I Video di Alessia D’Auria

di - 24 Luglio 2011

Non potendo pubblicare il video direttamente nei commenti, dopo aver chiesto il permesso a Max pubblico il video di Alessia del quale si stava parlando nell’articolo “Campionati Europei: I Convocati”

[youtube Ws4nsIJvP7o]

[youtube Ljn1FOCs7V0]

[youtube 0LnlpQ1T1_c]

[youtube iynp-3peS6Y]

[youtube degrxDd7aTE]

© riproduzione riservata

123 commenti

  1. Maurizio

    Ecco, queste sono le cose utili, quello che aiutano tutti, ragazzi (si fa per dire), insriteli tutti quanti i video.
    Max complimenti, adesso dici su cosa stai lavorando.
    Sarebbe anche utile per tutto il tennis italiano se ognuno condividesse anche il tipo di routine di allenamento tecnica e di pa. Ivano, dai, non ti sottrarre.

  2. Maurizio

    Inizio io a dare un piccolo contributo. L’argomento è il timing sulla palla. Ho copiato questa cosa che vi dirò, dal calcio che è molto avanti in queste cose, sono in tanti che ci studiano perchè si sa il business lì è molto elevato.
    Riguarda l’allenamento dei portieri, già con lo split step il tennis a “rubacchiato” da questo ruolo calcistico; sempre per allenare i portieri al timing, si usano degli occhiali detti stenotopeici, i quali, sono nati per riposare gli occhi dal pc, hanno tanti forellini e si trovano in internet a circa 4 euro, ma come già detto aiutano nella valutazione della traiettoria e profondità della palla.

  3. complimenti signor d’auria , sua figlia serve benissimo, se mi permette un consiglio tecnico, proverei a farle sentire la discesa del braccio sinistro dopo il lancio palla , potrebbe recuperare energia elastica aumentando la velocità in uscita.
    ma è solo una mia considerazione che mi piacerebbe dimostrargliela.

  4. se fossi cattivo, dorei…mmm, non ci vedo intensita’…. scherzo!!!!
    adesso bisognerebbe pubblicare i video delle coeyanee e poi fare, in maniera civile, i confronti…magari facendosi aiutare da veneziani e sconfield, ma anche da roberto … non per dire questa e’ meglio di quell’altra ( la migliore e’ quella che vince, punto) ma per aiutarsi … avreste dovuto farlo gia’ qualche anno fa, invero, ma non e’ mai troppo tardi… certo, bisogna darerova di maturita’, sia nel criticare che nel ricevere le critiche … ricordando sempre che poi lo scambio vero puo’ essere un’altra cosa …

  5. bogar67

    Io ho fatto alla Van Der Mer 15 giga di filmati ma mia figlia ha sei anni 🙂 🙂 faccio scambio di vedute con nunziovobis su fb che è meglio 🙂
    Se posso invece vi faccio vedere come tiene la racchettina babolat in mano e tira le palline mio figlio di 1 anno e sei mesi 🙂 vorrei un giudizio sulla coordinazione e se è contento quando gioca!! 🙂

  6. si, perche’ erano riferite ad un circuit training aerobico di prima fase di petiodizzazione e quindi appunto, per definizione, a media intensita’!!! comunque, scherzavo, era uno sfotto’ dei miei … no offence intended!

  7. Roberto Commentucci

    Eccomi qua.

    Come sapete non sono nè un tecnico nè un maestro, quindi potete mandarmi a cagare quanto e come volete.

    Devo dire che mi piacciono molto tutte e tre le ragazze.

    Ho più confidenza con Maurizio e Max, e quindi per ora mi concentro su Chiara e Alessia.

    La tecnica più pulita e completa secondo me è quella di Chiara Pusceddu.

    La cosa che mi piace di più di Chiara è la disinvoltura notevole che mostra al volo, ma anche il diritto secondo me è ottimo. Non mi convincono completamente gli appoggi del rovescio, mi sembra che riesca a posizionarsi bene sempre un pò in extremis, ma forse ho visto male, è difficile giudicare da due tre colpi… e poi secondo me in generale può progredire parecchio sul piano atletico.

    Vendendo ad Alessia, e sperando di non suscitare le ire di Max… 🙂

    Intanto complimenti, la struttura fisica mi pare magnifica, è cresciuta tantissimo dallo scorso anno al Canottieri Roma e le gambe sono definite in modo spettacolare, mi ha fatto venire in mente la Giorgi.

    Il servizio è sicuramente il colpo che mi piace di più, anche se sicuramente il maestro Vincenzo Gerbino ha ragione, resta un pò troppo a lungo con il braccio sinistro disteso e questo frena la rotazione delle spalle. Comunque per avere 13 anni è un servizio eccellente, ha una grandissima dinamica. Un gesto che contribuisce parecchio a spiegare secondo me la vittoria sulla Zerulo sul veloce in coppa delle regioni.

    Dei due fondamentali preferisco il rovescio, secondo me lo indirizza benissimo con la seconda mano, mi pare un colpo che spinge ma che controlla anche molto bene. Il lungolinea è molto naturale, e può diventare un’arma eccellente. Sul diritto apprezzo molto la eastern pura, ma c’è qualcosa che non mi convince nella rotazione interna del polso/avambraccio, credo che sia un colpo sicuramente potente, ma discontinuo, che tende a scappare un pò.

    Insomma, se il timing non è quello giusto o se non è in giornata può commetterci parecchi errori.

    Eccellenti, invece, gli appoggi.

    In generale queste caratteristiche, assieme all’impostazione tattica molto aggressiva, fanno per ora di Alessia una giocatrice molto migliore sul veloce che sulla terra, a mio avviso.

    Per sua fortuna, e grazie alla follia del sottoscritto, 🙂 i campionati italiani under 13 li giocherà sul sintetico.

  8. Madmax

    Eccomi..

    Bah la video è buona ma ci sono parecchie cose su cui si deve lavorare (anzi lo stiamo già facendo visto che la video è ormai di un mese e mzzo fa..)

    Giustissima l’osservazione riguardo il braccio sx che scende presto sul servizio..

    In realtà ci avevamo un po’ lavorato anche l’anno scorso ma faceva un po’ fatica e l’ho lasciata stare.. Ora sembra vada un po’ meglio, ma cmq lo sistemeremo definitivamente quest’inverno..

    Sempre sul servizio dovrebbe spingere maggiormente con il piede dx..

    Il dritto..

    Come ormai tutti sapete è il colpo su cui abbiamo lavorato di più in questi anni..

    Deve coprire maggiormente la palla prima di tutto e questo è un refuso in quanto ha sempre giocato molto piatto..

    Altra cosa da sistemare è il polso che ogni tanto scende un po’ troppo (siamo a buon punto) dando tempo all’avversaria..

    Questo nasce dal fatto che l’anno scorso (l’avevo anche scritto) abbiamo inserito le rotazioni e lei ha trovato questo suo adattamento.. Tra l’altro un po’ di spin le aveva dato parecchia sicurezza e l’avevo lasciata fare anche perchè cmq di forza ne perdeva poca..

    Il timing però ne risentiva anche perchè a volte per far girare faceva scendere la palla e questo non si può fare per nessun motivo al mondo.. 🙂

    Ora che un po’ di forza è arrivata invece si può comiciare a lavorare sullo spin aggressivo facendo cioè roteare all’interno l’avambraccio in modo che lo spin venga dato dal “tergicristallo”.

    Detto questo pensando da dove partivamo con questo colpo e considerando che Alessia il dritto lo sente ormai come il suo colpo migliore sono parecchio soddisfatto..

    Il rovescio.. Beh qui sono più che altro dettagli anche se poi qualcosa sto cambiando.. Era il suo colpo naturale poi pensando al dritto un po’ l’abbiamo tralasciato..
    In buona sostanza continua ad essere un colpo molto buono in fase offensiva meno in quella difensiva..

    Quello che si vede è che fa girare poco la palla, in realtà non le parte il pensiero di difendere anche quando lo dovrebbe fare..

    Ora che come dicevo si è sviluppata e possiamo cominciare a caricare un po’ abbiamo anche inserito i colpi in open visto che man mano che si andrà avanti il tempo sarà sempre meno, e quindio come dicevo anche con il rovescio inizia ogni tsanto a difendere anche se per questo colpo un po’ di forza le manca ancora..

    Il back non si vede ma comincia ad essere molto buono.. Lo usa spesso in difesa ogni tanto (poche in verità ma va bene così) per scelta.. Di conseguenza ogni tanto ci scappa anche qualche smorzata..

    Il gioco di volo..

    Assolutamente la parte peggiore… Bisogna lavorsarci moltissimo e già in qiesto mese e mezzo ne abbiamo fatto uno sproposito.. Con anche qualche miglioramento a dire il vero..

    Per risponder anche ad Atti dico che il fatto di farlo o meno in situazione di stress non c’entra nulla..

    In didattica si parte dal cesto (anzi a volte anche lanciando la palla con le mani) poi si passa al palleggio per finire con i punti ed i match..

    Perciò se tu una cosa non la fai al cesto non potrai mai farla in partita..

    Al contrario se tu sai fare le cose dal cesto prima o poi ed esattamente dal momento in cui automatizzeri in palleggio comincerai piano piano a farlo anche in match (dovrai al massimo fargielo notare), ovviamente continuando a lavorarci sopra..

    Sotto stress sono altre le cose che a volte non si fanno o meglio si sbagliano e queste sono le scelte.. anche qui però volendo si può automatizzare il tutto..

    E su questo quest’anno ho cominciato a farle vedere un po’ come funziona , dalla seconda parte del prossimo inverno sarà la priorità.. In buona sostanza cominceremo a far qualcosina per vincere i match..

  9. simplypete

    Ste…
    anche il mio non era certo un post offensivo, mi sembra evidente che possiamo bonariamente scambiarci sfottò senza fare i permalosi…
    Per quanto riguarda i video che dire:
    li trovo sostanzialmente inutili per quanto riguarda, il diritto ed il rovescio, in quanto non sono in situazione di palla “reale” utili per il servizio, l’unico colpo di inizio gioco quindi”reale”…
    Roberto dice…resta un pò troppo a lungo con il braccio sinistro disteso e questo frena la rotazione delle spalle….
    Max dice:giustissima l’osservazione sul braccio sx che scende presto???
    Mettetevi d’accordo….

  10. Madmax

    Come vedi Roberto non solo la pensiamo uguale (e questo mi preoccupa non poco!! aaaaaaaaaaah) ma ti hoanche già dato le risposte che volevi..

    In realtà ed è questa forse la cosa migliore di Alessia difficilmente nonostante tutto il dritto le scappa ma è in generale che sbaglia poco nonostante spinga sempre.. a meno che sbagli l’approccio alla partita e non capisca eattamente che deve fare allora ad un certo punto vuole sfondare a tutti costi e va fuori giri..

    Capita infatti solo ogni tanto o quando perde la pazienza, ma soprattutto (e non per una questione di superfice perchè lei sulla terra gioca molto bene ma perchè sulla terà è più facile per le avversarie difendere) quando trova una che difende bene per il semplice motivo che per ora gioca molto meglio quando non ha tempo rispetto a quando ne ha di più, cioè paradossalmente gioca meglio quando è più difficile..

    Questo però accade per una nostra scelta ben precisa nel senso che abbiamo sempre lavorato in ottica di rubare il tempo giocare di ritmo etc etc.. come base..

    Devo dire che ultimamente stiamo lavorando anche sul resto e si sono notati progressi considerevoli, tant’è che ad esempio con la Castelli con cui non ci aveva mai vinto nemmeno un set, ha vinto proprio sulla terra..

    Il punto è che con quelle della sua età può riuscire a sfondarle, quelle più grandi non ancora..

    Ripeto però che ancora per quest’anno le nostre priorità saranno soprattutto tecniche, dall’anno prossimo cominceremo a privilegiare i match per arrivare ai sue anni successivi dove in pratica lavoreremo esclusivamente su quello..

    Il fisico.. Vabbè ma tanto i PA sono tutti uguali, no e che ce vò.. ah ah

    Ah dimenticavo una cosa, ritornando per un attimo al dritto..

    Anche il fatto di lasciar perdere unn momento l’aspetto puramente tecnico è stato per quest’anno una precisa scelta e non credo sia un caso che i risultati ne abbiano beneficiato..

    Intendiamoci è stato solo una pausa perchè come sai io tengo molto alla parte tecnica, ma dico a tutti state attenti a soffermarvi troppo solo su quella… Si perde la ragione e ci si dimentica che poi a tennis non si giooca da fermi.. purtroppo…

    Perciò dico di portare avanti tutto insieme e anche se per alcune cose ci metterete un pochino più di tempo per sistemarle fregatevene perchè in questo modo non rischiate di non poterne più portare avanti altre ben più importanti..

    Tra l’altro più che un rischio è una certezza..

  11. Madmax

    Simply..

    E’ scontato, Roberto giustamente diceva che stava con il braccio dritto orizzontale e non verso l’alto.. come diceva Nicox..

    E come si diceva sono irreali ma se non si parte da qui nel reale non si possono poi giocare i colpi in modo corretto..

    A quel punto mancano solo gli appoggi e parte atletica per arrivare sulla palla..

  12. Roby

    Servizio stupendo, molto elegante negli altri colpi.
    Le cose che non mi entusiasmano particolarmente sono le grandi aperture sul diritto e sul rovescio e quest’ultimo parte sempre dall’alto… magari è voluto ma non è il mio preferito.
    Comunque complimenti e spero di poterla vedere giocare dal vivo

  13. rikys

    Io sono d’accordo con ciò che scrive simplypete….. la videoanalisi o semplicemente un video io lo farei in situazione di partita. A parte il servizio io credo abbia poco senso filmare un dritto o un rovescio dove il giocatore ha mezz’ora di tempo per colpire la palla.

  14. Madmax

    Ale..

    Mi sembra di averti mandato anche qualche video in palleggio, se puoi mettilo su..

    Roby..

    Onestamente le aperture non sono così grandi tanto è vero che lei gioca molto bene sul veloce..

    Dìaltronde se poi vuoi essere potente.. E le ultime indicazioni a livello formativo vanno proprio in quella direzione..

    Onestamente poi ha uina velocità di braccio che le permette di colpire sempre bene avanti la palla per cui direi che andiamo bene

    Tra l’altro poi con il crescere della forza se serivrà si potranno anche leggermente dimninuire o meglio sarà lei che si adatterà..

    Il discorso del rovescio… In verità come ho scritto sopra qualche piccolo accorgimento lo stiamo apportando però anche lì le indicazioni sono di portare indietro le braccia verso l’alto..

    Semmai dovrebbe colpira un po’ più avanti andando meno sotto questo si cmq anche Pizzorno mi diceva che sono tutti dettagli di poco conto che man mano si sistemeranno non dico da soli ma quasi..

    E anche dal ST arrivano inviti a rivolgere molto più l’attenzione sulle varie situazioni di gioco..

  15. Yorich

    Bei video, complimenti!
    Per quanto riguarda il dritto di Alessia, la maggior parte dei pro optano per un’apertura con l’avambraccio maggiormente flesso sul braccio, spesso guidata dal gomito, in modo da ridurre la leva e quindi accorciare i tempi dell’apertura stessa. In questo modo l’attrezzo rimane più vicino al corpo e se ne ha un maggior controllo durante l’apertura e nella prima fase del movimento a colpire. Inoltre la successiva distensione del braccio verso l’impatto determina un ulteriore incremento di potenza. Proverei a lavorare su questo aspetto.

  16. Stefano Grazia

    simply, avevo capito, don’t worry …

    i video di Chiara e Alessia sono bellissimi, impressionanti i progressi di Chiara, Alessia l’avevo vista di piu’ due anni fa e so che entra benissimo in campo, a impattare in avanti…due anni fa semmai mi aveva lasciato il dubbio degli spostamenti laterali, cioe’ il colpire la 4-5 pallina se non aveva gia’ fatto il punto che e’ quello che le capiterebbe giocando con Shiskhina, Black e Nefedova (ma allo stesso tempo…potrebbe anche colpire nettamente piu’ forte di loro, chissa’…)… Per questo insisto che questi video, bellissimi comunque, dovrebbero essere abbinati a degli scambi dddi palle vive e non solo col Maestro Palleggiatore ma anche con Avversaria in Partita … Lo dico per esperienza personale perche’ in questi giorni il dritto di mio figlio e’ stato quotato in borsa da quel che si vede in videoanalisi ma cio’ non significa che gli abbia fatto mai vincere una partita negli ultimi sei mesi … Purtroppo il Tennis non e’ uno sport per Giudici con le palette…Detto questo, e’ chiaro che la videoanalisi puo’ essere utilissima e noi lo diciamo fin dai tempi di ubitennis e anzi, a quei tempi ci insisteva moltissimo proprio mad max,diamo a cesare quel che e’ di cesare e cioe’…23 pugnalate!
    Scherzi a parte, provero’ a guardarci attentamente anch’io anche se onestamente a sentir parlare di braccio che scende di 3.5 mmm a destra con il dito mignolo che piega a sinistra mi fa un po’ rabbrividire … o semplicemente mi mette in soggezione…Confesso che io guardo molto di piu’ la fluidita’, la velocita’, magari il suono … e se la palla rimane in campo! Ma io sono l’INesperto e quindi e’ giusto cosi’…

  17. Stefano Grazia

    Il suono perche’ e’ quello che fa girar la testa a Paul Newman, impegnato ad imbonire una tardona al bar, ne Il Colore dei Soldi quando sente il bel CHOK! che fa la pallina quando e’ colpita dalla stecca di Tom cruise all’inizio del film di Scorsese…

  18. Stefano Grazia

    Quando a dire il vero il suono che ti dovrebbe attirare l’attenzione forse e’ piu’ quello dei piedi che si muovono corti e veloci…

  19. nicoxia

    Max io veramente parlavo del braccio destro,comunque a queste situazioni ci sono abituato,dopo aver proposto di mettere su youtube i video e io e Maurizio siamo stati i primi tutti gli spunti con articolo sono per Max,non sono invidioso ma non c’è gloria per gli artisti.

  20. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Nicoxia
    Hai perfettamente ragione. Sono stato via due giorni e mi sono perso alcuni commenti. Mandatemi entrambi i vostri link youtube a vastic82@gmail.com che domani metto anche i vostri. Grazie Mille

  21. Madmax

    Ciao Nico..

    Ci mancherebbe che tu fossi invidioso, mi avete detto di mettere i video e li ho messi, mi hanno chiesto di farne un articolo l’ho fatto che devo fare di più??

    Per quanto riguarda invece il braccio dx hai ragione..

    Ed in verità mi sono dimenticato di scrivere riguardo a questo..

    Il punto è che per fare le cose fatte come si deve dobbiamo cambiare il lancio di palla perchè il punto è che con quel lancio diventa difficile aprire subito e tutta la spalla..

    Ora noi abbiamo lavorato sull’aperura immediata e completa della spalla e le cose vanno molto meglio, ma l’avevamo già dovuto fare l’anno scorso e poi è tornato tutto come prima.

    Alessia in questo momento preferisce non cambiare il lancio (lei ora tira avanti la palla subito e non mentre si gira) e perciò ce ne occuperemo alla fine della stagione..

  22. Madmax

    Yorich..

    Intanto grazie di tutto anche del consiglio, poi boh come dicevo anche aRoby per ora vorrei concentrarmi più sulla copertura della palla perchè come dicevo la palla la colpisce ben avanti e tira molto forte..

    Come dicevo poi le ultime indicazioni sono di non esasperare troppo le aperture troppo contenute anche se poi la Kvitova riesce a tirare fortissimo ugualmente..

    Ed effettivamente Alessia tira forte in ogni modo per cui vedremo qunado avremo terminato la copertura della palla e la non caduta deela testa della racchetta..

    Cmq poi guardando anche una slow motion del dritto di Federer, parliamo di cambiamenti minimi e di poco conto..

  23. Madmax

    Stefano..

    Come Commentucci sei ossessioonato dai piedi.. 🙂

    ma perchè i vostri puzzano e allora li sbattete veloci per non sentire il tanfo?? ah ah

    Ah no vi piaciono veloci perchè vi piace come gioca Serena Williams!! ah ah ah

    No cmq vi sfotto ma sono d’accordo poi come sempre detto è chiaro che i piedi della Schiavone saranno sempre più veloce di quelli della Kvitova che però in compenso tira tre volte più forte e serve meglio..

    Ad ognuno i suoi pregi e i suoi difetti..

  24. Madmax

    Ale basta che vai su youtube e metti Alexia Carlone Sestola 2011.. Poi medesima cosa con Chiara Sestola 2011..

  25. Maurizio

    Grazie Roberto e Stefano per i complimenti (a Nicoxia l’avevo già ringraziato).
    Per il resto sono d’accordo sul fatto che le riprese andrebbero anche fatte in partita, concordo sul fatto che non bisogna guardare i millimetri, ma anche avere scilotezza, sentire il suono della palla e vedere come esce veloce. Così come è giusto il fatto che non si colpisce da fermi, anche se non è del tutto giusto nel senso che un buon atletismo dovrebbe portare a colpire da fermi, ovvero accellerazione e stop prima di colpire, però giustamente se sulla palla non ci arrivi, nessuna tecnica di può salvare, ma anche se sei Bolt e non hai tecnica non vai da nessuna parte.
    Per il resto trovo estremamente costruttivo questo approccio al blog che diventa utile e costruttivo per tutti.

  26. Maurizio

    Dovevo una risposta a Simply per gli occhili stenotopeici, non conosco il meccanismo come agiscono, credo gli abbia inventati il dr Bates per correggere delle imperfezioni visive, cerca il metodo Bates su internet, so per certo che alcuni giovani portieri vengono allenati anche così.

  27. Maurizio

    Un altro spunto di riflessione, e spero che qualche preparatore compreso Catizone, tramite Max ci aiuti, è il discorso del portare in campo le capacità atletiche, mi spiego meglio, conosco dei giocatori che pur essendo degli ottimi atleti, in campo si muovono male, attenzione, non per ansia da prestazione. Alcuni preparatori sostengono che la maggior parte della preparazione atletica andrebbe effettuata nel contesto target ovvero su un campo da tennis.
    Chi ci dice qulcosa al riguardo?

  28. ivano

    yoric
    Scusa ma mi permetto di non condividere……..
    proprio appunto perchè lo fan tutte(le femmine) noi dobbiamo andare in contro tendenza e fare come fanno i maschi ovvero ampiezza massima e controllo del colpo con l’avambraccio……(sul dx)

    Max
    Sai che non faccio commenti tecnici su allieve che non sono mie………
    Su Alessia pero’ lo faccio………ah ah ah ah ah
    Buona in tutto caxxo per essere un negatello alle prime armi hai fatto un buon lavoro…….ah ah ah ah ah ah ah ah ah
    Mi sembra e ripeto mi sembra che colpisca la palla dietro sul servizio……….solo questo ho notato……

  29. anto

    Molto interessante, siamo tutti tifosi di Alessia, chissà che questa ragazzina possa diventare una nuova Pennetta….

  30. Madmax

    Maurizio..

    Certo che intendevo che sulla palla ci devi arrivare.. 🙂

    Ma cmq tra le due cose molto meglio essere Bolt e sulla palla arrivarci perchè poi in qualche modo la butti di la.. Se non ci arrivi puoi solo pensarlo..

    Basta guardare Djokovic, appoggi inesistenti (gioca sempre solo in volo), presa esasperata, apertura molto ampia.. Eppure..

    Ormai se non ti muovi.. E andrà sempre peggio..

    Ciao Ivano, grazie di cuore..

    Il lancio però deve essere un’impressione perchè anzi l’abbiamo un po’ spostato indietro visto che la lanciava troppo avanti.. Cmq le darò un’occhiata con più attenzione, non si sa mai..
    Qui a guardare tutto dopo un po’ ti fuma il cervello..

    Anto..

    E no per favore non mi volere male!! ah ah ah ah. Ricorda non ho mai detto 10, solo e unicamente 1!! 🙂

  31. Yorich

    Ivano
    Sono d’accordo, e infatti mi riferivo ai maschi.
    “Ampiezza massima e controllo del colpo con l’avambraccio” nella fase di pre-impatto, impatto e follow through, ma gomito piegato nella prima fase di apertura. Il che non limita l’ampiezza dell’apertura stessa (vedi Soderling) ma fa in modo (per via delle leggi sul momento angolare) che l’attrezzo possa essere gestito con più facilità in apertura e nella ricerca della palla. Inoltre si ha in questo modo un accumulo di energia che viene poi rilasciata nella successiva distesione del braccio.

  32. uno dei migliori forehand di tutti i tempi fu quello di Arias…apriva che quasi andava col braccio sull’altro campo… stessa cosa Soderling che in effetti mi ha sempre tormentato quando sentivo tutte queste teorie sulla compattezza del gesto…e Soderling allora, chiedevo? e lo chiedevo gia’ 5-6 anni fa quando veleggiava fra i top 20 e nessuno ipotizzava che finisse nei top five … e poi c’e’ Del Potro …e prima quel matto di Rodrigues … Io credo che la cosa piu’ importante non sia l’ampiezza ma il timing: se hai un timing eccezionale puoi avere l’apertura che vuoi …

    e sempre a proposito di aperture, non dimentichiamo quella mentale …ma dei coach, che forse per un atleta e’ meglio essere un po’ ottusi …troppi pensieri, interessi, curiosita’ … portano a dubitare … E’ stupefacente che ogni tanto arrivino al numero uno personaggi come mcenroe, agassi o djokovic… io spero ci arrivi anche murray, prima o poi … da farci un articolo, prima o poi …

  33. Vi ho sempre accennato che secondo me Micholas potrebbe essere in futuro un grande coach perche’ ha una capacita’ di analizzare i colpi e la tecnica vhe ha sempre ‘amazed’, imptessionato i vari tecnici con cui ha lavorato…fin troppo, forse, perche’ cio ha ingenerato in lui la Sindrome del Perfezionista di cui msgari parleremo in futuro… Comunque ho parlato con Nicholas a cui avevo chiesto un parere tecnico sui video e lui ha subito detto che prima di tutto lui non aveva molto da obiettare se Chiara e Alessia quando colpiscono la palla viaggia e fanno punto…da un punto di vista tecnico ,strettamente tecnivo, avrebbe osservato ( ma eravamo al telefono mentre lui era in un negozio di ottica- deve mettere le lenti a contatto-e ne riparleremo magari stasera su skype):

    alessia…il servizio lo tira, ma la mano sinistra va giu’ troppo presto, non puo’…perde potenza…il dritto anche li’ ha la mano sinistra che rimane troppo attaccata alla racchetta, la lascia troppo tardi, inoltreha un loop troppo ampio e non esiste, secondo lui, visto che colpisce solo piatto…poi ha fatto un discorso sul polso che invece di girarlo all’indietro lo ruota in avanti…il trasferimento secondo lui e’ troppo anticipato, dice che forse era quella palla li’ e magari non lo fa sempre…il follow trhu e’ secondo lui troppo scolastico, e quello l’avevo notato anvh’io, sembra che sia troppo conscia, e poi mi ha spiegato tutta una complicata sequenza di movimenti, magari ci ritorneremo…certamente ha notato la predilezione per il neutral stance mentre lui ha la preferenza tutta americana per open o almeno semiopen… ottimo il rovescio, dice, magari back swing troppo ampio e poco spin ma trasferimento buono…potrebbe avere, lei come del resto chiara, problemi in futuro quando aumentano la potenza e senza rotazioni la palla non sta piu’ dentro…

    chiara…molto buono il servizio…il dritto…va troppo in avanti col piede, esagerato…col rovescio colpisce indietro, e/o andando indietro, alla fine la palla gli dovrebbe uscire troppo corta …

    come ho detto, ne riparleremo magari guardando contemporaneamente i video . se ho capito bene lui, per suaesperienza personale, dice che alla fine non vuole criticare perche’ se poi loro il punto lo fanno, hanno ragione loro… quello che contesta e’ l’assenza di spin e dice che potrebbe essere un problema in futuro …puo’ essere che in certi passaggi ho frainteso il suo pensiero per cui semmai insultate me e non lui, devo dire che lui sarebbe stato anche molto piu’ dettagliato ma certi particolari, non avendo in quel momemto i video sotto gli occhi, non li ho capiti bene io( anche perche’ a volte la sua proprieta’ di linguaggio, un misto d’italiano inglese, lascia a desiderare) e quindi ho preferito aspettare … e comunque mi sembrava intrigante avere il parere di un coetaneo, anche se maschio,con l’insofferenza che a volte questo comporta nel giudicare i corrispettivi femminili, anche se un anno piu’ grande, anche se magari meno tollerante del coach che conosce i vari passaggi relativi anche all’eta’ … devo dire che mi e’ sembrato molto maturo e ripeto, lui ha piu’ volte ripetuto che indipendentemente da quel che piace o jon piace a lui, se loro con quel dato colpo fanno il punto, hanno ragione loro …

  34. Vincenzo Gerbino

    Signor D’auria per spingere di più con la parte destra , dovrebbe sentire il peso del corpo che rimane più a lungo sul piede destro assieme al braccio racchetta .
    Dovrebbe ritardare il passaggio del peso verso l’alto

  35. Nikolik

    Oh ragazzi, ma è forte sul serio questa D’Auria!

    Grande servizio, c’è poco da dire.
    Grande rovescio, c’è poco da dire.
    E devo dire che, nella mia modesta carriera tennistica, più incontravo giocatori forti e di classe, più erano forti di rovescio.
    Grande rovescio lungolinea, c’è poco da dire, se non da ricordare che il rovescio lungolinea è senz’altro il colpo più difficile da fare su un campo da tennis.

    Sono proprio contento!
    Eh, sì, son contento perchè sono tesserato e sono contento che la mia Federazione spenda bene i miei soldi di tesserato su di lei!
    Eh, questa D’Auria comincia a costare pareccio, fin da giovanissima, migliaia di Euro all’anno, alla Federazione!

    Anzi, vi prego di postare sempre i suoi risultati, di questa D’Auria, in modo da controllare il nostro investimento.
    Ora ne abbiamo diritto, visto che paghiamo.

    Però è proprio forte, eh, altro che storie!
    Ce ne fossero così!
    Ora comincio a capire come mai Madmax è così malvisto dai suoi colleghi genitori…
    Eh, l’invidia!

  36. Nikolik

    Ben detto, Andrew!

    Madmax deve sapere ed essere consapevole che, mentre noi amabilmente scriviamo su questo blog e mentre dissertiamo sulla videoanalisi di Alessia, in Federazione, in questo stesso momento, c’è un omino, gobbo, con gli occhialini, un contabile, con la forfora, gli occhi cisposi, un segretario, poverino, che, con un registrone, sta annotando minuziosamente tutti gli Euri che questa ragazzina costa alla Federazione, cioè, quel che, possiamo ben dirlo, a noi tesserati, CI costa.
    Perché son soldi nostri, che vengon spesi!

    Eh, del resto, caro Andrew, chi vuole l’indipendenza non deve farsi pagare!
    L’indipendenza è soprattutto economica.

    Ma io son contento di come vengono spesi questi soldi.
    Questa ragazzina ha veramente un futuro, è giusto che venga agevolata!
    Viva la FIT!
    Viva l’Italia!

    Genitori, datevi da fare, di solito non esce più di una top 100 per anno!
    E questa sembra messa molto bene!
    Spero per voi!

    Prego tutti coloro che riccevono aiuti dalla Federazione a postare i risultati dei figli in modo da valutare, noi tesserati, la bontà dell’investimento fatto.
    Il tutto, per la più volte richiesta, da Voi Genitori, trasparenza sui conti federali.
    Grazie.

  37. Kill Bill

    Nikolik,
    per una volta sono d’accordo con te … non so se ti farà piacere.
    Ma rendiamoli pubblici questi contributi e accanto i risultati ottenuti
    … solo che non lo devono fare i genitori ma la federazione !!!!!!

  38. andrew

    ammazza che barboni siete!!

    madmax è ancora all’antipasto (la maggior parte se l’è portato da casa, poi) e già gli presentate il conto!!

    un po’ di signorilità, suvvia..

  39. Roby

    Non c’è cosa migliore che investire i soldi sui giovani!!!
    Non credo che ci sia qualcuno che possa dissentire da ciò 😉

  40. …c’è un omino, gobbo, con gli occhialini, un contabile, con la forfora, gli occhi cisposi, un segretario, poverino, ….

    ma chi e’, giorgio giorgio?

  41. Kill Bill

    FEDERAZIONE,
    di che hai paura ? rendi pubblici i contributi che dai a destra e a manca , i tuoi tecnici sono bravi, monitorano tutto, sanno tutto di tutti e allora cosa aspetti , rendi i tuoi conti trasparenti a NOI tesserati che così possiamo valutare che fine fanno i nostri soldi dati ai PROSPETTI FUTURRRIBBBILI.
    Forza … non avere timore se qualcuno viene a chiedere conto di come mai hai investito su quello e non su quell’altro.
    FEDERAZIONE, forza non avere paura prenditi un pò di responsabilità ..
    Aiuta questi genitori e i loro figli che ce la mettono tutta per farti fare bella figura così puoi andare fiera a mostrare quanto sei brava.
    Forza … lascia perdere Supertennis e investi nei giovani … sono loro il tuo futuro ….

  42. Nikolik

    Ben detto, Kill Bill!
    Anche io sono d’accordo con te.

    Certo, sarebbe bello se anche i genitori, in specie coloro che scrivono su questo blog, contribuissero, nel loro piccolo, all’operazione trasparenza.
    Dicano loro come, quando e, soprattutto, quanto prendono!
    Viva la trasparenza!

    E, soprattutto, guardiamo anche ai risultati, che sono importanti, visto che è una competizione.

    Della figlia di madmax sappiamo e anche di altre.
    Verifichiamo, noi tesserati, che sono soldi nostri, risultati alla mano, se questi soldi vengono spesi male o bene.
    Perchè è chiaro che se i risultati non arrivano sarà bene indirizzare risorse importanti su altri soggetti, più futuribili.

    Ma è chiaro che non è il caso della figlia di madmax, che merita in pieno di essere agevolata, vista la sua qualità.

    Però è un principio giusto che noi tesserati, che son soldi nostri, si vigili su come vengono spesi questi soldi e, soprattutto, a chi vengono dati questi soldi e per ottenere quali risultati.

  43. Trasparenza

    Bravo Kill Bill, TRASPARENZA ci vuole Trasparenza!!!

    perche’ non si devono conoscere i contributi? e visto che si sta’ osannando la figlia di MadMax cosa ne penseranno i genitori delle altre 8 ragazze che sono arrivate prima di lei agli Italiani l’anno scorso?

    Perche’ in questa cara nazione le classifiche, i punteggi, i match non sono trasparenti come nel sito della Federazione Svizzera?

    li uno inserisce il nominativo e vede match per match la crescita delle classifiche, qui la FIT ha addirittura inserito quest’anno la clausola della classifica donata all’atleta in funzione del giudizio federale che tradotto significa: carissimi non rompete le balle, noi facciamo quello che vogliamo!!

    Trasparenzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!

  44. Trasparenza

    Nikolik, scusa ma quante altre ragazze hanno la stessa o simile qualita’ della figlia di Max ma non hanno una campagna mediatica della stessa portata di quella che suo padre ha attivato per lei da anni?

    Predendo spunto dal Grazia, vi ricordo che Maurizio Costanzo a furia di infilarci nella testa in vari modi che Costantino Vitagliano era un ottimo elemento, e’ riuscito a far diventare un inetto una star televisiva, provate a fare qualche confronto…..

    Ricco tennis a tutti!!!

  45. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Trasparenza
    Si può essere o meno d’accordo col tuo ragionamento. Alcuni punti sono più che condivisibili, ma paragonare Alessia D’Auria a Costantino mi sembra un po’ offensivo..

    Anche perché, tutti i genitori potrebbero scrivere su questo sito e io sono pronto a pubblicare tutti i video di ragazzi e rasgazze che lo desiderano. Anzi più se ne pubblicano, come abbiamo sempre ripetuto, meglio è. Il confronto è fondamentale, è essenziale!
    Mad Max di certo non paga lo spazio su Spazio Tennis che tu ritieni solo “pubblicitario”, così come non lo ha mai fatto Stefano Grazia.. E’ stato pubblicato oggi anche il video di Alexia Carlone e domani pubblicherò quello di Chiara Pusceddu. Tranquillo che qui non c’è monopolio, semplicemente in pochi, finora, si sono avvicinati a Spazio Tennis per condividere.. in tantissimi si sono avvicinati per leggere, carpire, divertirsi e alcuni solo per discutere.. Sono il primo a sperare che aumentino le persone intente a condividere il percorso del proprio figlio o figlia..

    Per il resto, rimando dell’idea che la prima parte del tuo ragionamento sia largamente condivisibile..

  46. Vincenzo Gerbino

    Bogar67

    Chiara Gerbino e mia nipote figlia di Mario Gerbino laureato in scienze motorie.
    Io insegno ad Aosta

  47. Madmax

    stefano..

    Tutto giusto o quasi quello che dice Nicky..

    Infatti del braccio sx che scende nel servizio l’ho anche scritto..

    del braccio che va un po’ indetro sul dritto non ricordo se l’ho scritto ma lo sappiamo ed anzi ci stiamo lavorando proprio come per il braccio nel servizio…

    Il trasferimento anche quello è vero a volte lo fa per la foga di colpire la palla avanti.. ma ripeto, lo sappiamo è cmq minimo e accade avolte a seconda delle palle….

    il discorso di stance come sai è voluto appositamente proprio come per chiara onde evitare gli infortuni..

    in più da una buona mano anche ad abituarsi ad andare verso la palla cose che quasi nessuno fa e fa una differenza enorme, non è un caso la sua predisposizione ad essere molto aggressiva e ad entrare spesso dentro il campo..

    ma cmq ora e ho scritto anche questo stiamo inserendo l’open stance proprio per approciarci alle nuove velocità che man mano aumenteranno sempre di più..

    con calma però perchè soprattutto dalla parte del rovescio manca ancora un po’ di forza..

    per il resto lui sta ragionando in chiave maschile, nel femminile è tutta un ‘altra storia..

    basterebbe parlare delle rotazioni che quasi non esistono.. tra le più forti.. vedi Kvitova…

    di conseguenza difficile che aumentino.. soprattutto sul veloce..

    Il loop ampio.. bah è ampiamente nella norma e poi è normale che chi gioca a spingere da qualche parte la forza deve pur andarla trovare se si hanno 12 anni.. con il tempo si adatterà anche perchè è soprattutto una questione di timing che lei ha eccezionale..

    ma a parte questo come già scritto ormai le indicazioni sono abbastanza chiare riguardo le aperture..

    tra l’altro come scrivevo Alessia di tutti i problemi che può avere non ha certo quello del controllo nel senso che le sue % sono molto alte in rapporto al gioco che fa..

    quello che al contrario deve migliorare è l’dea di difesa che non ha e perciò a volte anche palle palesemente non atacabili le tira, ovviamente sbagliandole.. Ma quelli bravi mi dicono che poi la impara quello che conta è spingere…

    quindi tutto assolutamente nella norma ma soprattutto e questo ha più importanzx di tutto, in grande progresso rispetto alla penultima video giirata a Tirrenia..

    La prox sarà ancora meglio..

    Roby..

    Hai ragione, abbiamo preso ad esempio il rovescio della Sharapova, proprio perchè è il miglor rovescio del circuito.. Ed anche perchè è quello con cui puoi tirare più forte per via dell’ovalizzazione

    Certo i maschi possono permettersi di partire bassi, le donne molto meno.. poi dipenderà dai fisici..

    Cmq per sentire come lo sente avevo già in cantiere il farglelo provare ma non tanto perchè voglia cambiarle il movimento bensì perchè avevo notato che a volte aveva un ritardo nell’apertura e mi interessava capire a cosa fosse dovuta.. ti farò sapere.. 🙂

    Salve vincenzo e grazie ancora per i consigli..

    Se ho capito bene dovrebbe rimanere e spingere di più con il piede dx.. Se è così avevo scitto in uno dei miei post che da allora ci avevamo lavorato sopra… 😉

  48. Madmax

    Trasparenza..

    Semplice diranno che la Federazione stavolta ci ha visto giusto visto che nemmeno un anno dopo ha battuto le due finaliste di quei CI…
    e non solo..

  49. Lib

    Max se continui cosi’ ti devi fare il bodyguard e soprattutto quanti gufi pensi che ci saranno , appollaiati alla rete, ai prossimi match di Alessia… ?? Over di 30 – 1.10
    Under di 30 – 7.5
    30 – 80

  50. Madmax

    Lib..

    In questo caso le quote non le fanno proprio perchè i bookmaker non desiderano accettare scommmesse su questo evento!! ah ah 🙂

  51. rikys

    Io rimango dell’opinione che la videaonalisi fatta in condizioni dove la palla ti arriva a 2 all’ora e hai mezz’ora di tempo per colpire non serve a na mazza ( servizio a parte ).

  52. Diego

    Tutto bello tutto giusto condivido di fare la videoanalisi in movimento ed in partita.
    Certo che Max ha un coraggio da leone esporre se stesso (con le sue certezze)e la figlia in questo modo, senza ancora avere vinto niente a parte due partite in coppa Belardinelli.
    Comunque anche se un po’ arrogante mi e’ simpatico.

  53. Madmax

    Ragazzi, volete che vi sveli un segreto?

    Quando lavoravi alle corse, c’era sempre qualcuno che ti tirava contro (si anche li..) o megliotirava che i tuoi cavalli vincessero..

    Era proprio la volta che gli mettevano le ali.. 🙂

    Più loro tirano contro, più lei migliorerà.. ah ah

    Diego..

    Ma io mi diverto, più si sbattono e più mi viene da ridere…

    Rickys..

    Prova fare una prova..

    Metti li tua figlia e tiragli una pallina dal cesto.. Lei colpirà in un modo..

    Poi prova a guardare in partita se nel momento che le arriva una palla normale anche difficile (non in recupero ovviamente) e guarda come colpisce..

    Vedrai che più o meno il movimento sarà lo stesso..

    Ora considera che il movimento corretto (basta che sia all’interno di certi canoni, non stare a guardare i gradi e le varie paturnie) ti permette di tirare più forte facendo meno fatica (non parlo del cotrollare di più perchè questo conta se proprio uno la palla non la tiene mai in campo), perciò di fatto ti permette di essere più continuo durante i match e quindi sbagliare meno e cmq non essere attaccato visto che andando avanti nello scambio dal momento che rallenti ti possono prendere in mano il gioco..

    Da queto piccolo test quindi è semplioce capire come tutto DEBBA PER FORZA partire da qui..

    Poi è evidente che deve essere portato tutto in partita, ma stai certto che se non c’è a ritmo basso in partita non può certo venire!!

  54. Madmax

    Maurizio..

    Ti rispondo solo ora perchè mi era scappato il post..

    Riguardo al portare in campo a PA..

    Ti posso rispondere con precisione proprio perchè è quello che abbiamo discusso e quello che stiamo facendo con Alessia in questo periodo..

    Il discorso è che il portare la PA in campo è l’atto conclusivo del percorso..

    Mi spiego meglio.. Tu prima devi portare al massimo o fino a quel che serve le tue capacità fisiche dopo di che cominci a lavorarci in campo..

    In buona sostanza poi è sempre come anche per la parte tecnica uina questione di %..

    Ti faccio un esempio semplic per farti capire..

    Prendiamo in considerazione le navette, tenendo conto che poi ala fine le cose importanti sono l’intensità, il tempo d lavoro e quelli di recupero..

    Inizialmente si fanno delle navette fuori dal campo inserendo a livello tennistico solo i passi (ad esempio il passo incrociato delle ripartenze) oppure il passo ampio all’arrivo (l’appoggio) oppure le varie andature (calciata skip mono normale etc) o ancora dovendo saltare un ostacolino in mezzo o dovendo piegarti all’arrivo con le gambe facendo combaciare la base del amnico della racchetta per terra o ancora volendo allenare l’equlibrio dovenso restare in equilibrio sulle tavolette propiocettive aumentando sempre di più le difficoltà (ci puoi aggiungere il dover colpire la pall) ma volte addirittura nulla solo corsa libera avanti indietro scivolamenti..

    Ma andando avanti puoi farle partendo da un piccolo percorso (ad esempio scaletta+ salto dell’ostacolino) per la metà del tempo (su una navetta di 30″ mentre per l’altra metà le fai giocare 6/8 palle (devi calcolare quante palle può giocare nei rimanenti 15″) come ti pare..

    (se vuoi lavorare sugli spostamenti laterali le puoi fare giocare una palla a dx una a sx magari con l’attacco finale, se invece ti serve l’avanti indietro le fai giocare un recupero ed un attacco oppure che so il dritto dalla parte del rovescio e viceversa oppure palle normali tutte in uno stesso angolo che poi cambi etc etc usando il massimo della creatività pensando alle varie situazioni di gioco)

  55. bogar67

    @Vincenzo Gerbino
    piacere di conoscerti, io sto in sardegna, a Cagliari, spero che ad Aosta sei di ruolo, con mia moglie precaria AD00 prima di tornare in Sicilia passeranno altre 6/7 anni!!
    Per tua nipote, ho una bimba del 2004 e cercando info in giro avevo letto le infelici uscite al lemonbowl under 8 e Bari ma vedo che adesso si sta facendo avanti! In bocca al lupo!!
    Magari ci si incontra in qualche torneo in Sicilia.

  56. Vincenzo Gerbino

    Piacere mio bogart io vivo di tennis sono un professionista . non insegno nelle scuole .
    Mia nipotina perderà tantissime partite, ancora non sa giocare, ha buone attitudini , dipende da lei ha la fortuna di avere uno zio che si aggiorna ed un padre preparatore atletico . Se sono rose fioriranno

  57. bogar67

    @Vincenzo Gerbino
    ok ma in che senso sei un professionista? sei un preparatore? organizzatore? va beh a prescindere se mi vorrai dare la risposta in bocca al lupo!!

  58. rikys

    Max…. “Poi è evidente che deve essere portato tutto in partita, ma stai certto che se non c’è a ritmo basso in partita non può certo venire!!”

    Il problema è che a ritmo basso, un qualunque agonista che si allena mediamente 3/4 ore al giorno tutti i giorni, a meno che non sia un animale che abbaia, esegue perfettamente un dritto o un rovescio con la palla che arriva a 2 all’ora. Prova a filmare un diritto o un rovescio giocato in partita e ti accorgerai che la situazione cambia in maniera radicale, e queste prove le ho già fatte.

  59. ivano

    Rikis
    Il cesto in generale serve a poco…………se non cè ritmo non è allenante per atleti di buon livello……..ansi ti diro’ di piu’ si va completamente fuori palla……..
    Pero’ in questo caso(videoanalisi) serve per verificare eventuali imperfezioni tecniche quindi anche al cesto ci puo’ stare……è chiaro come hai detto te che per il servizio è fondamentale(videoanalisi)……

  60. Madmax

    Rickys..

    Senza accorgerti stai dicendo quello che dico io.. arrivando però alla conclusione sbagliata.. 🙂

    Cioè dici che in palleggio la situazione è diversa.. E’ ovvio, nel senso che aumentando le difficoltà diventa tutto più difficile ma è appunto per questo che un piccolo errore in videoanalisi e cioè quasi da fermo, durante il match diventa un errore enorme..

    Proprio per questo dal cesto bisognerebbe essere perfetti e questa perfezione deve essere poi automatizzata in situazioni man mano sempre più veloci.. (ecco poi perchè anche chi non ci arriva a livello fisico trova delle soluzioni diverse)

    E se non si è perfetti a due all’ora come puoi pensare di esserlo ad alto ritmo?

    E che non ti passi nemmeno per l’anticamera del cervello che a due all’ora tutti colpiscano in modo perfetto, tanto è vero che nei video di Alessia che non è un animale che abbaia i difetti ci sono eccome.. Figuriamoci il 90% degli altri..

    E se io non li correggessi ora, man mano che la velocità di palla aumenta aumenterebbe anche la portata degli errori.

    In pratica è esattamente come indirizzare la palla un centimetro più o dx o a sx al momento dell’impatto, quando arriva dall’altra parte la differenza è di mezzo metro..

    E questo perchè non è affatto vero che a due all’ora è tutto perfetto.. Lo si pensa, ma è un’altra cosa..

    Realmente è solo un’illusione derivante dal fatto che tutti in un modo o nell’altro motivo di più quelli buoni una soluzione la trovano sempre, ma man mano che il livello si alza certe soluzioni non sono più sufficienti ed è lì che si comincia a rendersi conto..

    E allora via a guradare impugnature, movimenti spinte trasferimenti per cercare quel pizzico di forza in più per ad esempio trovare quel mezzo metro in più di profondità..

    Ma spesso è troppo tardi e cmq diventa una gran perdita di tempo in un mmomento in cui si dovrebbe fare altro, ma d’altronde quando ti rendi conto di non riuscire più a crescere devi forzatamente tornare sui fondamentali..

    Molto meglio farlo adesso che è più facile e veloce, ma soprattutto perchè se perdi tre mesi di tornei in questo momento, fondamentalmente non perdi nulla nulla..

  61. bogar67

    @Vincenzo Gerbino
    va beh però per essere allergico alle persone che parlano tanto per parlare devi ampliare tennisticamente le conoscenze e saper distinguere il ciaralatano dal professionista.
    All’inizio (ma anche adesso perchè non si finisce mai di imparare) lui ha ampliato il più possibile il suo bagaglio di conoscenze in modo da poter, come minimo, essere in grado di valutare la bontà per Alessia del professionista a cui affidarla e poi addirittura non potendo partecipare in prima persona al progetto di crescita perchè alla Vavassori non era possibile ha preso le redini della situazione, diventando l’artefice ed il protagonista del progetto di crescita. Non è da tutti!!!

  62. bogar67

    @Mad Max
    se dici molti sbagli, mi pare che i post sono tanti ma a scrivere siamo giusto quattro gatti e quasi sempre gli stessi!!

  63. Diego

    Max, condivido post 74 ma non completamente, in quanto e’ giusto fare la videoanalisi per effettuare bene i colpi, pero’lasciando un margine minimo ai ragazzi anche perche’ poi nelle varie situazioni di gioco nei tornei le perfezioni si perdono perche’ l’importante e’ fare il punto.
    Per questo dopo alcuni mesi di tornei bisogna ritornare al cesto e rimettere tutto a posto.
    Max ha fatto un buon lavoro tecnico, fino ad ora, penso comunque che la maggioranza dei maestri se avessero solo una allieva farebbero altrettanto bene.

  64. Madmax

    Diego..

    Ed infatti ho scritto perfezione intesa come rimanere all’interno di certi canoni, senza stare a guardare il grado o il centimetro..

    E non lo so se la maggioranza dei maestri riuscirebbero a farlo, può anche darsi certamente la realtà è che ciò non accade..

    Devo dire però che conosco molti ragazzi che fanno solo lezioni private eppure sono messi piuttosto male..

    Considera poi che le differenze aumentano a dismisura in partita,

    Perchè poi quello che conta è quando arrivi sulla palla e come la palla ti esce.. che però in buona parte dipende dalla tecnica..

    Che in buona parte a sua volta dipende dallo sviluppo motorio…

    Se io dovessi dire secondo me da cosa parte il tutto non avrei dubbi.. dalla PA..

  65. txc

    qualche commento sul servizio del post 66 ??

    maurizio … lo conosce il ragazzino … almeno una volta l’ha visto! 😉
    stefano
    p.s.: forse essendo di terza fascia non interessa ?? 😉
    comunque anche lui rimane un terza fascia per CASO … 😉
    continuero’ a leggervi sempre con piacere

  66. Gio

    Ciao txc
    commento io che tecnicamente sono quasi zero….
    positivo : mi sembra si pieghi molto bene sulle gambe
    negativo : da quello che so i piedi dovrebbero essere più distanti in partenza e avvicinati prima di colpire la palla. Tuo figlio come posizione dei piedi come inizia il movimento lo finisce

    Ripeto , prendi il tutto con ENORME beneficio di inventario, speriamo che qualche esperto confermi (o confuti)

    Un abbraccio

  67. Gio

    Beh , quella della videoanalisi a Sestola (inclusa nel prezzo) è stata una bella iniziativa, è giusto evidenziarlo.

    Come pure il “king of the court” , dai, si vede che qualcuno legge e prende nota, anche questo va evidenziato.

    Noi continuiamo a scrivere…

    Anche Roberto (Commentucci) potrebbe riprendere un pochino di più a scrivere, mancano i suoi post (quantomeno a me !).

  68. Roberto Commentucci

    Video del figlio di txc (post 66).
    Mi piace molto. Serve con la tecnica a piedi uniti (Roddick, Monfils), che è una tecnica ambiziosa, richiedendo una grande esplosività muscolare, soprattutto negli arti inferiori.

    Mi pare che il ragazzo vada su abbastanza bene, ma l’opportunità di continuare su questa via tecnica va valutata attentamente in relazione ai valori che il ragazzo ha nei test atletici: per servire con questa tecnica a mio avviso occorre avere un’esplosività sopra la media.

    Per il resto il movimento mi pare corretto, il mulinello è fluido, la catena cinetica è continua e le spinte sono buone. Forse abbassa un pochino il gomito, ma è una cosa lieve e rimediabile facilmente.

    In complesso un ottimo servizio, ma bisogna valutare i test atletici per capire se il ragazzo potrà permetterselo o passare alla tecnica con il passetto di transizione.

    Parere mio, ovviamente non da tecnico.

  69. Madmax

    Ottimo servizio, poco da dire..

    quella dei piedi fermi è una delle possibilità, i maschi con fisico possono perpermettersela… (anch’io preferisco quando uniscono i piedi e cmq quando i piedi sono più distanti ma seono scelte..da valutare)

    Cercando il pelo nell’uovo alla ricerca della perfezione (che però non esiste) e non è nemmno chiarissimo perchè ripreso da dietro, sembra che potrebbe entrare un po’ più nel campo con il piede sx..

    Il lancio forse è leggermente troppo a dx, mentre da questa ripresa non si capisce se’ è lanciata giusta nel senso di avanti/indietro..

    ma ripeto ottimo servizio..

  70. txc

    Grazie GIOrgio
    se non rispondevi mi sentivo una bollicina dell’acqua LETE 😉

    si per un tennista come mio figlio Sestola e’ un bell’appuntamento, indipendentemente dalle fasce (a lui non importa proprio nulla)

    quest’anno ci e’ voluto andare anche con due dita della mano rotti!
    (lui dice: tanto e’ la SX !!)

    ciao S

    p.s.: “king of the court”
    l’anno scorso, non conoscendoloper niente, all’inizio lo avevano messo in un gruppo moltoindietro ed ha vinto tutti i giorni passando di gruppo in gruppo fino al sabato, mentre quest’anno e’ passato solo il primo giorno al gruppo superiore e poi e’ rimasto li’. Questo per dirti che “sto’ giochino” a loro piace molto e si rammaricava del fatto che fosse infortunato .. perche’ senno’ .. 😉

  71. txc

    onorato dai commenti di Massimiliano e Roberto
    ringrazio
    mi permetto di integrare l’argomento con alcuni dati di Stiffness
    che ho qui in ufficio, purtroppo relativi ai test che fece a Sestola l’anno scorso, comunque dall’anno scorso non dovrebbero esserci grossi scostamenti (p.es: in altezza e’ cresciuto solo un paio di cm – peso idem)
    TC (tempo di contatto) 0,165
    TV (tempo di volo) 0.532
    H (altezza) 34,7
    Watt 41,76

  72. txc

    #88
    molti di voi gia’ lo sanno:
    Roberto, Giorgio, Maurizio ecc.

    resta sempre un tennista per caso ! 😉

    Stefano

  73. Roberto Commentucci

    Ci vorrebbe adesso un parere di archipedro sui dati di stiffness del figlio di txc. A me paiono buoni, ma non sono un esperto.

  74. txc

    Roberto, da civettuolo l’ho pubblicati volentieri .. perche’ l’anno scorso li ho inviati al prof. Buzzelli per un suo parere e li aveva valutati molto positivamente, non bisogna nnascondere pero’ che se questi dati sono buoni .. ce ne sono altri che al contrario dovrebbero preoccupare, come la flessione della schiena molto scarsa …
    8)

  75. Madmax

    Io però non lo so chi è.. 🙂

    Ed è anche difficile valutarili perchè non si conosce l’età il peso etc etc..

    Tra l’altro si divrebbe confrontarli con quelli dei maschi..

    Io posso postarti quelli di Alessia che è una ottobre ’98

    TC 0.159

    TV 0.526

    H. 34.0

    Watt 38.15

    E’ alta 1.62 e pesa 49.5 kg

  76. TXC

    MAX : “Ed è anche difficile valutarili perchè non si conosce l’età il peso etc etc..”

    quindi aggiungo:
    peso 39.7 alt. 1,54
    febbraio 1998

    e’ tra i piu’ grandi del ’98 … ma e’ ancora il + piccolo fisicamente.

    ——-

    ho visto Alessia a Sestola … e mi ha fatto davvero un’ottima impressione …
    sara’ sicuramente un’ottima ragazza … educata, buon carattere, atteggaimento maturo … direi anche … leader !?!

    ciao
    Stefano

  77. Madmax

    Txc..

    Piccolino per ora..

    Si effettivamente che ultimamente si sia dimostrata una leader (a volte un po’ troppo 🙂 ) mi ha confortato, ma più per lei intendiamoci..

    Ora quando va in campo mi dice.. Ho una reputazione da difendere.. ah ah 🙂

    E io che le rispondo ma va là pippa…

    Però speriamo che oltre a diventare un’ottima ragazza diventi anche una grande giocatrice!!

  78. Più di una volta qualche nick cuor di leone ha scritto che si parlava di mia figlia per la campagna mediatica che da tempo porterei avanti io..

    Al contrario io dicevo che er lei a farlo ogni volta che scendeva in campo..

    Qualcuno poi si domandava anche cosa avrebbero detto le otto italiane (?) meglio di lei..

    E la Belardinelli ha risposto al post mio..

    Ora però anche dalla Francia arrivano risposte..

    Infatti oggi Alessia ha perso in finale 62 76 ad Annecy..

    E qualcun delle otto c’era anche lei a giocare.. che ovviamente essendo una ragazza perbene come del resto la sua famiglia non ha mai detto nulla..

    E c’è stata anche l’offerta di un contratto da parte di una casa di attrezzature sportive (per ora non faccio ancora il nome).. (no non come quelli a cui si è abituati qui..) Ma probabilmente anche loro leggeranno Spazio Tennis e crederanno ciecamente al Principe Buzzurro!! ah ah 🙂

    Cmq venendo ai dettagli del match Alessia mi ha detto che davanti a oltre 200 persone nel primo set era nervosissima e se l’è fatta letteralmente sotto di fatto non giocando, mentre nel secondo hanno giocato alla pari e ha anche avuto la palla del 75 dove suo dire è stata poco aggressiva e l’altra ad un certo punto ha tirato il vincente..

    Cmq buonissima esperienza dove l’unico dispiacere è dovuto dal fatto che alla vincente veniva offerto uno stages di una settimana alla 6th Sense Academy di Justine Henin..

    Si è dovuta accontentare della sua stretta di mano!! 🙂

  79. Madmax

    A tutti i nick Cuor di Leone

    Più di una volta qualche nick cuor di leone ha scritto che si parlava di mia figlia per la campagna mediatica che da tempo porterei avanti io..

    Al contrario io dicevo che er lei a farlo ogni volta che scendeva in campo..

    Qualcuno poi si domandava anche cosa avrebbero detto le otto italiane (?) meglio di lei..

    E la Belardinelli ha risposto al post mio..

    Ora però anche dalla Francia arrivano risposte..

    Infatti oggi Alessia ha perso in finale 62 76 ad Annecy..

    E qualcun delle otto c’era anche lei a giocare.. che ovviamente essendo una ragazza perbene come del resto la sua famiglia non ha mai detto nulla..

    E c’è stata anche l’offerta di un contratto da parte di una casa di attrezzature sportive (per ora non faccio ancora il nome).. (no non come quelli a cui si è abituati qui..) Ma probabilmente anche loro leggeranno Spazio Tennis e crederanno ciecamente al Principe Buzzurro!! ah ah 🙂

    Cmq venendo ai dettagli del match Alessia mi ha detto che davanti a oltre 200 persone nel primo set era nervosissima e se l’è fatta letteralmente sotto di fatto non giocando, mentre nel secondo hanno giocato alla pari e ha anche avuto la palla del 75 dove suo dire è stata poco aggressiva e l’altra ad un certo punto ha tirato il vincente..

    Cmq buonissima esperienza dove l’unico dispiacere è dovuto dal fatto che alla vincente veniva offerto uno stages di una settimana alla 6th Sense Academy di Justine Henin..

    Si è dovuta accontentare della sua stretta di mano!! 🙂

  80. bogar67

    @mad max

    complimenti ma peccato per lo stage, per i prezzi e non solo andare spesata alla 6th Sense Academy di Justine Henin era come un piccolo price money.

    livello di Annecy come era?

  81. Luca

    @bogar67
    dove trovo informazioni su questo torneo di Annecy, dato che coretennis non sembra riportarlo?

  82. ho un commento in moderazione coi congrats di rito ad alessia e al suo Principe Buzzurro e in cui davo le inicazioni per il sito che e’ tre w, tennis-annecy e poi punto e poi com…oppure vai su google e digiti annecy tennis …poi sul sito vai a cercare il torneo per under 13 … di italiane c’era anche la Pratesi …

  83. bogar67

    @Stefano Grazia grazie
    @Luca
    All’ETA International Generali Bambini Cup under 12 la Capogrosso è arrivata fino in fondo altra volta.

  84. Luca

    Per quanto riguarda Arianna Capogrosso (1999) domani affronta Giulia Turconi in finale e potrebbe vincere il quinto torneo ETA dell’anno. Questa volta non ha però partecipato al torneo di doppio.

  85. Madmax

    Torno ora da Alessandria punto di ritrovo dove mi sono ripreso il pacco.. 🙂

    Intanto grazie a tutti..

    Poi si il torneo è il Prince/Princess du Lac che si trova sul sito indicato da Stefano..

    Per intenderci quello che indicava Ivano..

    A sentire tutti gli addetti è un torneo di grande prestigio (l’ultima conosciuta che ha vinto è Laura Robson), tant’è che pochi minuti dopo la finale gli sponsor tecnici di Alessia già sapevano tutto.. E d’ora in poi partiranno i bonus..

    Ovviamente ho avuto poco tempo per parlare con il tecnico accompagnatore (sono arrivati alle 22.30 ad Alessandria e c’erano anche due ragazzi di Roma, immaginate a che ora arriveranno a casa poverini) che mi ragguaglierà totalmente nei prossimi gg..

    Nei pochi minuti che ha avuto per parlarmi cmq mi ha detto che Alessia ha fatto un gran torneo anche se era troppo tesa soprattutto oggi, tanto che secondo lui che l’aveva vista a Sestola in tutto il torneo ha giocato al suo best solo due set.. Il primo dei quarti ed il secondo di oggi in finale…

    Per quanto riguarda invece il livello io non ne ho mai vista nessuno dal vivo, per quello che si può capire leggendo su internet (quindi pochissimo) di buone ce ne erano 6 o 7 in tutto, almeno come risultati…

    Da quello che mi ha detto il tecnico la finalista (Salas) è una molto buona che gioca benissimo… Ma ha detto anche che Alessia avrebbe potuto vicere benissimo..

    Infatti il primo set che anche per quanto mi aveva riferito Alessia me l’ero immaginato nettamente a favore dell’altra, poteva finire diversamente se solo Alessia fosse stata presente, nel senso che nei primi cinque games è sempre andata 40/15 a favore..

    Lei appena entrata in macchina è crollata e perciò notizie dirette per ora non ne ho.. 🙂

  86. ivano

    Max
    Complimenti…………brava Alessia………..Annecy è sempre un buon torneo…………..sinceri complimenti anche al coach………..Chiaramente Fantone………..ah ah ah ah ah aha ha

  87. bogar67

    Ivao scrive:
    sinceri complimenti anche al coach………..Chiaramente Fantone………..

    🙂 🙂 🙂

  88. Madmax

    Ora abbiamo anche le impressioni dirette.. 🙂

    Normalmente ALessia è una che si alza presto..

    Stamattina sono andato da lei alle 11 per vedere che faceva e vedendo che aveva gli occhi aperti e la faccia strana le ho domandato se stava pensando ancora al match..

    Mi ha detto che era sveglia da un po’ e che non riusciva ancora a credere di aver perso.. Secondo lei è impossibile che sia accaduto perchè sa (dice lei) di essere più forte dell’avversaria..

    Conoscendola questa sconfitta mi agevolerà nel lavoro dei prossimi gg (ora cmq le ho dato due gg di riposo competo, visto che è un anno che non si ferma giorno di riposo a parte) e già l’ho notato da come mi è stata ad ascoltare sia riguardo al torneo sia riguardo al lavoro che dovremo fare a partire da martedì.. Un agnellino.. 🙂

    Come sempre detto spesso le sconfitte se prese nel modo giusto servono più di mille vittorie..

    Ora che mi viene in mente il tecnico mi ha detto che ha avuto l’impressione che Alessia quando gioca (sia quando vince che quando perde) sia poco imteressata al vincere o al perdere in quanto secondo lui gioca più per migliorare che per vincere nel senso che si arrabbia molto per ogni suo errore anche quando è avanti facile..

    Ecco non so cosa pensare se cioè è una cosa positiva perchè vuol sempre migliorarsi o negativa perchè dovrebbe pensare solo al match.. Boh ci devo pensare..

  89. Madmax

    Ah ecco dimenticavo..

    Sicuramente le condizioni ambientali non erano delle migliori.. MI diceva prima di tutto che i presenti erano ben più di duecento e tutti a favore dell’avversaria (francese). Addirittura ad ogni suo punto fischiavano.. 🙂

    Ovviamente anche questa è tutta esperienza..

  90. ivano

    max
    No allora se era Evani complimenti al babbo………………..ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah……………
    Matteo come avrai ben capito scherzooooooooo………………………Tutti ormai sanno quanto sei diventato bravo in questi anni anche se il tuo diritto è nettamente piu’ scarso del mio……………….ah ah ah ah ah ah ah

  91. Madmax

    Io era la prima volta che lo incontravo e ovviamente non so come lavori in campo,ma devo dire che è la prima volta che parlo con un maestro e mi trovo d’accordo su tutto ache a livello tecnico.. Ovviamente a parole… poi non so!! 🙂

    E le stesse cose me le ha dette Alessia… Due indizi che potrebbero fare una prova…

  92. Max,
    innanzi tutto complimenti ad Alessia. Per quello che riguarda la tua domanda, ti dico che l’atteggiamento perfezionistico in allenamento può avere un suo perchè ed una sua funzionalità. In partita è un atteggiamento decisamente negativo e che deve essere corretto.

  93. Madmax

    Grazie Federico..

    Bene allora meglio battere il ferro quando è caldo cioè insistere ora che avendo perso è il momento che ascolta di più e che è meno pigra..di testa.. 🙂

  94. ivano

    federico
    Concordo…….ho anche io un po di questi problemi………sono atteggiamenti da bene bene o male male…………e poi soprattutto non si sa mai cosa puo’ succedere……….il match sta filando via liscio di punto in bianco cè un errore inconcepibile(per loro) trac si spenge la luce………..
    Non è facile !!!!!!!!!
    Ma anche questa purtroppo è una dote….scordarsi in fretta il passato…………

  95. Ivano,
    il non giudizio è una delle abilità mentali dei giocatori maturi. Quella che si sviluppa di solito più tardi nella carrriera di un giocatore. Come tutte le cose si può acquisire in modo naturale con l’esperienza ed aspettare che arrivi oppure meno. Oppure, come tutte le cose la si può gestire, direzionare, per certi versi anticipare, se ci si lavora sopra con metodo e con allenamento specifico appropriato. Il problema di fondo è che gli errori influiscono sull’immagine di se che in questa età dei ragazzi è cosa estremamente critica. Far capire ai ragazzi che il tennis è quello che fanno e non quello che sono non è cosa per niente facile, soprattutto quando quello che li circonda gli propone esattamente il messaggio opposto. Questa è una delle parti più difficili, avvincenti e belle del mio lavoro. Quando devi risolvere questi problemi con gli atleti entri in contatto con la parte più profonda ed intima della loropersona ed in questo modo che, se appropriatamente gestita, si crea e si sviluppa la fiducia tra atleta ed allenatore.

  96. Federico io stò lavorando in questo modo sui gemellini che faranno cinque anni in Ottobre
    Tu pensi che sia troppo presto , io cerco di inculacre la fiducia nelle proprie possibbiltà da subito e il concetto di errore che non deve mai oscurare il cervello nella sua azione , l’errore deve essere considerato non come uno sbaglio personale ma come l’azione sbagliata causata da una serie di fattori concomitanti esterni ede interni e fare in modo di cercare di rendere a nostro vantaggio tutte le variabili del gioco il cui fine è sempre la vittoria con il minimo dispendio di energie
    Invece il tuo libro come và è stato pubblicato ?

  97. rikys

    L’atteggiamento perfezionistico in allenamento è il punto di partenza per diventare un campione e su questo vi potrei fare talmente tanti esempi di atleti che avevano lo stesso atteggiamento e che sono stati campioni o addirittura fuoriclasse che mi servirebbe un capitolo a parte del blog!!!!
    Lo stesso vale per il match con la differenza che se in allenamento l’errore a volte è provocato e anche voluto ad esempio da una situazione tecnica o tattica che si sta provando, in partita viceversa deve venire mentalmente cancellato immediatamente. Il più grande allenatore con cui ho avuto la fortuna di allenarmi mi ripeteva sempre che l’errore commesso non è più rimediabile e quindi bisogna sempre pensare solo ed esclusivamente alla palla successiva. Mi sembra che questo concetto calzi alla perfezione anche nel tennis.

  98. Rikys,
    l’atteggiamento perfezionistico in partita ha almeno tre fattori negativi:
    1) La partita perfetta non esiste, non è esistita e non esisterà mai per cui è mera utopia;
    2) Se cerchi di controllare e realizzare quello che non è realizzabile, nel momento in cui sfugge genera frustrazione;
    3)La frustrazione di non essere perfetti genera dubbi sulle proprie capacità. Un tennista senza fiducia è poco competitivo.

  99. Francesco,
    prima cominci e meglio è. Il segreto è sempre il modo in cui si fanno le cose. Un giocatore deve rimanere sempre fiducioso e positivo in campo. Invece di pensare a ciò che non vuole che succeda, deve posare la sua attenzione su ciò che desidera.
    NON SBAGLIARE = NON IMPARARE. Una volta si diceva che “sbagliando si impara”. Ed è verissimo: cervello e corpo hanno bisogno di sbagliare, di andare per prove ed errori per trovare la misura giusta. L’allenatore che impedisce o che punisce un allievo per gli errori che compie involontariamente nel suo massimo sforzo per fare le cose debite, limitando l’istinto naturale di provare diverse soluzioni, l’imita l’allievo nelle sue potenzialità e nelle sue capacità di apprendimento. Gli errori fanno parte di un percorso di crescita e come tali bisogna saperli accettare, valutare e correggere convenientemente.
    Il libro ormai è ultimato. Necessità degli ultimi ritocchi e di un editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *