BranchStats: 1 febbraio 2016

di - 1 Febbraio 2016

Ferrer RG 2015

di Luca Brancher

‪#‎branchstats‬

Novak Djokovic vince il suo titolo Slam numero 11, Australian Open numero 6:

– ha battuto per la quarta volta in finale Andy Murray, negli atti conclusivi poi vinti ha affrontato solo altri tre avversari, ovvero Roger Federer, Rafael Nadal e Jo-Wilfried Tsonga. i bilanci sono:
3-1 con Federer, con cui perse la prima assoluta (US Open 2007);
3-4 con Nadal;
4-2 con Murray (ci ha vinto sempre a Melbourne, ci ha perso altrove);
a cui aggiungere la vittoria su Tsonga e la sconfitta con Wawrinka; insomma tutti quelli che avevano scommesso su di lui con Eurobet, non sono rimasti delusi.

– ha raggiunto Bjorn Borg nel numero di Slam vinti, ed il suo bilancio è diventato decisamente positivo (11-8), soprattutto dopo aver vinto 5 delle ultime 6 finali. Ha invece eguagliato al terzo del posto nel numero delle finali Slam dell’Era Open giocate Ivan Lendl (che ha un record allo specchio rispetto al suo), a -1 da Nadal e a -8 da Federer;

– gli manca, come noto, il Roland Garros (0-3 in finale) per raggiungere il Career Grand Slam, ma, volendo guardare, non è ancora riuscito a vincere un titolo Slam senza perdere un set, cosa capitata nell’era Open due volte a Nadal (RG ’08 e ’10), una volta a Federer (AO ’07), tre a Borg (Wim ’76, RG ’78 e RG 80), una volta a Rosewall (AO ’71, ma giocando due turni in meno);

– peraltro soltanto nel primo titolo (Australian Open 2008) si era presentato in finale senza aver perso set, e prima di quest’anno soltanto all’Australian Open del 2011 aveva vinto un atto conclusivo in 3 set. Un dominio sul campo, con qualche concessione, qua e là, ai propri avversari (0 set persi nei primi turni, 2 nei secondi turni, 1 nei terzi turni, 8 agli ottavi, 6 ai quarti, 9 in semifinale, 11 in finale);

– giunti all’edizione 192 degli Slam era open, mai una finale si era conclusa per 6-1 7-5 7-6. Molto simile era stato il punteggio della finale dello US Open del 1994, con Agassi vincente su Stich per 6-1 7-6 7-5, oppure la finale del già citato Australian Open del 1971, in cui Rosewall batté Ashe per 6-1 7-5 6-3;

– 25esima volta in cui una finale Slam maschile vede il primo set concludersi per 6-1: in 19 casi il primo set ha arriso al vincitore finale, in altri 6 casi no. Ultimo caso positivo Federer a RG ’09, ultima caso contrario fu favorevole a Nadal al RG ’06;

Andy Murray perde la settima finale Slam a fronte di 2 vittorie, solo Djokovic (8), Federer (10) e Lendl (11) ne hanno perse più di lui nell’Era Open (Agassi e Connors lo stesso), ma stride il numero di tornei vinti; Federer raggiunge Connors a numero 7 semifinali perse contro il futuro vincitore (in 4 casi Djokovic, 1 Safin, Nadal e Cilic).

David Ferrer raggiunge i 4 quarti di finale persi contro il futuro vincitore dello Slam, ma qui il più “titolato” è il russo Kafelnikov a 5. Ai quarti c’è Lleyton Hewitt (6), agli ottavi Magnus Larsson (3).

Era dal Roland Garros 2009 che il primo set della finale Slam non finiva 6-1 (Federer-Soderling). A Melbourne non capitava dal 1983 (Wilander-Lendl). In entrambi i casi le partite si sono concluse in 3 set. Primo set migliore in finale per Novak, che per ora aveva fatto al massimo un 6-2 (vs Nadal, US OPEN 2011).

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *