche sul campo le fasi sensibili e quindi ha lavorato fino ad oggi molto poco sulla continuità e sulla solidità e quindi sul fondo, ora deve cominciare un po’ a farlo, soprattutto dopo uno stop dovuto sia ad una breve vacanza o come per noi ad un infortunio.. (al contrario chi l’ha fatto in precedenza tralasciando i lavori coordinativi quando comincerà a farli avrà seri problemi).. Cmq dai 13/14 anni in poi una parte di tempo su questo bisogna passarla..

    E questo dovrà andare in parallelo con la PA (e riflettevo sul fatto che a qualcuno era stato detto di fare del fondo per ritrovare la condizione atletica essendo però in pieno allenamento, figuriamoci che tipo di PA stava facendo..)

    Al contrario quindi chi ha bambini più piccoli dovrebbe evitare la continuità e lavorare sul resto, capacità coordinative in testa (campo e PA).

    Il resto del tempo di passa sulla tecnica (quindi soprattutto in questa fase di ripresa ci sta anche un po’ di cesto), sia quella realativa a dove ci sono delle mancanze sia a quella che si reputa più importante..

    Noi ad esempio determinanti riteniamo siano i colpi di inizio gioco per cui circa 45 minuti al giorno li passiamo su servizio (possibilmente giocando anche il colpo successivo) e risposta..

    Il tempo che resta si usa per i punti, chi si allena maggiormente faccia dei match anche tutti i giorni possiibilmente con avversari differenti giocando sia in modo libero che seguendo degli obblighi..

    Ovviamente dopo circa un mese dalla ripresa si lavorerà sempre di più in palleggio, sulle situazioni di gioco, sull’intensità e meno su continuità e cesto…

    La parte tecnica invece deve continuare fino al termine della carriera.. 🙂

  200. pulsatilla

    Max,
    bentornato, quando parli di tennis è tutta un’altra musica. A noi piaci così.
    Puoi essere anche un po’ più preciso? Ad esempio hai parlato di punti giocati con dei vincoli. Quali vincoli?
    Ci puoi descrivere un po’ meglio il lavoro in campo per lo sviluppo delle capacità coordinative?
    C’è un esercizio che ti piace più degli altri e che tu ritieni particolarmente efficace?
    Quanto lavori sul servizio e come?
    Quanto lavori sulla risposta e come?

  201. Madmax

    Lo dico a te per cogliere l’occasione di farlo sapere a tutti..

    D’ora in poi rispondo solo a chi si firma con nome e cognome o a chi conosco già..

    Gli altri si accontentino di sapere ciò che interessa ad altri..

  202. giogas

    Condivido in parte le affermazioni di Bogar67 ma lo invito anche ad un ripensamento. Con i suoi contributi e la ricchezza di aneddoti ha tenuto vivo il blog anche nei momenti più difficili. Mi auguro che la sua sia solo una pausa di riflessione. Il blog si deve avvalere del contributo di tutti nella piena libertà di espressione, ma anche nel rispetto reciproco. Quanto a terminologia impropria, frasi fuori luogo, atteggiamenti non consoni, non è necessario andare a cercare nel blog. Purtroppo il fenomeno è diffuso ovunque e non c’è ambito della società che ne sia immune. Così i messaggi negativi circolano e si consolidano come normalità. Oggi mio figlio ha assistito alla finale del master di Londra e frequentemente inveiva e gridava, proferendo parole irripetibili. Mio figlio è un ragazzino che gli insegnanti giudicano attento ed educato il cui linguaggio è normalmente corretto, però quando segue una partita di tennis in cui gioca Federer, si trasforma e scarica tutta la sua rabbia con urla e gesti inappropriati. Se Federer perde è un dramma: piange, grida, non mangia e non parla. Arriva all’isterismo, ad ogni punto vincente si lascia andare a grida di entusiasmo da stadio da calcio e, nel caso di punti persi, sono offese pesanti all’avversario. Il tutto si esprime con un attaccamento morboso a questo personaggio che diventa mito. Federer è un extraterrestre ovvero un Dio. Possibile che a 13 anni debba essere così infantile? Ma è vero che ci sono adulti che hanno lo stesso comportamento? Non vi nascondo che sono preoccupato. Federico di Carlo.. mi può dire qualcosa a proposito? Grazie.

  203. andrew

    beccatevi sta paginata di tasse:

    QUOTE ASSOCIATIVE
    TASSA NUOVA AFFILIAZIONE 250,00€
    Per gli Affiliati che nell’ambito della sola disciplina del tennis non si affiliano ad altri Enti od Organizzazioni che non abbiano in essere convenzioni con la FIT, e che non consentono sui propri campi la disputa di manifestazioni che non sono approvate dalla FIT, garantendo quindi alla FIT, o ad Enti con la stessa convenzionat, l’esclusiva per la gestione dell’attività del tennis, la TASSA NUOVA AFFILIAZIONE è ridotta ad Euro 80,00€
    TASSA RIAFFILIAZIONE (procedura on line con inserimento e aggiornamento dei dati on line da parte dell’Affiliato) 250,00*€
    Per gli Affiliati che nell’ambito della sola disciplina del tennis non si affiliano ad altri Enti od Organizzazioni che non abbiano in essere convenzioni con la FIT, e che non consentono sui propri campi la disputa di manifestazioni che non sono approvate dalla FIT, garantendo quindi alla FIT, o ad Enti con la stessa convenzionati, l’esclusiva per la gestione dell’attività del tennis, la TASSA RIAFFILIAZIONE è ridotta ad Euro 80,00*€
    TASSA ANNUA PER CIASCUN CAMPO (per I Circoli che non diminuiscono il numero dei campi rispetto al 2010 ) 15,00€
    TASSA ANNUA PER CIASCUN CAMPO (per I Circoli che diminuiscono il numero dei campi rispetto al 2010) 25,00€
    TASSA OMOLOGAZIONE CAMPI (per intervento indipendentemente dal numero dei campi) 100,00€
    TASSA ASSOCIATIVA AFFILIATI DI CATEGORIA B, BEACH E PADDLE (in aggiunta alla tassa di affiliazione/riaffiliazione) 50,00€
    OMOLOGAZIONE IMPIANTI NON AFFILIATI 250,00€
    APPROVAZIONE P.I.A. 50,00€
    APPROVAZIONE SAT 50,00€
    APPROVAZIONE CENTRO TENNIS ESTIVO (per ogni settimana di svolgimento dei corsi) 500,00€
    * In caso di procedura tradizionale, con inserimento e aggiornamento dei dati da parte del Comitato Regionale, l’importo è maggiorato del 50%
    TESSERAMENTO
    (procedura on line con inserimento e aggiornamento dei dati on line da parte dell’Affiliato)
    TESSERA SOCIO 10,00*€
    TESSERA NON AGONISTICA UNDER 16, 14, 12, 10 8,00*€
    TESSERA NON AGONISTICA OVER 16 10,00*€
    TESSERA NON AGONISTICA PER UNDER 16 emessa dopo il 1° settembre 3,00*€
    TESSERA SOCIO UNDER 08 emessa dopo il 1° settembre 3,00*€
    TESSERA AGONISTICA Over 16 di prima e seconda categoria (classifica riferita all’anno 2011) 50,00*€
    TESSERA AGONISTICA Over 16 di terza categoria (classifica riferita all’anno 2011) 36,00*€
    TESSERA AGONISTICA Over 16 di quarta categoria e non classificati (classifica riferita all’anno 2011) 28,00*€
    TESSERA AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 50% della rispettiva tessera over 16*€
    TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Over 16 di prima e seconda categoria (classifica riferita all’anno 2011) 44,00*€
    TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Over 16 di terza, quarta categoria e non classificati (classifica riferita all’anno 2011) 24,00*€
    TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 50% della rispettiva tessera over 16*€
    TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA per Over 16 16,00*€
    TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA per Under 16, 14, 12, 10 8,00*€
    TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA Over 16 per i mai tesserati 10,00*€
    TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 per i mai tesserati 5,00*€
    TESSERA PADDLE TENNIS per Over 16 20,00*€
    TESSERA PADDLE TENNIS Per Under 16, 14, 12, 10 10,00*€
    TESSERA AGONISTICA PER ATLETA DISABILE 14,00*€
    EMISSIONE DUPLICATI 50% del costo della tessera€
    TRASFERIMENTI giocatori di 1^ e 2^ categoria (classifica riferita all’anno 2011) 120,00€
    TRASFERIMENTI giocatori di 3^ categoria (classifica riferita all’anno 2011) 100,00€
    TRASFERIMENTI giocatori di 4^ categoria e non classificati (classifica riferita all’anno 2011) 80,00€
    TRASFERIMENTI U16 STESSO PIA 20,00€
    TRASFERIMENTI BEACH TENNIS 30,00€
    TRASFERIMENTI ATLETI DISABILI 20,00€
    * In caso di procedura tradizionale, con inserimento e aggiornamento dei dati da parte del Comitato Regionale, l’importo è maggiorato del 50%
    ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE ROBERTO LOMBARDI
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI TECNICI NAZIONALI 360,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI MAESTRI NAZIONALI 300,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTRUTTORI 2° GRADO 270,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTRUTTORI 1° GRADO 180,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEI PREP. FISICI DI 1° E 2° GRADO 180,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI MAESTRI 800,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ALL. ISTRUTTORI 800,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTR. REG. 800,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEI MAESTRI DI BEACH TENNIS 300,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI BEACH TENNIS DI 2° LIVELLO 270,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI BEACH TENNIS DI 1° LIVELLO 180,00€
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI PADDLE 300,00€
    I tecnici che operano in via esclusiva per la FIT e/o per le Società ad essa affiliate e/o per gli Enti di Promozione Sportiva che hanno in essere convenzioni con la FIT, prestando quindi la loro opera solo in favore di tesserati FIT o degli Enti di Promozione Sportiva di cui prima, hanno diritto alla riduzione del 50% sugli importi delle quote di iscrizione all’Albo o agli Elenchi €
    TASSA DI RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA PER TECNICO STRANIERO 400,00€
    TASSA DI RISCRIZIONE ALL’ALBO OD ALL’ELENCO DEI TECNICI 250,00€
    Ai tecnici di tutte le categorie sarà recapitato un capo con il logo FIT ed il distintivo relativo alla qualifica €
    TARGA PROFESSIONALE 100,00€
    AGENTI DEGLI ATLETI FIT
    TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI AGENTI DEGLI ATLETI FIT 200,00€
    TASSE D’ISCRIZIONE AI CAMPIONATI INDIVIDUALI (di competenza F.I.T.)
    GIOVANILI (fase nazionale) 10,00€
    2′,3′ CATEGORIA (fase nazionale) 20,00€
    VETERANI (fase nazionale) 20,00€
    TASSE D’ISCRIZIONE AI CAMPIONATI A SQUADRE
    Il Consiglio Federale ha deciso di esentare dal pagamento della tassa d’iscrizione al Campionato degli Affiliati la prima squadra maschile e femminile dei circoli partecipanti, a condizione che gli stessi vantino un numero di tesserati che raggiunga le unità appresso indicate. Per i circoli che hanno sia la squadra maschile che la femminile si applica la riduzione del 15% sulla somma dei due dati per l’esenzione di ambo le squadre. Nel caso il circolo non vanti un numero di soci sufficiente per l’esenzione di tutte e due le squadre, non potrà in ogni caso beneficiare dell’esonero della sola squadra di minor rango fra quella maschile e quella femminile.
    SERIE A1 MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 650 soci regolarmente tesserati) 3.500,00€
    SERIE A1 FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 600 soci regolarmente tesserati) 3.000,00€
    SERIE A2 MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 500 soci regolarmente tesserati) 1.000,00€
    SERIE A2 FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 450 soci regolarmente tesserati) 1.000,00€
    SERIE B MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 400 soci regolarmente tesserati) 450,00€
    SERIE B FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 320 soci regolarmente tesserati) 450,00€
    SERIE C MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 220 soci regolarmente tesserati) 200,00€
    SERIE C FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 165 soci regolarmente tesserati) 200,00€
    SERIE D MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 110 soci regolarmente tesserati) 100,00€
    SERIE D FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 80 soci regolarmente tesserati) 100,00€
    GIOVANILI 50,00€
    GIOVANILI per le squadre B, C, ecc. 25,00€
    GIOVANILI: (per gli affiliati inseriti nei Piani Integrati d’Area, o con certificazione di qualità, per le squadre B, C etc) 15,00€
    VETERANI 100,00€
    VETERANI per le squadre B, C, ecc. 50,00€
    CAMPIONATO DI BEACH TENNIS 50,00€
    CAMPIONATO DI PADDLE 50,00€
    CAMPIONATO A SQUADRE PER ATLETI DISABILI 20,00€
    TASSA SUB JUDICE NEI CAMPIONATI A SQUADRE 15,00€
    CAMP. SQUADRE REGIONALI MISTO U10 CIRCOLI PIA 0,00€
    CAMP. SQUADRE REGIONALI MISTO U10 CIRCOLI FUORI PIA 30,00€
    TASSE DI APPROVAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI INDIVIDUALI ED A SQUADRE
    TORNEI INTERNAZIONALI 290,00€
    TORNEI INTERNAZIONALI GIOVANILI 140,00€
    TORNEI “OPEN” O DI CATEGORIA con m.tepremi ≥ 2.000 € 240,00€
    TORNEI “OPEN” O DI CATEGORIA con m.premi ≥ 2.000 € con conclusione delle sez.ni intermedie dei tabelloni ** 120,00€
    TORNEI “OPEN” O DI CATEGORIA con m.premi tra 1,000 e 1,999 € 170,00€
    TORNEI “OPEN” O DI CATEGORIA con m.premi tra 1,000 e 1,999 € con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni ** 85,00€
    TORNEI “OPEN” O DI CATEGORIA con m.premi < a 1,000 € 110,00€
    TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi ≤ 1,000 € con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni ** 55,00€
    TORNEI di DOPPIO (qualsiasi categoria e montepremi) 90,00€
    TORNEI GIOVANILI 110,00€
    TORNEI GIOVANILI con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni * 55,00€
    TORNEI VETERANI 90,00€
    TORNEI BEACH TENNIS con montepremi 100,00€
    TORNEI BEACH TENNIS senza montepremi 50,00€
    TORNEI INTERNAZIONALI DI BEACH TENNIS 240,00€
    TORNEI INTERNAZIONALI DI PADDLE 240,00€
    TORNEI AGONISTICI DI PADDLE 50,00€
    TORNEI NON AGONISTICI DI PADDLE 20,00€
    TORNEI NON AGONISTI 20,00€
    TORNEI INTERNAZIONALI PER ATLETI DISABILI 100,00€
    TORNEI NAZIONALI PER ATLETI DISABILI 20,00€
    APPROVAZIONE CIRCUITI REGIONALI 100,00€
    APPROVAZIONE CIRCUITI NAZIONALI 500,00€
    MANIFESTAZIONI PROMOZIONALI 10,00€
    AUTORIZZAZIONE SPECIALE PER UN TORNEO O UN CIRCUITO SU CAMPI NON AFFILIATI 200,00€
    ** è obbligatoria la conclusione delle sezioni intermedie dove partecipano i giocatori al vertice dei propri gruppi (4NC; 4^; 3^; 2^)
    QUOTE DI PARTECIPAZIONE AI TORNEI (di competenza F.I.T.)
    TORNEI INDIVIDUALI OPEN, DI 1^, 2^, 3^, 4^ CATEGORIA, o VETERANI 7,00€
    TORNEI INDIVIDUALI PER gli UNDER 16, 14, 12, 10 IN TUTTI I TORNEI 3,00€
    TORNEI A FORMULA RIDOTTA O WEEK END 4,00€
    TORNEI A FORMULA RIDOTTA O WEEK END per gli UNDER 16, 14, 12,10 2,00€
    TORNEI INTERNAZIONALI DI BEACH TENNIS 3,00€
    TORNEI BEACH TENNIS con montepremi 3,00€
    TORNEI BEACH TENNIS senza montepremi 2,00€
    TORNEI DI PADDLE 3,00€
    TORNEI A SQUADRE (per ogni squadra) 50,00€
    TORNEI NON AGONISTI A SQUADRE (per ogni squadra) 20,00€
    TORNEI NON AGONISTI 4,00€
    TORNEI NON AGONISTI (per gli UNDER 16, 14, 12, 10) 2,00€
    TASSA A FONDO PERDUTO NELLE MANIFESTAZIONI INDIVIDUALI 30,00€
    TASSA PARTECIPAZIONE AI TORNEI PER ATLETI STRANIERI NON TESSERATI 15,00€
    TASSA CHIUSURA TORNEO 100,00€
    Nel caso l'Affiliato organizzatore chiuda il torneo presentando i rendiconti amministrativi entro il 10° giorno dalla conclusione della manifestazione, la TASSA CHIUSURA TORNEO è ridotta ad Euro 50,00€
    Nel caso l'Affiliato organizzatore chiuda il torneo presentando i rendiconti amministrativi entro il 5° giorno dalla conclusione della manifestazione, la TASSA CHIUSURA TORNEO è ridotta ad Euro 0,00€
    TASSE PER RECLAMI E RICORSI
    RECLAMO A QUALSIASI ORGANO
    TASSA RECLAMO giocatori di 1' categoria e tecnici nazionali 500,00€
    TASSA RECLAMO giocatori di 2' categoria e maestri nazionali 300,00€
    TASSA RECLAMO giocatori di 3' categoria e istruttori di 2° grado 180,00€
    TASSA RECLAMO giocatori di 4' categoria classificati e le altre tipologie di tecnici 120,00€
    TASSA RECLAMO giocatori di 4' categoria NON classificati 70,00€
    TASSA RECLAMO tesserati non agonisti, soci e speciali 50,00€
    TASSA RECLAMO Serie A 600,00€
    TASSA RECLAMO Serie B 300,00€
    TASSA RECLAMO Serie C – fase nazionale di giovanili e veterani 180,00€
    TASSA RECLAMO Serie D – fase regionale di giovanili e veterani 120,00€
    ALTRE TASSE RECLAMO DI AFFILIATI E DIRIGENTI 200,00€
    RICORSO ALLA CORTE DI APPELLO FEDERALE
    TASSA RICORSO giocatori di 1' categoria e tecnici nazionali 1.000,00€
    TASSA RICORSO giocatori di 2' categoria e maestri nazionali 600,00€
    TASSA RICORSO giocatori di 3' categoria e istruttori di 2° grado 360,00€
    TASSA RICORSO giocatori di 4' categoria classificati e le altre tipologie di tecnici 240,00€
    TASSA RICORSO giocatori di 4' categoria NON classificati 140,00€
    TASSA RICORSO tesserati non agonisti, soci e speciali 100,00€
    TASSA RICORSO DI DIRIGENTI 700,00€
    TASSA RICORSO DI AFFILIATI avverso decisioni del Giudice Sportivo Regionale 400,00€
    TASSA RICORSO DI AFFILIATI avverso decisioni di altri Organi 700,00€
    VARIE
    CIFRA BASE PER L'INDENNITA' DI SVINCOLO 350,00€
    TASSA OMOLOGAZIONE NUOVA SUPERFICIE DI GIOCO 4000,00€
    TASSA OMOLOGAZIONE NUOVO MODELLO DI PALLE DA GIOCO 3.000,00€
    TASSA OMOLOGAZIONE NUOVO MODELLO DI PALLE DA GIOCO (DAL TERZO MODELLO IN POI) 1.500,00€
    TASSA RINNOVO OMOLOGAZIONE PALLE DA GIOCO 2.000,00€
    TASSA RINNOVO OMOLOGAZIONE PALLE DA GIOCO(DAL TERZO MODELLO IN POI) 1.000,00€

  204. ADDIRITTURA

    che assurdità penalizzare asd/circoli che hanno necessità di svolgere anche attività amatoriale/promozionale unitamente a quella agonistica (collegata ed in riferimento alle classifiche fit).Che miopia senza senso.Che qualcuno ponga rimedio, questa guerra non serve a nessuno!

  205. Nikolik

    Cioè, ma veramente la tessera costa solo 10 Euro?
    Ma veramente?

    Incredibile!
    Io quest’anno sono stato costreetto, a Saint Malo, a prendere l’ennesima tessera della FFT e mi hanno fatto pagare 20 Euro!

    Invito la FIT ad aggiornare immeditamente il costo della tessera, raddoppiandolo e mettendolo alla pari dei francesi.
    Eh, lo dovremo ribassare il debito pubblico, in qualche modo!

  206. Pio

    Nikolik,
    riesci sempre a farci ridere!

    Le tasse che Andrew ha riportato significano la seguente cosa:
    Un circoletto di provincia con 2 campi e 100 soci, che magari vogliono fare anche il campionatino AICS, ad inizio anno deve versare alla FIT 1300 € (100×10 + 250 + 50 )senza ricevere niente in cambio.
    Se poi ha la sventura di aver cresciuto e tesserato qualche ragazzo ben classificato, deve pagarsi altri 28,36 o 50 € a testa per mantenerli tesserati…..
    …poi aggiungi le tasse di iscrizione delle squadre se le vuoi fare, le tasse di trasferimento, ecc.. ecc.. (anche in questo caso non ricevi molto in cambio, visto che perfino il giudice arbitro per ogni incontro lo devi mettere a disposizione te!)

    Per questo i dirigenti dei piccoli circoli scelgono di scappare verso UISP AICS e via dicendo!!
    Se poi tu sei ricco e vai a giocare a Saint Malo buon per te, sarà normale che tu paghi anche 20 € alla FFT!

    Forse il debito pubblico si dovrebbe ribassare diminuendo gli sprechi? O aumentando ancora le tasse?

  207. Giorgio il mitico

    x 244
    cosa succede se un circolo ha vinto un appalto per la gestione di campi comunali con la clausola di lasciare al Comune medesimo per un certo numero di giorni all’anno liberi i campi per iniziative “comunali”.
    E consideriamo l’ipotesi che il comune organizzi in proprio un torneo di tennis sui campi in oggetto con premi e trofei.

    Non dimentichiamo che di sicuro ci sono appalti con clausole del genere, è possibile avere un parere legale ? Grazie.

  208. Giogas,
    abbiamo più volte detto che l’esperienza psicologicamente stressante di una partita di tennis tira fuori il carattere di una persona e spesse volte, ahime, il lato peggiore. Tuo figlio arriva ad identificarsi con il suo eroe e reagisce come se ci fosse lui sul campo. I suoi istinti sul campo (chje probabilmente riesce a reprimere alcune volte)sono esattamente quelli che dimostra davanti alla tv per il suo eroe. Sfortunatamente le capacità di controllo si acquisiscono ed apprendono meglio più in la nella maturazione personale. Acquisizione ed apprendimento che possono essere facilitate ed abbreviate dall’allenamento mentale.

  209. Nikolik

    Pio, io sono d’accordo con te!
    Devi sapere, però, che in questo sito la maggior parte dei commentatori ha sempre sparato a zero sui circoli di tennis, ritenendoli, a torto o a ragione, i maggiori responsabili dei mali del tennis italiano.

    Ecco, trovo un po’ strano che ci si lamenti delle tasse ai circoli e poi si attacchino i circoli continuamente.
    Tutto lì.

    Nel merito. nell’esempio che fai, circolo da 100 soci e 1.300 euro di tasse, direi che son 13 euro a testa.
    Una cosa sostenibile, direi, nessuna tragedia.

    Senza contare che nessuno obbliga un circolo ad affiliarsi alla FIT: se lo fanno, nonostante le presunte ingenti tasse, si vede che ne hanno una convenienza.
    Altrimenti, non lo farebbero, come, in effetti, in diversi non lo fanno.

    Infine, rappresento che io non avevo parlato delle tasse dei circoli, che francamente non mi interessano; io ho parlato solo della tessera da adulto non agonista, che in Italia costa solo 10 Euro mentre in Francia costa 20.
    Tutto lì.

  210. Maurizio

    OT:
    Leggete l’autobiografia della Pennetta, veramente bella, forse meno intrigante e ben scritta di quella di Agassi, ma un gradino più su di quella della Seles e decisamente migliore di quella di Nadal. Quest’ultima molto soft e no permette di capire bene il personaggio e laa sua vita, al contrario di quella di Flavia veramente incisiva, brava!!!

  211. atti

    Nikolik,
    niente smuove gli animi come quando ci toccano il portafoglio !
    Strano che dopo tutto questo tempo, non sia ancora, chiaro a tutti che il tennis è uno sport costoso, molto costoso; attrezzatura, maestri, campi + tesseramenti nei circoli, iscrizione ai tornei, attività agonistica…e ovviamente affiliazione alla federazione in tutte le sue forme previste.

    Sulle modalità di utilizzo delle risorse comuni, si puo’ discutere, tutto è opinabile e migliorabile, ….argomento piu’ da siti generalisti e populisti come Ubitennis, che di G&F, piccolo ambiente di tutela della specie protetta dei pochi ragazzini che provano a fare seriamente agonismo.

    Del resto:
    L’amatore/socio di circolo, ritiene fondamentalmente assurdo pagare tesseramenti e oboli alla FIT, visto che non è interessato a ricevere nulla dei servizi offerti su scala nazionale, preferendo forme di associazionismo nazionale libere e poco onerose….al massimo, si fa un salto agli Internazionali di tennis a Roma, per vedere il tennis vero (oppure se qualche sponsor paga, vedersi qualche match di serie A o B)…il suo micromondo è il circoletto sotto casa…il resto è noia.

    Il giovane agonista che vuole competere come obbiettivo primario, ritiene viceversa assurdo pagare oboli e tessere stemmate…ai circoli, preferendo forme di associazioni sportive libere dal vincolo al circolo, e basate sull’aspetto prettamente sportivo e agonistico di questo sport…al massimo deve utilizzare obtorto collo le strutture altrui, visto che da solo non puo’ trovare altre soluzioni alternative (poiché gli spazi, cioè i campi, sono già tutti “occupati”). Non sa che farsene dei campionati a squadre, se non, per compensare eventuali aiuti del circolo in cui è affiliato…

    Partendo dal presupposto che trattasi di 2 sport in uno…difficile accontentare in pieno entrambe le anime, quindi il fattore predominante rimane il compromesso, un colpo al cerchio e uno alla botte. Anche se ultimamente mi pare che l’ago stia pendendo per riportare questo sport in ambiti piu’ di competizione che di passatempo.
    E si sa, la competizione…costa ! Il gratis… è morto suicida !

  212. giogas

    Grazie Federico Di Carlo,
    Mio figlio in realtà in campo è costantemente e apparentemente impassibile sia nel successo che nell’insuccesso. Non esprime mai le sue emozioni nell’ambito del contesto sportivo in cui si mette in gioco. In caso di insuccesso siamo piuttosto noi genitori che avvertiamo le sue reazioni interiori (è più nervoso, si esprime con un linguaggio più pesante, ha meno voglia di mangiare …) Per quanto riguarda l’identificazione c’è da dire che si compiace del momento in cui il suo eroe si esalta e si “carica” come lui dice urlando “camon”, mentre critica in modo offensivo tutti gli altri giocatori che si comportano nello stesso modo, quando giocano contro Federer. Se registra una partita in cui Roger si è caricato, la vede ripetute volte invitando il fratello a fare altrettanto. Gli altri tennisti, se si caricano, sono tutti da biasimare. Anche quando gioca suo fratello gemello (che pratica ugualmente il tennis) a fine partita la prima cosa che domanda è ..”il tuo avversario si è caricato?” Solo Roger se lo può permettere. Altri aspetti ancora da sottolineare, e non si finirebbe mai, ha guardato talmente tante volte la registrazione della finale US open 2009 di Roger contro Del Potro che ha imparato a memoria la partita e la successione di tutti i colpi e di tutti i gesti che i due atleti compiono minuto dopo minuto! E’ da non crederci perchè la partita è stata molto lunga ed è da business dei primati! Alcune cassette sono state registrate in lingua tedesca ed è arrivato perfino ad imparare delle frasi a memoria in questa lingua che neppure conosce. Ha un bisogno potrei dire vitale” quando ritorna da scuola o dopo un periodo di studio più assiduo di vedere “il suo Roger” infatti dice: “Ora mi vedo un po’ di Roger”. Quando durante una partita viene inquadrato il settore in cui ci sono i sostenitori di Federer di nuovo si compiace per quanti cappellini vede con il logo RF, ferma l’immagine e conta quanti sono.
    Con queste manie condiziona un po’ tutti: noi genitori e il fratello gemello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *