Inarrestabile Yuliana Lizarazo: suo l’Open Idrotech. Ora a Bagnatica tocca agli uomini

di - 27 Agosto 2021
La premiazione dell'Open Idrotech del Tennis Club Bagnatica (foto Agenzia San Marco)

L’obbligo di giocare con una capienza ridotta e le altre limitazioni (e incertezze) figlie dell’evoluzione della pandemia hanno convinto gli organizzatori del Tennis Bagnatica a rinunciare anche quest’anno al torneo internazionale Itf, sostituito dal torneo “Open Idrotech” da 3.000 euro di montepremi. Ma, almeno nell’albo d’oro, di differenza se n’è vista gran poca, perché sulla terra battuta di via Portico il titolo dell’Open è andato a una giocatrice di grande esperienza internazionale come la colombiana Yuliana Lizarazo, abituata a competere a tempo pieno a livello Itf. Tanto che la 28enne di Cucuta è numero 542 della classifica Wta (con un best ranking di n.335) e in carriera ha raccolto una decina di titoli Itf fra Colombia, Italia, Germania, Svezia, Turchia e non solo. Anche per questo, malgrado la classifica nazionale di 2.3 le fosse valsa “solo” la terza testa di serie, a Bagnatica la favorita era lei e dopo un avvio incerto contro la bergamasca Tatiana Pauzzi (superata per 6-3 4-6 10/5 nei quarti di finale) la sudamericana ha saputo tradurre sul campo tutta la sua superiorità, alzando il livello partita dopo partita. Fino alla finale dominata con un secco 6-1 6-0 contro la trentina Elisa Visentin, numero uno del seeding ma incapace di contrastarla.

Il tennis molto tecnico e ricco di variazioni della 2.2 di Mezzolombardo aveva mostrato qualche limite già nella semifinale contro Chiara Giaquinta, dominata per un’ora ma poi capace di obbligarla agli straordinari, e si è rivelato troppo tenero per reggere il ritmo imposto dalla Lizarazo. Fin dalle prime battute la professionista colombiana – che per ragioni sentimentali fa spesso base in provincia di Brescia – ha preso il comando delle operazioni e davanti a tanto pubblico non ha mai sollevato il piede dall’acceleratore, fino a imporsi lasciando per strada solamente un game. “Yuliana – dice Gianluigi Terzi, presidente del Tennis Bagnatica – ha giocato in maniera splendida ed è stata superiore sotto tutti i punti di vista, non dando scampo all’avversaria. Come tutte le grandi giocatrici ha saputo tenere il suo miglior tennis per il match più importante”. Col titolo della colombiana, il primo del 2021 in un Open e al primo tentativo, si è chiuso un buonissimo torneo, con una cinquantina di iscritte e tanti match godibili. “Siamo soddisfatti di quanto visto – continua Terzi –, e anche dei numeri in termini di partecipazione. È andato tutto alla grande, e ora ci godiamo l’evento maschile”. Già, perché a Bagnatica è già in corso da una settimana l’Open Erca, sempre con 3.000 euro di montepremi e i 2.2 Davide Pontoglio e Antonio Campo nel ruolo di favoriti. Ma l’elenco dei pretendenti al titolo è lunghissimo. Nel week-end sedicesimi e ottavi di finale, da lunedì il rush conclusivo con quarti, semifinali e la finalissima, prevista per mercoledì 1° settembre alle 20.30.

RISULTATI
Quarti di finale: Visentin b. Fontana 6-4 6-3, Giaquinta b. Maffeis 6-3 6-2, Lizarazo (Col) b. Pauzzi 6-3 4-6 10/5, Davì b. Ceschi 6-3 3-6 10/6. Semifinali: Visentin b. Giaquinta 6-1 5-7 10/4, Lizarazo (Col) b. Davì 6-2 6-4. Finale: Yuliana Lizarazo (Col) b. Elisa Visentin 6-1 6-0.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *