Città di Crema, Beatrice Stagno e tre azzurri in semifinale

di - 21 Giugno 2018
Beatrice Stagno, milanese classe 2003

Sono rimaste due situazioni all’opposto nei tabelloni di singolare del 14° torneo internazionale under 16 Città di Crema, allineati alle semifinali. Nel maschile l’Italia ha portato tre racchette fra le ultime quattro, con Saverio Trippetti, Giulio Perego e Filippo Botti chiamati a rovinare la festa (in tutti i sensi, visto che il prossimo martedì spegnerà 16 candeline) al grande favorito della vigilia Daniel Linkuns-Morozovs. Nel femminile, invece, è rimasta in corsa la sola Beatrice Stagno, circondata dalle prime tre teste di serie del torneo: le bielorusse Aliona Falei ed Evialina Laskevich, e la croata Tara Wurth. Sui campi del Tennis Club Crema la Stagno, 15 anni da Bovisio Magnago (Milano), si è guadagnata un posto per la penultima giornata grazie al successo per 6-2 7-6 nel derby contro la piemontese Greta Schieroni. Venerdì sarà lei a provare a mettere i bastoni fra le ruote alla numero 1 del tabellone Aliona Falei, che a 14 anni potrebbe ancora competere fra le under 14 (è numero 8 della classifica europea), ma è già lanciatissima nella categoria superiore. Se n’è accorto il pubblico di Crema, che sin qui l’ha sempre vista passeggiare. Nei suoi primi tre incontri la tennista dell’Est Europa ha lasciato per strada soli sette game in tutto, confermando di avere una marcia in più rispetto a tutte le altre. Ultima a cadere sotto i suoi colpi la bergamasca Alice Volpe, costretta al ritiro per un problema fisico quando il punteggio recitava 6-1 3-0 in favore dell’avversaria. Insieme alla Volpe, hanno salutato il torneo anche Giorgia Pedone, sconfitta rapidamente dalla Wurth, e Anastasia Abbagnato. La 14enne palermitana è riuscita a strappare il primo set a Evialina Laskevich, ma dopo aver lasciato il secondo parziale è rimasta senza energie, fino a cedere con il punteggio di 3-6 6-4 6-0.

Nel tabellone maschile, invece, Linkuns-Morozovs ha fatto fuori il terzo azzurro in altrettanti incontri, superando per 6-0 6-1 il giovane del Tc Crema Danny Ricetti. Ora il lettone si prepara al duello contro Saverio Trippetti, capace di sfruttare alla grande la wild card ricevuta. Il 16enne di Spoleto, già capace di vincere quattro partite la scorsa settimana al prestigioso Torneo Avvenire di Milano, si è reso protagonista dell’eliminazione di due teste di serie: mercoledì ha battuto Pasquariello, mentre il giorno dopo l’ha spuntata per 6-3 1-6 6-2 sul croato Luka Mirkut, cancellando così la penultima bandiera straniera dal tabellone. Indipendentemente dall’esito della semifinale di Trippetti, l’Italia è già certa di avere un giocatore in finale, visto che nella parte bassa del tabellone l’accesso all’ultimo atto sarà in palio fra il numero 4 del seeding Giulio Perego, passato per 6-4 7-5 su Federico Serena, e Filippo Botti, sin qui protagonista di una splendida cavalcata. Partito dalle qualificazioni, l’emiliano ha già vinto cinque incontri, l’ultimo contro l’altoatesino Jonas Greif, battuto per 6-4 7-5. Venerdì al Tennis Club Crema sono in programma le semifinali del singolare e le finali dei doppi (ingresso gratuito).

RISULTATI

Singolare maschile. Quarti: Linkuns-Morozovs (Lat) b. Ricetti (Ita) 6-0 6-1, Trippetti (Ita) b. Mirkut (Cro) 6-3 1-6 6-2, Perego (Ita) b. Serena (Ita) 6-4 7-5, Botti (Ita) b. Greif (Ita) 6-4 7-5.

Singolare femminile. Quarti: Falei (Blr) b. Volpe (Ita) 6-1 3-0 ritiro, Stagno (Ita) b. Schieroni (Ita) 6-2 7-6, Laskevic (Blr) b. Abbagnato (Ita) 3-6 6-4 6-0, Wurth (Cro) b. Pedone (Ita) 6-0 6-2.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *