BranchStats: 30 Novembre 2015

di - 30 Novembre 2015

Paolo Lorenzi colpisce

di Luca Brancher

‪#‎Branchstats‬ ‪#‎AtpChallengerTourFinals‬

Quinta edizione, e si riscontrano dei pattern eloquenti:

– l’incontro di finale era già stato sempre disputato nel girone (dal 2011 al 2013 l’esito è stato ribaltato, poi confermato);
– per la quarta volta di fila il match di finale si era già disputato nella prima giornata (2011 Stebe vs Sela, 2013 Volandri vs A Gonzalez, 2014 Schwartzman vs Clezar);
– per la seconda volta, dopo il 2011, il primo incontro in assoluto è stato anche quello di finale;
– per la seconda volta, dopo il 2011, a vincere è stato il giocatore numero 5 della competizione;
– per la seconda volta, dopo il 2012, l’incontro si è concluso 7-4 al tie break del terzo set, vinto da chi si era aggiudicato la prima frazione

Ha comunque vinto Íñigo Cervantes, che deve probabilmente ringraziare il nastro colpito sul 3-4 del tie break, in una posizione di disagio. Cornice abbastanza tristanzuola, che mi ha ricordato l’atmosfera che aleggiava nella palestra di “Teen Wolf” nei secondi finali della sfida finale dal campionato di Basket. Considerando che, però, in campo non c’era un buono assoluto e un cattivo assoluto, così come mancava qualcuno che all’occorrenza potesse trasformarsi in lupo: per questo motivo Il pubblico era coinvolto poco meno del giusto. Per il resto:

– Se escludiamo le inique wild card brasiliane, Bellucci e Clezar lungo questo lustro – salvo la sostituzione in corso, nel 2012, di Thiago Alves – Paolo Lorenzi e Guido Pella hanno raggiunto Adrian Ungur a quota 2 nella graduatoria delle partecipazioni ai “Masterini”. Paolino non ha mai saputo lasciare il segno come spesso è stato in grado di fare a livello Challenger, Pella era seriamente interessato a bissare il titolo del 2012, non fosse capitato quello che è successo contro Cecchinato;

– Se poi avesse vinto la semifinale, che per infortunio ha evitato, avrebbe incontrato in finale quel Cervantes, battuto 7 giorni prima a Montevideo: sarebbe stata il primo caso di finale delle Finals già disputata allo stesso livello;

– Dopo i brasiliani, sono stati gli Italiani i più presenti (5, Lorenzi 2012-2015, Volandri 2013, Bolelli 2014, Cecchinato 2015), anche se i tre tedeschi (Beck, Bachinger, Stebe) del 2011 rimane il record singolo per edizione. Sono 19 le nazioni ad aver avuto almeno un rappresentante in questo particolare torneo;

– Ho scoperto che nella prima edizione ha giocato pure Bobby Reynolds e mi sono sentito vecchissimo.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *